Categorie


Metalli pesanti


Stress ossidativo


Perfusione Cerebrale


ca++ ed autismo


Neurotossicita'


Disbiosi Gastrointestinale

Martedì, 03 Aprile 2018 16:16

L'ALLUMINIO NEI VACCINI CAUSA L'AUTISMO: ECCO LE PROVE

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

Gli scienziati internazionali hanno trovato la causa dell'autismo. Cosa faranno gli americani?

 

DI JB HANDLEY, 2 aprile 2018

Cinque scoperte chiare, replicabili e correlate che spiegano come l'autismo è scatenato hanno formato un'immagine innegabilmente chiara della causalità dell'autismo e

possibilmente dei modi per alleviare i sintomi. La maggior parte della ricerca che ha creato questa comprensione è stata pubblicata negli ultimi 36 mesi e in gran parte da

scienziati internazionali nel Regno Unito, Canada, Francia, Israele e Cina. I media americani, le autorità sanitarie pubbliche e l'autismo parlano? Silenzioso

STAFFORDSHIRE, Inghilterra -In   All'inizio di dicembre 2017, il dott. Chris Exley della Keele University in Inghilterra ei suoi colleghi hanno pubblicato un documento che per la

prima volta ha esaminato il tessuto cerebrale di soggetti con autismo per determinare il livello di alluminio (nota: si scrive "alluminio" come "alluminio" "Nel Regno Unito) trovato

nel loro tessuto cerebrale. Per chiunque cerchi di convincere il mondo che "la scienza è risolta ei vaccini non causano l'autismo", i risultati dello studio sono profondamente in

contraddizione con tale affermazione. In un post sul blog scritto dal professor Exley nel giorno in cui è stato pubblicato il suo studio, ha spiegato i risultati rivoluzionari:

"... mentre il contenuto di alluminio di ciascuno dei 5 cervelli [di persone con autismo] era incredibilmente alto, era la posizione dell'alluminio nel tessuto cerebrale che
fungeva da osservazione straordinaria ... Le nuove prove suggeriscono fortemente che l'alluminio sta entrando nel cervello in ASD [disturbi dello spettro autistico]
tramite cellule proinfiammatorie che sono state caricate con alluminio nel sangue e / o linfa, come è stato dimostrato per i monociti nei siti di iniezione per i vaccini
inclusi i coadiuvanti di alluminio. "
 
Dr. Chris Exley della Keele University

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dr. Chris Exley della Keele University

La citazione del dott. Exley include un riferimento ai "monociti nei siti di iniezione" e al fatto che l'interazione tra questi

monociti e alluminio è stata dimostrata nella precedente scienza pubblicata. Lo so, sembra abbastanza tecnico, ma

sopportami. Un "monocita" è un tipo di globuli bianchi, di cui una forma di monocita è un "macrofago". Un macrofago può

essere pensato come il netturbino del sistema immunitario, mangiando sostanze estranee, detriti cellulari, ecc. Come vedrete

in un attimo, i macrofagi sembrano svolgere un ruolo critico e devastante nell'innescare l'autismo, servendo a scortare

alluminio iniettato da un vaccino direttamente nel cervello, dove può disturbare lo sviluppo del cervello e innescare l'autismo.


Lo studio del dott. Exley - " Alluminio nel tessuto cerebrale e nell'autismo " - è l'ultimo pezzo di un puzzle che ha iniziato a riunirsi nel 2004, e ha preso piede dal 2010,

che ha drasticamente ampliato la comprensione scientifica di esattamente come un vaccino può innescare l'autismo. Questa linea temporale è fondamentale da

riconoscere, perché la Corte dei Vaccini negli Stati Uniti ha respinto l'ipotesi sull'autismo del vaccino nel 2009, molto tempo prima che la maggior parte di ciò che sto

per spiegare esistesse. La scienza è un continuum, un'emergenza di verità attraverso molti studi diversi che spesso devono essere messi insieme prima che l'immagine

diventi chiara. E il progresso scientifico può a volte muoversi lentamente fino al momento in cui una verità emergente si presenta in modo tale da non poter più

essere negata. Secondo me, lo studio del dott. Exley ha fornito gli unici dati mancanti da una spiegazione ermetica di quello che è successo a mio figlio e a tanti altri

bambini.

Per gli americani, la gara per scoprire cosa sta causando tutto questo autismo sarà probabilmente vinta su rive straniere. Come vedrete presto, TUTTA la
scienza che spiega come l'autismo può essere causato proviene da altri paesi, anche se uno scienziato del Caltech ha spinto il primo domino nel 2006.
 

Perché l'alluminio nei vaccini?

L'alluminio è un componente fondamentale della maggior parte dei vaccini somministrati ai bambini. Serve come un "adiuvante" che significa che l'alluminio serve a

"svegliare" il sistema immunitario, provocando il sistema immunitario a riconoscere l'antigene all'interno del vaccino per qualunque malattia il vaccino serva a

proteggere contro. La quantità di alluminio nei vaccini somministrati ai bambini salì alle stelle all'inizio degli anni '90 per due motivi: 1), più vaccini sono stati aggiunti

al programma vaccinale dei bambini e, 2), il tasso di vaccinazione per tutti i vaccini somministrati ai bambini è salito (da 50- Il 60% dei bambini è stato vaccinato a

metà degli anni '80 ad oltre il 90% oggi). Un bambino a metà degli anni '80 avrebbe ricevuto 1.250 microgrammi di alluminio dai propri vaccini entro il loro

compleanno di 18 mesi se fossero stati completamente vaccinati. Oggi quel numero è di 4.925 microgrammi, quasi un quadruplo di alluminio totale. Puoi leggere di

più su questo in un eccellente studio pubblicato da Neil Miller, ecco un'immagine dello studio:

Neil Miller.jpeg

Meticamente, l'alluminio non ha mai sperimentato test biologici per considerarne la sicurezza per essere iniettato nei bambini, essendo stato "grandfathered" nei nostri

moderni standard di sicurezza. Gli scienziati canadesi Dr. Chris Shaw e Dr. Lucija Tomljenovic hanno affrontato questa omissione in uno studio critico pubblicato nel

2011 in Current Medicinal Chemistry intitolato "Aluminium vaccino coadiuvanti: sono sicuri?" Scrissero:

"L'alluminio è una neurotossina dimostrata sperimentalmente e l'adiuvante del vaccino più comunemente usato. Nonostante quasi 90 anni di uso diffuso di
adiuvanti di alluminio, la comprensione della scienza medica sui loro meccanismi di azione è ancora notevolmente scarsa. Vi è anche una relativa scarsità di
dati sulla tossicologia e sulla farmacocinetica di questi composti. Nonostante ciò, l'idea che l'alluminio nei vaccini sia sicuro sembra essere
ampiamente accettato.  La ricerca sperimentale, tuttavia, dimostra chiaramente che gli adiuvanti di alluminio hanno un potenziale per indurre gravi
disturbi immunologici negli esseri umani. In particolare, l'alluminio in forma adiuvante comporta un rischio di autoimmunità, infiammazione del cervello a
lungo termine e complicanze neurologiche associate e può quindi avere conseguenze per la salute negative profonde e diffuse. "
 

Ho scritto un ampio articolo a gennaio sul modo in cui la sicurezza dell'alluminio è stata gestita male, puoi leggere quell'articolo proprio qui:


 Uno scienziato solitario della FDA potrebbe porre fine all'epidemia di autismo

 

 

Punto zero al Caltech

Quando lo scienziato del Caltech Dr. Paul Patterson è scomparso nel 2014, ho avuto poco apprezzamento sul fatto che nel corso della sua carriera aveva innescato una catena

di eventi che potrebbero ora fornire una spiegazione chiara e inequivocabile di come mio figlio ha sviluppato l'autismo nel 2004 . Sapere esattamente come l'autismo di mio

figlio è stato causato è incredibilmente importante per me e mia moglie, perché più informazioni abbiamo sulla causalità, più possibilità abbiamo di fare qualcosa al riguardo, e

forse recuperare mio figlio da un'afflizione che ora colpisce 1 su 36 Bambini americani

 

Quello che stai per leggere è il prodotto di più di due dozzine di recenti studi scientifici pubblicati da peer review, senza alcun pensiero originale da parte mia. Sono un uomo

d'affari e un padre, ma quello che segue è una "grande teoria dell'autismo" così completa e ben supportata che penso meriti l'attenzione di ogni membro della comunità

dell'autismo. Quando la totalità di questa spiegazione mi divenne chiara, non solo la mia mascella colpì il pavimento, ma fui immediatamente consumato da pensieri su come

questa chiara spiegazione potesse influire sul modo in cui trattiamo l'autismo di nostro figlio, e spero che faccia lo stesso per tu e forse anche il tuo dottore. Quello di cui sono

certo è che questa "grande teoria" ha bisogno di essere pesantemente dibattuta, e spero che mettendola nella sfera pubblica contribuisca a spostarla lungo quel percorso.

 

(Sono in debito con uno scienziato anonimo che gestisce un sito web chiamato Vaccine Papers , da cui provengono molti di questi spunti. Citerò VP in questo pezzo, riferendosi

a VP come "VP". Consiglio vivamente di leggere la totalità del suo sito Web, in cui le spiegazioni sono molto più scientifiche di quelle che leggerete qui.)

 

Non dovrebbe sorprendere che tutta questa scienza sia stata pubblicata al di fuori degli Stati Uniti. Ho ascoltato da vicino le storie degli scienziati americani che vogliono

studiare l'autismo e si lamentano del fatto che qualsiasi studio che sia anche lontanamente controverso sia quasi impossibile finanziare o ottenere l'approvazione.

 


 

Scoperta n. 1 : "Attivazione immunitaria materna" può causare l'autismo

Mentre la morte del dottor Patterson non era qualcosa di cui ero a conoscenza al momento, fu certamente riconosciuta dalla comunità scientifica, di cui il suo necrologio da

Caltech spiega in grande dettaglio.

 

Paul Patterson.jpeg

 

"La ricerca del Dott. Patterson si è concentrata sulle interazioni tra il sistema nervoso e il sistema immunitario - una connessione che non era universalmente riconosciuta nei primi tempi della neuroscienza", spiega il suo necrologio, "è stato incuriosito da studi epidemiologici che avevano collegato una grave infezione virale o batterica durante gravidanza con l'aumentato rischio di una donna che partorisce un bambino con un disturbo dello sviluppo neurologico come la schizofrenia o l'autismo.Patterson ei suoi colleghi hanno riprodotto questo effetto umano nei topi usando una mimica virale che scatena una risposta immunitaria simile a un'infezione nella madre, producendo nella prole i principali sintomi comportamentali associati all'autismo e alla schizofrenia. "

Nel 2006, il Dr. Patterson ha introdotto la sua complessa comprensione dell'interazione tra sistema immunitario e neurosviluppo attraverso un eccellente articolo sulla rivista di Ingegneria e Scienza , intitolato Gravidanza, Immunità, Schizofrenia e Autismo. Spero che ti prenda il tempo di leggere questo per te stesso, il Dr. Patterson fa un ottimo lavoro di spiegare la sua scoperta ai non iniziati, è davvero un lavoro fondamentale. Ecco una citazione:

"Man mano che apprendiamo di più sulle connessioni tra il cervello e il sistema immunitario, scopriamo che queste reti apparentemente indipendenti di cellule, infatti, parlano continuamente tra loro. Da adulto, l'attivazione del tuo sistema immunitario causa molti cambiamenti sorprendenti nel tuo comportamento: aumento del sonno, perdita di appetito, minore interazione sociale e, naturalmente, mal di testa. Al contrario, lo stress nella tua vita (come percepito dal tuo cervello) può influenzare la funzione immunitaria - il cervello regola gli organi immuni, come la milza, attraverso il sistema nervoso autonomo. Prove recenti dimostrano che questa conversazione cervello-immune inizia effettivamente durante lo sviluppo dell'embrione, dove lo stato del sistema immunitario della madre può alterare la crescita delle cellule nel cervello fetale. Come vedremo, tali alterazioni possono comportare un aumento del rischio di schizofrenia o di autismo nella prole. "

{0}{/0} {1}              {/1} {2}Sei con me {3}?{/3}{/2} Fondamentalmente, quello che dice il dott. Patterson è che se una madre incinta si ammala (virus, batteri) durante la gravidanza - un evento che "attiva" il suo sistema immunitario - quell'attivazione può influire sul neurosviluppo (come è costruito esattamente il cervello) di lei feto, potenzialmente portando a problemi neurologici dopo la nascita. Il Dott. Patterson ha portato questa spiegazione un ulteriore passo avanti, spiegando che il cervello delle persone con autismo riflette l'attivazione del sistema immunitario avvenuta, anche decenni più tardi, poiché cita un lavoro prezioso svolto a Johns Hopkins:

"Esistono anche prove molto evidenti di disregolazione immunitaria nel cervello stesso. Proprio l'anno scorso, un gruppo guidato da Carlos Pardo a Johns Hopkins ha trovato quella che chiamano una "infiammazione neurale" nell'esame postmortale del cervello di pazienti con autismo morto tra gli otto ei 44 anni. Ma queste persone non erano infette: morivano di cose come annegamento o infarto. Lo studio ha scoperto che le cellule microgliali, che agiscono come il sistema immunitario del cervello, sono state attivate. Lo studio ha anche riscontrato aumenti sorprendenti di alcune citochine nel cervello e di altre nel liquido cerebro-spinale. Questo è un punto di riferimento, secondo me. Presenta la prima evidenza che c'è un'attivazione permanente e permanente del sistema immunitario nel cervello delle persone autistiche. È uno stato subclinico, perché non c'è alcuna infezione evidente. Ma è lì. "

Mentre il dott. Pardo e colleghi sono stati i primi a trovare questa "attivazione microgliale" nel cervello dei bambini con autismo, questa scoperta è stata replicata molte volte, ecco uno studio dal Giappone nel 2013 che ha trovato la stessa cosa:

"In conclusione, le attuali misurazioni PET hanno rivelato un'attivazione marcata della microglia in più regioni cerebrali di giovani adulti con ASD. I risultati sostengono fortemente la tesi che le anormalità del sistema immunitario contribuiscono all'eziologia dell'ASD. "

Se hai intenzione di prendere una cosa da questa sezione, consiglierei un estratto dalla citazione del Dr. Patterson che vale la pena di memorizzare:

 

" C'è un'attivazione permanente e permanente del sistema immunitario nel cervello delle persone autistiche. "

 

È quello che è successo (e sta ancora accadendo) a mio figlio?

Ulteriore perfezionamento della scoperta n. 1: attivazione immunitaria dalla citochina interleuchina-6

Se sei un genitore di autismo, probabilmente hai sentito l'espressione "tempesta di citochine" e hai capito a metà cosa potrebbe significare (qualsiasi cosa con "tempesta" alla fine non può essere buona - ciò che significa in realtà è un infiammazione cronica a lenta combustione nel cervello). Nel 2006, il dott. Patterson e i suoi colleghi stavano ipotizzando che le citochine del sistema immunitario potessero essere responsabili di alterare lo sviluppo cerebrale del feto durante la gestazione:

"Le citochine sono prodotte dai globuli bianchi, e i loro livelli nel sangue aumentano quando otteniamo un'infezione ... Pensiamo che l'attivazione immunitaria materna altera i circuiti cerebrali ... c'è quel permanente, subclinico, alterato stato immunitario nel cervello autistico - quelle aumentate citochine livelli ... sono [le citochine] che interagiscono effettivamente con il cervello in modo continuo, con conseguenze visibili nel comportamento dei pazienti? Io preferisco l'ipotesi [delle citochine]. "

 

Link di studio QUI

 

Appena un anno dopo l'eccellente articolo del Dott. Patterson sull'attivazione materna dell'immunità ("MIA"), lui ei suoi colleghi hanno prodotto il primo studio che ha portato la loro comprensione delle citochine a un livello più dettagliato. Sapendo che MIA stava producendo prole con disturbi neurologici (nel loro modello murino), volevano scoprire cosa - esattamente COSA - stava causando lo sviluppo alterato del cervello. Hanno pensato che fosse una citochina (di cui ce ne sono molti), ma quale? Come hanno osservato Patterson e i suoi colleghi, "tuttavia, il meccanismo con cui la MIA causa deficit comportamentali a lungo termine nella prole è sconosciuto". Questo finché non lo hanno scoperto:

"Qui mostriamo che la citochina interleuchina-6 (IL-6) è fondamentale per la mediazione dei cambiamenti comportamentali e trascrizionali nella prole. Una singola iniezione materna di IL-6 nel giorno 12.5 della gravidanza del topo provoca deficit di inibizione dei prepulsi (PPI) e di inibizione latente (LI) nella progenie degli adulti ".

Nel caso dell'esperimento del 2007, Patterson ei suoi colleghi hanno iniettato topi gravidi con una citochina specifica - l'interleuchina-6 ("IL-6") - e hanno visto cambiamenti nella neurologia della loro prole.

Replica della scoperta del Dr. Patterson su MIA e IL-6

Il lavoro del Dr. Patterson è stato rivoluzionario. Ha legato il sistema immunitario e il cervello insieme in modi precedentemente non riconosciuti. Come tutte le grandi nuove scoperte della scienza, le teorie del Dr. Patterson sono state replicate molte volte. Nel 2012, il Dr. Patterson e i suoi colleghi hanno prodotto questo documento, che era più specifico dell'autismo e ha raggiunto una conclusione simile:

"Questi risultati indicano che la MIA produce prole maschile con comportamento sociale e comunicativo carente, così come alti livelli di comportamenti ripetitivi, che sono tutti segni distintivi dell'autismo".

 

Link di studio QUI

Link di studio QUI

 

Nel 2014, il MIND Institute di UC-Davis ha pubblicato un importante studio che ha portato il lavoro del Dr. Patterson nei topi e lo ha replicato nelle scimmie. Perché le scimmie sono importanti? Gli autori dello studio hanno spiegato:

"L'infezione materna durante la gravidanza è associata ad un aumentato rischio di schizofrenia e autismo nella prole. A supporto di questa correlazione, l'attivazione sperimentale del sistema immunitario materno durante la gravidanza nei roditori produce prole con anormale sviluppo cerebrale e comportamentale. Abbiamo sviluppato un modello di primati non umani per colmare il divario tra popolazioni cliniche e modelli di roditori di attivazione immunitaria materna (MIA). "

E gli scienziati dell'istituto MIND hanno visto risultati simili a quelli trovati nei topi:

"In questo modello di scimmia rhesus, MIA produce prole con comportamenti ripetitivi anormali, comunicazione e interazioni sociali. Questi risultati estendevano le scoperte nei modelli di MIA dei roditori a comportamenti più simili a quelli umani, simili a quelli sia dell'autismo che della schizofrenia. "

Ci sono molti altri studi che supportano le scoperte del Dr. Patterson, eccone uno in più per fare il punto da Neuroscience - L'elevazione del cervello IL-6 provoca squilibri neuronali dei circuiti e media i comportamenti di tipo autistico - pubblicati nel 2012:

"In sintesi, il nostro studio supporta un ruolo fondamentale dell'IL-6 nel modulare i comportamenti di tipo autistico attraverso alterazioni della formazione di sinapsi, dello sviluppo della colonna dendritica e del bilancio dei circuiti neuronali. Questi risultati suggeriscono che la manipolazione dell'IL-6 potrebbe essere una strada promettente per gli interventi terapeutici ".

Dr. Patterson: cosa può causare l'attivazione immunitaria?

Il Dott. Patterson ha contribuito a stabilire come fatto scientifico che una MIA durante la gravidanza può causare l'autismo. Come genitore, sono ossessionato dalle parole del Dr. Patterson che "c'è un'attivazione permanente e permanente del sistema immunitario nel cervello delle persone autistiche". Se questo è davvero ciò che sta accadendo a mio figlio, crea una domanda ovvia: cosa possiamo fare a riguardo? È per questo che capire esattamente cosa è successo a mio figlio è così importante ...

 

Pattersin Flag.jpeg

 

 

... E perché c'è qualcos'altro che il dottor Patterson ha menzionato nel suo articolo della rivista del 2006 , qualcosa che oggi potrebbe farlo finire fuori dal Caltech ma era ancora permesso nel discorso scientifico di allora, ha detto questo:

Infine, voglio porre una domanda che è emersa in letteratura negli ultimi anni - dovremmo davvero promuovere la vaccinazione materna universale ? Il vaccino antinfluenzale è stato raccomandato di routine alle donne incinte negli Stati Uniti dal 1957. La politica ufficiale dei Centers for Disease Control afferma che "la somministrazione di vaccini alle donne in cerca di assistenza prenatale è un'opportunità di intervento preventivo che non dovrebbe essere sprecato". Ora potresti dire "Beh, certo, non vuoi prendere l'influenza se sei incinta!" Ma ricorda quell'esperimento di RNA a doppio filamento - abbiamo attivato il sistema immunitario e causato tutti questi effetti a valle sul feto. E cosa fa una vaccinazione? Attiva il sistema immunitario. Questo è il punto di vaccinazione. In pratica, non tutte le donne incinte ricevono vaccini antinfluenzali, e penso che la vaccinazione universale delle donne in gravidanza potrebbe portarci in una serie di problemi completamente nuovi.

Lo ha detto il dottor Patterson, quindi non devo essere il primo a tirarlo su. Ha detto che una vaccinazione "attiva il sistema immunitario" e ci ha anche detto che "l'attivazione immunitaria" può causare l'autismo. In che modo un vaccino attiva esattamente il sistema immunitario?

Risposta: Idrossido di alluminio, noto come "adiuvante in alluminio".

Scoperta n. 2: l' adiuvante di alluminio causa l'attivazione immunitaria ed è molto più neurotossico di quanto si pensasse in precedenza

Composti di alluminio (idrossido di Al e fosfato di Al) sono gli adiuvanti più comuni utilizzati nei vaccini. Sono attualmente utilizzati nell'epatite A, epatite B, difterite-tetano-pertosse (DTaP, Tdap), Haemophilus influenzae tipo b (Hib), vaccino umano papillomavirus (HPV) e pneumococco (PCV). L'adiuvante di alluminio "attiva" il sistema immunitario, che induce l'immunità a lungo termine agli antigeni nel vaccino.

La comprensione scientifica della tossicità adiuvante dell'alluminio è cambiata e si è approfondita drammaticamente negli ultimi anni (dal 2007).

In effetti, la ricerca pubblicata sull'adiuvante di alluminio è così nuova che non è nemmeno stata presa in considerazione dalla FDA o dal CDC, che stanno ancora basando le raccomandazioni sull'uso dell'alluminio nei vaccini in uno studio pubblicato nel 2011 che ha erroneamente concluso che l'alluminio da un vaccino probabilmente finisce nel sistema scheletrico del corpo:

"Mentre il contributo dei vaccini al carico corporeo dell'alluminio di un neonato può essere leggermente superiore a quello del contributo dietetico nel nostro modello, è probabile che il pool primario in cui l'alluminio risiede, come deposito a lungo termine, sia il sistema scheletrico e non un organo soffice più sensibile è rassicurante. "

La maggior parte delle ipotesi sull'alluminio si basa sull'alluminio disciolto, non sull'idrossido di alluminio, che è il tipo di alluminio utilizzato nei vaccini. Ora stiamo imparando che l'idrossido di alluminio è una nanoparticella, assorbita dal macrofago del nostro corpo (il netturbino del sistema immunitario) dove il macrofago può quindi facilmente trasportare l'idrossido di alluminio al cervello (il macrofago passa facilmente attraverso la barriera emato-encefalica). Se ti piacerebbe vedere una completa rimozione del "livello di sicurezza" della discussione sull'alluminio fatta ancora dalla FDA e dal CDC, vedi l' eccellente lavoro di VP, ecco un breve estratto:

"Non è ragionevole o scientifico utilizzare studi di sali di alluminio ingeriti, solubili in acqua (come AlCl3 o Al-lattato) per stabilire una dose sicura di adiuvante di alluminio iniettato (comprendente idrossido di alluminio / nanoparticelle di fosfato). Le forme chimiche e la via di somministrazione sono diverse. Oggi è ben noto che le nanoparticelle possono avere una tossicità più elevata rispetto alle forme massicce o solubili dello stesso materiale ... Sono i promotori del vaccino a creare questo approccio intrinsecamente invalido alla sicurezza del coadiuvante in alluminio. I critici dei vaccini, incluso me, sostengono che la sicurezza dell'adiuvante in alluminio iniettato può essere testata solo con adiuvante in alluminio iniettato, non ingerito di sali di alluminio come AlCl3 o Al lattato. Questo dovrebbe essere il buonsenso. Quindi, tralasciando i problemi importanti della tossicità delle nanoparticelle e della via di somministrazione, vorrei affrontare la domanda: è proprio vero che gli animali (topi o ratti) non vengono danneggiati dall'assunzione di 62 mg / kg / die o di 26 mg / kg / die di alluminio ? Dopotutto, questa è la base fondamentale per la sicurezza dell'adiuvante in alluminio. I promotori di vaccini si affidano a Keith e Mitkus per dimostrare che l'adiuvante di alluminio è sicuro, e Keith e Mitkus dipendono dall'affermazione che questi dosaggi sono sicuri per gli animali da ingerire. Se il dosaggio di 26 mg / kg / die è in effetti dannoso per gli animali, allora le analisi di Keith e Mitkus sono sbagliate e insalorabili. Diversi studi dimostrano chiaramente che dosaggi molto inferiori a 26 mg / kg / die sono dannosi e sono presentati di seguito. "

 video link https://youtu.be/HK-93SHnTFk

 

La prima volta che mi sono svegliato di persona l'idea che l'adiuvante di alluminio usato nei vaccini potrebbe essere molto più tossico e pericoloso di quello che sapevo era quando ho iniziato a leggere l'incredibile lavoro del Dr. Chris Shaw presso l'Università della British Columbia in Canada . (Guarda questo video di Dr. Shaw che parla di adiuvante in alluminio e alcuni degli esperimenti che lui e i suoi colleghi hanno fatto sui topi.)

Nel 2007, il dott. Shaw ha pubblicato il primo studio che esamina l'adiuvante di alluminio iniettato in questo documento, l' adiuvante in alluminio collegato alla malattia della guerra del Golfo induce Motor Neuron Death in Mice e ha lanciato un allarme mondiale sui pericoli del coadiuvante dell'alluminio:

"Inoltre, l'uso continuato di adiuvanti di alluminio in vari vaccini (ad esempio, epatite A e B, DPT, e così via) per il pubblico in generale può avere implicazioni sulla salute ancora più diffuse. Fino a quando la sicurezza del vaccino non può essere pienamente dimostrata da studi controllati a lungo termine che esaminano l'impatto sul sistema nervoso in dettaglio, molti di quelli già vaccinati e quelli che attualmente ricevono iniezioni potrebbero essere a rischio in futuro. Se il rischio di protezione da una malattia temuta superi il rischio di tossicità è una domanda che richiede un'attenzione urgente ".

Nel 2009, il dott. Shaw's ei suoi colleghi della British Columbia hanno pubblicato un altro studio che esaminava l'idrossido di alluminio iniettato, ei risultati erano profondamente preoccupanti:

"Nel complesso, i risultati riportati qui rispecchiano il lavoro precedente che ha chiaramente dimostrato che l'alluminio, sia nella forma orale che in quella iniettata, può essere neurotossico. I potenziali meccanismi di azione tossici per l'alluminio possono includere il potenziamento dell'infiammazione (cioè microgliosi) ... "

2012 : Meccanismi di tossicità adiuvante dell'alluminio e autoimmunità nelle popolazioni pediatriche

Tre anni dopo il suo studio pionieristico, il Dr. Shaw e la sua collega, la dott.ssa Lucija Tomljenovic, hanno pubblicato questo documento nel 2012, esprimendo gravi preoccupazioni per la comprensione limitata della tossicità dell'adiuvante di alluminio:

"... è piuttosto sorprendente scoprire che nonostante gli oltre 80 anni di utilizzo, la sicurezza degli adiuvanti di Al continua a basarsi su ipotesi piuttosto che su prove scientifiche.Ad esempio, non si sa nulla della tossicologia e della farmacocinetica degli adiuvanti di Al nei neonati e nei bambini ... Tuttavia, nonostante queste osservazioni, i bambini continuano regolarmente ad essere esposti a livelli molto più elevati di adiuvanti di Al rispetto agli adulti, attraverso programmi di vaccinazione di routine. "

I due scienziati hanno chiesto una rivalutazione urgente del profilo di sicurezza dei vaccini contenenti adiuvante in alluminio:

"Tuttavia, i dati esistenti (o la loro mancanza) sollevano dubbi sul fatto che gli attuali vaccini destinati alle popolazioni pediatriche possano essere accettati come aventi adeguati profili di sicurezza. Poiché i neonati e i bambini rappresentano coloro che potrebbero essere maggiormente a rischio di complicanze a seguito della vaccinazione, è urgente una valutazione più rigorosa dei potenziali effetti negativi sulla salute dei vaccini nelle popolazioni pediatriche rispetto a quanto è stato fornito fino ad oggi. "

2013 : Lenta traslazione dipendente da CCL2 di particelle biopersistenti dal muscolo al cervello

Nel 2013, gli scienziati francesi hanno dimostrato che l'adiuvante di alluminio, iniettato nel corpo di un topo, è finito nel cervello un anno dopo. Gli autori dello studio hanno espresso serie preoccupazioni riguardo questa nuovissima scoperta:

"Tuttavia, le continue dosi crescenti di questo adiuvante poco biodegradabile nella popolazione possono diventare insidiosamente pericolose, specialmente nel caso di sovraimmunizzazione o di barriera emato-encefalica alterata ..."

Gli autori hanno scelto le loro parole con attenzione, riconoscendo l'ubiquità dell'uso di adiuvante di alluminio nei vaccini pediatrici di tutto il mondo, motivo per cui la loro scelta di chiamare adiuvante di alluminio " insidiosamente pericoloso" dovrebbe causare preoccupazione a qualsiasi genitore. Sfortunatamente, la sola cosa che esprimono preoccupazione reale - le dosi crescenti - è esattamente ciò che sta accadendo ai bambini dall'inizio degli anni '90, quando il programma di vaccinazione negli Stati Uniti e in tutto il mondo è più che triplicato, in gran parte a causa dell'introduzione di nuovi vaccini che contengono adiuvante in alluminio.

2015 : Biopersistenza e traslocazione del cervello di coadiuvanti di alluminio dei vaccini

Nel 2015, un altro studio dell'Université Paris Est Créteil (UPEC) in Francia ha ulteriormente supportato questa nuova visione dell'adiuvante di alluminio come una tossina pericolosa, biopersistente e, in ultima analisi, cerebrale. (Lo studio ha confermato che l'adiuvante di alluminio si fa lentamente strada verso il cervello, dove rimane, forse per sempre.)

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

Lo studio ha spiegato che l'adiuvante di alluminio può generare una risposta immunitaria a lungo termine a causa della sua "biopersistenza", che fondamentalmente significa che il nostro corpo non ha la capacità di liberarsi di adiuvante di alluminio, perché è una sostanza artificiale che non abbiamo disegni naturali da eliminare :

"Così l'allume e altri materiali scarsamente biodegradabili raccolti alla periferia dai fagociti circolano nella circolazione linfatica e del sangue e possono entrare nel cervello usando un meccanismo di cavallo di Troia simile a quello usato dalle particelle infettive. Precedenti esperimenti hanno dimostrato che la somministrazione di allume può causare disfunzioni e danni al sistema nervoso centrale, sollevando dubbi sul livello esatto di sicurezza degli allume ".

Novembre 2016 : Dose-risposta non lineare di particelle adiuvanti di idrossido di alluminio: neurotossicità selettiva a basse dosi

E, proprio nell'autunno 2016, lo studio più importante e rivelatore fatto su adiuvante di alluminio ha fornito più cattive notizie e più approfondimenti.

È sicuro dire che le conclusioni di questo studio hanno rivoluzionato la nostra comprensione dell'adiuvante in alluminio. Dalla rivista Toxicology , gli autori di studi francesi erano molto preoccupati per l'uso diffuso di adiuvante in alluminio:

"La preoccupazione per la sicurezza del suo [ adiuvante di alluminio ] è emersa dopo il riconoscimento della sua biopersistenza inattesa di lunga durata all'interno delle cellule immunitarie in alcuni individui, e le segnalazioni di sindrome da stanchezza cronica, disfunzione cognitiva, mialgia, disautonomia e caratteristiche autoimmuni / infiammatorie temporalmente legate a molteplici Amministrazioni di vaccini contenenti Al. "

Hanno anche scoperto, attraverso modelli murini, una caratteristica unica profondamente allarmante dell'adiuvante di alluminio: le dosi basse e consistenti erano più neurotossiche di una singola dose in bolo:

"Concludiamo che l'alhydrogel [adiuvante di alluminio] iniettato a basso dosaggio nel muscolo del topo può indurre in modo selettivo l'accumulo cerebrale alfa a lungo termine e gli effetti neurotossici. Per spiegare questo risultato inaspettato, una strada che potrebbe essere esplorata in futuro si riferisce alla dimensione adiuvante poiché le sospensioni iniettate corrispondenti alla dose più bassa, ma non alle dosi più alte, contenevano esclusivamente piccoli agglomerati nell'intervallo di dimensioni dei batteri noti per favorire cattura e, presumibilmente, trasporto da cellule di lignaggio monociti. In ogni caso, l'idea che la neurotossicità di Alhydrogel obbedisca alla dose rende la regola del veleno della tossicità chimica classica appare eccessivamente semplicistica.
Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

Questa è una conclusione contro-intuitiva, ma profondamente importante, quindi sto portando in VP per spiegare ulteriormente:

Un nuovo articolo (Crepeaux et al.) Del gruppo di ricerca Gherardi in Francia riporta importanti risultati sulla tossicità e il trasporto di adiuvante di alluminio (Al) nei topi. Questo singolo studio è particolarmente prezioso perché ha esaminato molti risultati: effetti comportamentali, attivazione immunitaria (microgliale) nel cervello e trasporto di Al nel cervello. Lo studio ha testato dosaggi di 200, 400 e 800 mcg / Kg, iniettati per via intramuscolare (IM). L'adiuvante di Al utilizzato era AlOH (nome commerciale Alhydrogel), il coadiuvante di vaccino più comune in uso oggi. È usato nei vaccini contro il tetano, Hep A, Hep B, HiB, pneumococco, meningococco e antrace. Sorprendentemente, lo studio ha rilevato che il dosaggio più basso (200 mcg / Kg) era il più tossico! Per molti esiti, i dosaggi di 400 e 800 mcg / Kg non hanno avuto effetti avversi osservabili, ma il dosaggio di 200 mcg / Kg lo ha fatto. La bassa tossicità dei dosaggi più alti sembra essere una conseguenza dell'infiammazione dose-dipendente nel sito di iniezione. Gli alti dosaggi hanno causato un'infiammazione intensa nel sito di iniezione, formando "granulomi". Il dosaggio di 200 mcg / Kg non ha prodotto granulomi. I granulomi sono noduli rigidi nel tessuto prodotto in risposta a lesioni, infezioni o sostanze estranee. È un modo in cui il corpo "spegne" il tessuto danneggiato e previene la diffusione di infezioni o tossine. Il granuloma sembra fornire protezione dalla tossicità adiuvante di Al; apparentemente il granuloma impediva alle particelle adiuvanti di lasciare il sito di iniezione. Questo spiega perché il dosaggio di 200 mcg / Kg ha influenzato il cervello e il comportamento, mentre i dosaggi più alti no. Ciò suggerisce che è più pericoloso e dannoso somministrare numerose piccole iniezioni di adiuvante di Al, rispetto a una singola iniezione di grandi dimensioni in grado di indurre un granuloma.

Gli autori dello studio hanno anche contestato il modo in cui FDA e CDC attualmente pensano alla tossicità adiuvante dell'alluminio, basandosi sostanzialmente sul fatto che l'approccio attuale è sbagliato:

"Come possibile conseguenza, confrontare l'esposizione adiuvante del vaccino ad altre esposizioni dell'alluminio non rilevanti, ad esempio alluminio solubile e altre vie di esposizione, potrebbe non rappresentare un approccio valido."

E gli scienziati francesi concludono con una conclusione che tutti i genitori dovrebbero trovare molto preoccupante:

"Nel contesto dello sviluppo massiccio di strategie basate sui vaccini in tutto il mondo, il presente studio potrebbe suggerire che la tossicocinetica e la sicurezza adiuvante dell'alluminio richiedono una rivalutazione".

 

Promemoria: questo studio è stato pubblicato solo per poco più di un anno. Si prega di guardare questa intervista incredibilmente ponderata e dettagliata Dr. Romain Gerard, autore principale dello studio. È in francese con sottotitoli in inglese:

video link https://youtu.be/Syabv4Vsrpg

 

 

Scoperta 3 : l'alluminio può aumentare IL-6 nel cervello

Una delle uniche frustrazioni dei notevoli studi di tossicità sugli adiuvanti di alluminio provenienti dalla Francia è che molti scienziati non hanno misurato esplicitamente il cervello dei topi per la citochina IL-6 che sappiamo possa essere rilasciata durante un evento di attivazione immunitaria e sappiamo anche che è fortemente associato a causare l'autismo. Ma, uno studio dal Medio Oriente pubblicato circa un anno fa, fornisce una solida base per la connessione adiuvante IL-6-alluminio.

In questo caso, gli scienziati hanno utilizzato l'alluminio per indurre l'Alzheimer nei ratti , che sembrano aver fatto con successo, dimostrando che l'alluminio ha causato un aumento di 4 volte dell'IL-6:

"I risultati hanno anche dimostrato che la somministrazione di alluminio ha aumentato le citochine proinfiammatorie dell'ippocampo TNF-α di 3,8 volte, IL-6 di 4 volte e iNOS di 3,8 volte rispetto al gruppo di controllo normale."

Se una di queste cose rimane confusa, penso che la descrizione di VP del coadiuvante di alluminio nel corpo riempirà qualsiasi buco:

La maggior parte dei vaccini contiene alluminio e l'alluminio è una neurotossina comprovata, nelle quantità ricevute dai vaccini. I vaccini in combinazione possono causare un sovraccarico di alluminio tossico. Persino l'alluminio in un singolo vaccino può essere dannoso perché l'alluminio è in una forma più pericolosa di quella dell'alluminio ingerito. Nello specifico, l'alluminio vaccino è in forma di nanoparticelle, che è più difficile da eliminare per il corpo e perché viene trasportato intorno al corpo in modo diverso dall'alluminio ingerito.
È naturale e normale ingerire piccole dosi di alluminio da cibo e acqua. Non è buono per te, ma il corpo ha difese adeguate. L'assorbimento di Al ingerito è basso, circa lo 0,3%, quindi circa il 99,7% viene eliminato nelle feci. L'alluminio ingerito è in forma ionica (atomi caricati individualmente), che viene facilmente rimosso dai reni. Inoltre, l'alluminio ionico è bloccato dall'entrare nel cervello dalla barriera emato-encefalica. Il basso assorbimento, la rapida eliminazione dei reni e la barriera all'ingresso del cervello proteggono adeguatamente il cervello dall'alluminio.
Tuttavia, l'alluminio nanoparticellare dai vaccini non può essere rimosso dai reni. Le particelle sono troppo grandi per essere filtrate dai reni. Le nanoparticelle di Al si dissolvono lentamente (convertendosi in alluminio ionico). Ma molto prima che possano dissolversi completamente, le nanoparticelle di Al vengono "mangiate" dalle cellule del sistema immunitario chiamate macrofagi. In altre parole, le particelle si depositano all'interno dei macrofagi. Una volta caricati con le nanoparticelle di Al, i macrofagi diffondono l'alluminio mentre viaggiano attraverso il corpo. Questo è pericoloso, perché i macrofagi Al-loaded portano le nanoparticelle di Al ai tessuti (ad esempio il cervello) che sono danneggiati da quantità molto piccole di alluminio.

Quick Pause: l'uovo di gallina dell'attivazione immunitaria

Voglio affrontare un argomento che ha innescato gran parte dell'esplorazione che mi ha spinto a scrivere questo articolo in primo luogo. All'inizio di quest'anno, ho avuto un po 'di polemica con il dott. Peter Hotez, detentore di un brevetto di vaccino che funge anche da portavoce per l'industria dei vaccini. Il dott. Hotez ha anche una figlia con autismo, quindi questo dibattito è molto personale per lui, come lo è per me. Il dott. Hotez è convinto che l'autismo sia "creato" in utero come mi ha spiegato, "la mia lettura della letteratura scientifica è che il cervello di bambini con autismo, come il nostro, erano così per il primo o il secondo trimestre di gravidanza." Il dott. Hotez basa le sue conclusioni sui tempi dell'autismo sul lavoro di un singolo studio del dott. Eric Courchesne e colleghi intitolato "Patch di disorganizzazione nella neocorteccia di bambini con autismo" che è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine . Il dottor Hotez ha persino preso la sua confutazione su alcune delle cose che ho pubblicamente scritto sull'autismo e sui vaccini un passo avanti, e penso che questa sia davvero la linea divisoria per molti scienziati, mi ha scritto:

"Un vaccino somministrato nel primo anno di vita non potrebbe in alcun modo causare una totale riorganizzazione dell'architettura del cervello, è solo una sfida alla ragione."

Lo fa? Sfugge alla ragione che il re-cablaggio del cervello - che ora crediamo sia causato da un evento di attivazione immunitaria - non potrebbe mai accadere dopo la nascita di un bambino?

Questa è la domanda più importante che deve essere risolta per determinare la causa dell'autismo, e penso che la risposta governerà il dibattito sulla causalizzazione dell'autismo da qui in avanti:

  • Se i vaccini non possono causare una "riorganizzazione dell'architettura del cervello" dopo la nascita di un bambino, è improbabile che i vaccini siano la causa dell'autismo (tuttavia, i vaccini somministrati alle donne in gravidanza possono ancora rappresentare un rischio per innescare un'attivazione materna).
  • Se i vaccini somministrati dopo la nascita possono causare la "riorganizzazione" del cervello, allora abbiamo un problema serio e serio con i vaccini.

Credo che la scienza sia molto chiara su questo punto. Scopritelo qui.

Le prove per i trigger autistici post-natali sono forti

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

Lo studio che il dottor Hotez mi ha menzionato, lo studio che ha dimostrato che l'autismo era determinato in utero, ora ho letto probabilmente una dozzina di volte. Puoi leggerlo da te, è uno studio in cui gli scienziati hanno esaminato l'effettivo cervello post-mortem di bambini con autismo e hanno riscontrato notevoli differenze nell'architettura cerebrale. Quello che lo studio non ha fatto, perché sarebbe stato impossibile fare con i cervelli post-mortem, alcuni vecchi di 15 anni, è stato speculato esattamente QUANDO si è verificata la disorganizzazione cerebrale. E, davvero, come potevano? Immagino che il dottor Hotez sia stato respinto dalla conclusione di questo studio, in cui gli autori hanno avanzato un'ipotesi:

"In conclusione, abbiamo identificato patch discreti di corteccia disorganizzata nella maggior parte dei campioni postmortem ottenuti da giovani bambini autistici che abbiamo esaminato. Questi patch si sono verificati nelle regioni che mediano le funzioni che sono disturbate nell'autismo: funzioni sociali, emotive, comunicative e linguistiche. Tali anomalie possono rappresentare un insieme comune di caratteristiche neuropatologiche dello sviluppo che sono alla base dell'autismo eprobabilmente derivano dalla disregolazione della formazione di strati e dalla differenziazione neuronale specifica dello strato in fasi di sviluppo prenatale. "
 

Hai preso quello che ha detto lo studio, la parte che il Dr. Hotez ha trasformato in fatto per sostenere la sua affermazione (e dal modo in cui ha citato questo studio ripetutamente in scritti pubblici sulla causa dell'autismo)? Gli autori hanno detto che la disregolazione che hanno visto nel cervello dei bambini "probabilmente" è avvenuta durante "fasi di sviluppo prenatale". Penso che le prove che vedrete in realtà puntino al contrario. VP lo ha spiegato bene:

Il documento "patch di disorganizzazione" è in realtà un'ulteriore prova che implica l'attivazione immunitaria e quindi i vaccini. Esperimenti di attivazione immunitaria hanno dimostrato che l'attivazione immunitaria / citochine causa l'interruzione degli strati neuronali. Quindi un vaccino potrebbe sicuramente farlo. Credo che le differenze associate all'autismo nel periodo prenatale siano semplicemente indicatori del fatto che il bambino sia particolarmente suscettibile alle lesioni di attivazione immunitaria. L'attivazione immunitaria funziona così: ogni volta che c'è un evento di attivazione, il sistema immunitario diventa più sensibile e reattivo allo stimolo immunitario. Quindi, un'attivazione "colpita" durante la gestazione può rendere il bambino più suscettibile alle lesioni di attivazione immunitaria postnatale. È noto che questa aumentata reattività si verifica con la microglia nel cervello (le microglia sono cellule immunitarie nel cervello). è chiamato "priming microglial". Una volta che le microglia sono innescate dall'attivazione immunitaria, diventano iperreattive per molto tempo, forse per tutta la vita.

VP è andato un po 'più lontano di quanto ha fatto il Dr. Hotez, fornendo questa immagine che è difficile da scuotere una volta che l'hai vista:

{0/}{1} (Clicca per ingrandire){/1}

Quello che si può vedere abbastanza chiaramente è che il cervello è ben lungi dall'essere sviluppato una volta nato un bambino. In effetti, 5 fasi separate dello sviluppo del cervello sono in corso o ancora da avviare. Potrebbe un evento di attivazione immunitaria dopo che il bambino è nato allo sviluppo del cervello di impatto? Sì, potrebbe.

E anche la scienza pubblicata supporta questa visione. In uno studio fatto nel 2012, Wei e colleghi hanno indotto sintomi simili all'autismo nei topi iniettandoli con IL-6 dopo che sono nati. Questo NON è un evento di attivazione immunitaria materna, questo è un evento di attivazione immunitaria di un neonato che porta allo sviluppo di sintomi di autismo.

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

 

Gli autori hanno notato:

"Qui mostriamo che i topi con IL-6 elevato nel cervello mostrano molte caratteristiche autistiche, tra cui abilità cognitive alterate, deficit nell'apprendimento, tratti anormali di ansia e abitudini, oltre a minori interazioni sociali. L'elevazione di IL-6 ha causato alterazioni nelle formazioni sinaptiche eccitatorie e inibitorie e ha interrotto l'equilibrio delle trasmissioni sinaptiche eccitatorie / inibitorie. L'elevazione di IL-6 ha anche determinato un cambiamento anormale nella forma, nella lunghezza e nel modello di distribuzione delle spine dendritiche. Questi risultati suggeriscono che l'elevazione di IL-6 nel cervello potrebbe mediare comportamenti di tipo autistico, probabilmente attraverso gli squilibri dei circuiti neurali e le alterazioni della plasticità sinaptica. "

Pensi ancora che il dott. Hotez abbia ragione, che l'autismo avvenga durante la gestazione o mai? Allora questo studio ti lascerà a bocca aperta, dal lontano 1981.

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

In questo caso di studio di tre bambini, pubblicato su Child Neurology , gli autori descrivono tre casi di autismo a insorgenza improvvisa, tutti causati da infezione e infiammazione del cervello. Sembra che non solo una infezione possa innescare un evento di attivazione immunitaria che porta all'autismo dopo la nascita di un bambino, ma può anche accadere a un bambino di 5, 7 o 11 anni (l'età dei tre bambini in questo studio ). Stai leggendo questo, dottor Hotez?

"Durante una malattia encefalopatica acuta, un quadro clinico sviluppato in tre bambini era compatibile con l'autismo infantile ... Nei nostri casi, le anormalità sono acquisite e non evolutive, ma si adattano chiaramente alle caratteristiche cliniche critiche della sindrome autistica infantile".

Scoperta 4: il vaccino contro l'epatite B induce IL-6 nei ratti postnatali

Quando questo articolo è stato pubblicato in Cina, nessuno che conoscevo nella comunità di autismo lo ha menzionato, immagino perché è stato difficile ricoprire il suo significato. Dovevi apprezzare tutto il lavoro di Patterson. Dovevi capire la connessione dell'IL-6 con l'autismo. Dovevi apprezzare le nuovissime intuizioni sulla tossicità adiuvante dell'alluminio, le implicazioni a basso dosaggio e che l'adiuvante di alluminio stava finendo nel cervello. E dovevi leggere un articolo dalla Cina che copriva molti altri aspetti, oltre a fornire un collegamento mancante nell'ipotesi dell'autismo adiuvante-citochina (IL-6) di alluminio che aiutava a fortificare.

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

VP ha scritto ampiamente su questo studio, inizierò citando VP, ma se vuoi un'analisi scientifica altamente dettagliata di questo studio, controlla questo .

"Un nuovo importante studio di Li et al. riporta gli effetti del vaccino bacillus calmette-guerin (BCG) (per la tubercolosi) e dell'epatite B sullo sviluppo del cervello nei ratti neonati. Lo studio mette in relazione i cambiamenti cerebrali osservati con il tipo di attivazione immunitaria (Th1 o Th2, spiegata di seguito) stimolata dai vaccini. I vaccini BCG e hep B hanno effetti opposti sul cervello (BCG è benefico e l'epatite B è dannoso) e una combinazione di entrambi i vaccini ha comportato la cancellazione degli effetti.
 
Questo è il primo studio per testare gli effetti dell'attivazione immunitaria mediante vaccinazione sullo sviluppo del cervello. Tutti gli altri studi di attivazione immunitaria hanno usato condizioni patologiche essenzialmente che imitano l'infezione e inducono una forte febbre. Una critica che ho sentito spesso dai sostenitori del vaccino è che gli esperimenti di attivazione immunitaria non sono rilevanti per i vaccini perché i vaccini causano un'attivazione immunitaria più lieve rispetto alle iniezioni di poli-IC o lipopolisaccaride (due tipi di attivatori del sistema immunitario). Questo nuovo studio dimostra che i vaccini possono influenzare lo sviluppo del cervello attraverso l'attivazione immunitaria. Quindi, gli esperimenti di attivazione immunitaria sono rilevanti per i vaccini ... Il vaccino per l'epatite B ha aumentato IL-6 nell'ippocampo (l'unica regione del cervello analizzata per le citochine). "

E, continua VP, spiegando i tempi della lesione ai ratti Hep B:

"Un risultato importante nello studio BCG / Hep B sul ratto è che molti degli effetti del vaccino contro l'epatite B non sono comparsi fino all'età di 8 settimane. Questa scoperta mina le affermazioni sulla sicurezza del vaccino, che sono quasi sempre basate su risultati a breve termine di pochi giorni o settimane. Inoltre, 8 settimane sono lunghe nei ratti. I ratti di 8 settimane sono adulti quasi completamente maturi. Ciò suggerisce che gli effetti avversi dei vaccini potrebbero richiedere anni o decenni per comparire nell'uomo. Questo è coerente con ciò che è noto sull'attivazione immunitaria e la schizofrenia. L'attivazione immunitaria nel feto può causare la schizofrenia 20-30 anni dopo.
L'evidenza scientifica accumulata e lo studio di Li et al, in particolare, suggeriscono che la vaccinazione può causare malattie mentali. Le malattie mentali sarebbero emerse anni o decenni dopo la vaccinazione di un bambino. I vaccini stanno probabilmente contribuendo all'aumento delle malattie mentali negli Stati Uniti negli ultimi 25 anni. L'aumento delle malattie mentali negli Stati Uniti coincide con il drammatico aumento della vaccinazione iniziato negli anni '80 ".

Questo studio è straordinario. Ci sono stati tre diversi gruppi di ratti: ratti che hanno ricevuto il vaccino BCG (non somministrato negli Stati Uniti), ratti che hanno ricevuto il vaccino contro l'epatite B (dato il giorno 1 della vita negli Stati Uniti) e un gruppo di controllo senza vaccino. Il vaccino BCG NON ​​contiene adiuvante in alluminio e l'impatto sul cervello del ratto da BCG è stato effettivamente positivo! I ratti del vaccino Hep B, tuttavia, hanno mostrato il tipo di evento di attivazione immunitaria che stiamo osservando nell'autismo (alto IL-6) Questa è la prova biologica del legame tra un vaccino - dato ad un animale post-natale - che induce un evento di attivazione immunitaria , incluso il marcatore delle citochine per l'autismo, IL-6. Un primo scientifico.

Scoperta 5: Alti livelli di alluminio nel cervello dell'autismo

In precedenza, ho menzionato lo studio del dicembre 2017 pubblicato dal professor Chris Exley - "Alluminio nel tessuto cerebrale e nell'autismo" - che ha trovato livelli incredibilmente elevati di alluminio nel tessuto cerebrale di cinque persone con autismo. In un'intervista, poco dopo la pubblicazione del suo studio, il dott. Exley ha spiegato:

"La quantità di alluminio nel tessuto cerebrale era, direi, straordinariamente alta. Molto alto Il mio gruppo ha misurato il contenuto di alluminio di probabilmente più di cento cervelli umani, e questi tessuti cerebrali prelevati da individui con una diagnosi di autismo sono stati tra i più alti che abbiamo misurato nessuno. Gli unici che abbiamo visto simili sono stati un recente studio sull'Alzheimer familiare. Questo di per sé è una scoperta molto importante. "

Il professor Exley e i suoi colleghi furono sorpresi da qualcos'altro: la posizione dell'alluminio all'interno del cervello:

"Forse altrettanto importanti se non più importanti sono stati gli studi di microscopia. Gli studi di microscopia ci permettono di identificare dove si trovava l'alluminio nel tessuto cerebrale. Quando abbiamo esaminato il nostro cervello di persone con una diagnosi di autismo, abbiamo trovato qualcosa di completamente diverso e qualcosa che non avevamo mai visto prima in nessun altro insieme di cervelli umani. Abbiamo scoperto che la maggior parte dell'alluminio era effettivamente all'interno delle cellule, intracellulare. Alcuni di questi erano all'interno dei neuroni, ma in realtà la maggior parte di essi era all'interno di popolazioni di cellule non neuronali. Quindi abbiamo scoperto che queste celle erano pesantemente caricate con alluminio. Abbiamo anche visto prove del fatto che le cellule della linfa e del sangue stavano passando nel cervello, quindi portavano con sé un carico di alluminio dal corpo al cervello. Questa è la prima volta in qualsiasi tessuto cerebrale umano che abbiamo visto, quindi questa è un'osservazione straordinaria e unica nell'autismo. Per me stesso, implica molto l'alluminio nell'eziologia dell'autismo. "

Quello che il professor Exley ha trovato erano macrofagi, il tipo che gli scienziati francesi hanno scoperto stavano trasportando l'alluminio nel cervello dei topi, caricato con alluminio, e servendo come trasportatori per portare l'alluminio nel cervello. Lo studio del dott. Exley ha mostrato che la conclusione che si sta facendo in laboratorio con i topi è ugualmente vera nel cervello delle persone con autismo.  Si scopre che gli esperimenti biologici che utilizzano topi per valutare l'impatto dell'adiuvante in alluminio iniettato sono stati ugualmente accurati quando estrapolati all'uomo. In effetti, il professor Exley fu così scioccato dai risultati che alterò la sua opinione sulla sicurezza dell'uso di vaccini contenenti alluminio.

" Non ho visto un ruolo per l'alluminio nell'autismo. E non ho visto un ruolo per l'alluminio nei vaccini nell'autismo. Devo cambiare idea ora su entrambi. Devo cambiare idea che l'alluminio ha un ruolo nell'autismo, credo che lo faccia adesso. Ora, poiché ho visto le stesse cellule che vedremo in un sito di iniezione che trasportava un carico di alluminio nel tessuto cerebrale di individui morti con autismo, ora direi che dobbiamo pensare molto attentamente a chi riceve un vaccino che includa un coadiuvante di alluminio. Dobbiamo pensare attentamente, questo vaccino è un vaccino salvavita o no? Se non lo è, non averlo con un adiuvante in alluminio. "

Il Dr. Exley ha appena detto ai genitori di non ottenere vaccini che costituiscono la MAGGIOR PARTE del programma vaccinale infantile. Dr. Exley, professore di ruolo presso la Keele University of Bioinorganic chemistry e senza pari il principale esperto al mondo sulla neurotossicità dell'alluminio.

Per inciso, e come prevedibile, lo studio del dott. Exley è già sottoposto a critiche appassionanti. Come genitore interessato solo alla VERITÀ, sto bene con questo, è importante che ogni critica significativa sia considerata e ogni conclusione criticata. Invio lo studio del dott. Exley a un ex collega del dott. Paul Patterson. Non è impressionato, scrive, " Onestamente non penso che avrebbe dovuto essere pubblicato perché ha un difetto scientifico critico ... Gli autori non hanno usato alcun tessuto di controllo sano, quindi non abbiamo modo di sapere quali normali livelli di Al in un cervello sarebbe con il loro metodo.Immaginate, per esempio, se le lame che usavano per tagliare il cervello avessero livelli di traccia di Al che contaminavano i loro tessuti. Se avessero usato controlli sani, avresti visto anche alti livelli di Al nei cervelli sani. Dal momento che non avevano tali controlli, i loro risultati sono scientificamente privi di significato. "

Condivido questa risposta, in uno scambio di email, con il Dr. Exley. Fornirò la sua risposta inedita:

"Le nostre misurazioni di Al nel tessuto umano sono le più rispettate ovunque e le ragioni di questo sono la nostra attenzione a tutti i dettagli e alla contaminazione specificamente estranea come suggerito da questa persona. Si prega di consultare il documento Metallomics citato nel nostro documento per fornire una risposta specifica a questo.
Le nostre analisi quantitative sul cervello di 5 individui rappresentano gli UNICI donatori disponibili presso la banca del cervello di autismo nel Regno Unito. Abbiamo discusso dei tessuti di controllo, ma gli unici disponibili non erano identificati per età e non erano veri controlli in quanto i donatori erano individui di 40 e 50 anni morti di una certa malattia o condizione. Non erano disponibili tessuti cerebrali donatori sani corrispondenti all'età. Tuttavia, abbiamo più dati sul contenuto di Al del tessuto cerebrale umano di chiunque altro e quindi siamo in grado di confrontare i nostri dati sull'autismo con altri dati relativi a quasi 100 cervelli umani. È così che possiamo arrivare a nostro giudizio che i valori misurati erano alcuni dei valori più alti mai misurati in qualsiasi individuo. Nessuno ha messo in discussione dati similipubblicati questa volta l'anno scorso per l'AD familiare. "

Gli chiedo che è stato come da quando è stato pubblicato lo studio, è considerato da qualche scienziato o organizzazione "mainstream"? Come sono le ricadute politiche del tuo studio? Hai una preoccupazione di essere "Wakefielded" per il tuo studio? Lui risponde:

"C'è un blackout di questa ricerca da parte dei media mainstream. La mia ricerca su Al ha vissuto qualcosa di simile per molti anni, anche se forse molto di più negli ultimi anni. La scienza è estremamente robusta e quindi l'unica difesa è ignorarla! "

Qualche settimana fa, il Dr. Exley ha fornito un'intervista molto utile sul suo nuovo studio, è breve e vale la pena guardare:

 

video link https://youtu.be/SmkVv8pcVhc

 

 

Cinque scoperte, un chiaro percorso per l'autismo

Ecco una semplice grafica che ritengo esplicita il processo di innescare l'autismo in modo molto chiaro, come dimostrato dalla scienza pubblicata che ho appena condiviso con voi:

(Questo grafico è tratto da una grande brochure creata da Vaccine Papers, puoi avere una copia completa qui QUI.)

(Questo grafico è tratto da una grande brochure creata da Vaccine Papers, puoi avere una copia completa qui QUI .)

Studi pubblicati stanno dimostrando che l'autismo è causato da un evento di attivazione immunitaria. L'adiuvante nei vaccini - adiuvante di alluminio - può attivare il sistema immunitario del cervello ed è molto più neurotossico di quanto si fosse precedentemente realizzato - tutta la nuova scienza è stata pubblicata solo negli ultimi anni. L'alluminio può causare IL-6, la citochina chiave implicata nell'autismo. Gli scienziati cinesi - per la prima volta in qualsiasi parte del mondo - hanno usato un vaccino per innescare un evento di attivazione immunitaria e hanno registrato livelli elevati di IL-6 nei ratti. QUESTA è una base biologica per COME un vaccino può causare l'autismo. Ricordi cosa mi ha detto il dottor Hotez? Esclamò:

"Un vaccino somministrato nel primo anno di vita non potrebbe in alcun modo causare una totale riorganizzazione dell'architettura del cervello, è solo una sfida alla ragione."

Ma questo è esattamente ciò che la scienza ci sta mostrando. I vaccini, somministrati precocemente e spesso, stanno infiammando l'evento di attivazione immunitaria dopo l'evento di attivazione immunitaria. Ecco una tabella diversa che analizza lo sviluppo del cervello nel tempo, da una prospettiva neuro-immunologica. Immaginate 6-7 eventi di attivazione immunitaria (subito dopo la somministrazione di 4-6 adiuvanti di alluminio contenenti vaccini in un unico appuntamento) in alcuni bambini vulnerabili durante le fasi critiche dello sviluppo cerebrale. Con tutto ciò che hai appena letto, è davvero così difficile da immaginare?

Dose white matter.jpeg

Implicazioni e domande

Non posso fare a meno di legare tutto ciò che leggo e vedo qui all'esperienza di mio figlio. Nato nel 2002, mio ​​figlio sembrava peggiorare ogni appuntamento con il vaccino, e la sua testa sembrava sempre ferire. E, ad ogni appuntamento, cominciavano ad apparire comportamenti insoliti e movimenti strani. Un triste ricordo di questa realtà è apparso in uno studio pubblicato proprio la scorsa settimana su Nature , che ha descritto come i bambini con autismo hanno sviluppato fronti allargati:

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

"L'allargamento del cervello è stato osservato nei bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD), ma i tempi di questo fenomeno, e la relazione tra ASD e l'aspetto dei sintomi comportamentali, sono sconosciuti. La circonferenza della testa retrospettiva e gli studi longitudinali del volume cerebrale di bambini di due anni seguiti a quattro anni di età hanno dimostrato che un aumento del volume del cervello può emergere nelle prime fasi dello sviluppo ".

La teoria di cui sopra su come l'autismo è attivato non farebbe un buon lavoro di spiegare perché questi bambini hanno teste grosse (gonfie)? Come sapete, l'evento di attivazione immunitaria porta a ciò che il dott. Patterson ha definito "un'attivazione permanente e permanente del sistema immunitario nel cervello delle persone autistiche". E, indovina un po ', l'attivazione permanente del sistema immunitario significa infiammazione ... che porterebbe a un "cervello grande" e una "fronte gonfia". È questo il motivo per cui i bambini con autismo sono noti per la testa bang? Forse lo faresti anche tu se il tuo cervello fosse in uno stato di infiammazione permanente?

Domanda: per quanto riguarda i disturbi gastrointestinali?

Così tanti bambini con autismo hanno disturbi gastrointestinali , mio ​​figlio lo ha fatto sicuramente. E, il disagio gastrointestinale è ora pienamente apprezzato per essere una condizione "comorbosa" di autismo, secondo l'autismo parla . Ma cosa, esattamente, potrebbe causarlo? Non devi guardare troppo lontano:

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

"L'alluminio ha aumentato l'intensità e la durata dell'infiammazione macroscopica e istologica, l'attività della mieloperossidasi del colon, l'espressione di citochine infiammatorie e ha ridotto il rinnovo delle cellule epiteliali rispetto agli animali di controllo. In condizioni basali, la funzione barriera intestinale alterata in alluminio. Formazione di granuloma in vitro indotto da alluminio e sinergizzato con lipopolisaccaride per stimolare l'espressione di citochine infiammatorie da parte delle cellule epiteliali. Gli effetti deleteri dell'alluminio sull'infiammazione intestinale e sulla riparazione della mucosa suggeriscono fortemente che l'alluminio potrebbe essere un fattore di rischio ambientale IBD. "

(Nota: in basso di I cito un secondo lavoro di Hsiao e colleghi che dimostra che un evento di attivazione immunitaria può CAUSARE la disbiosi intestinale, nella sezione intitolata "Guarisci il microbioma".)

Domanda: che dire di tutti gli altri tipi di autoimmunità (allergie alimentari, ecc.) Che sono a livelli epidemici e spesso co-morbose con l'autismo?

Guidata dallo scienziato israeliano Dr. Yehuda Shoenfeld, l'evidenza scientifica che l'adiuvante di alluminio sta causando epidemie di un'ampia varietà di condizioni autoimmuni sta diventando travolgente. Il dottor Shoenfeld ha persino il suo libro di testo che lo spiega!

Clicca per ordinare da Amazon

Clicca per ordinare da Amazon

"Con la scoperta della sindrome autoimmune / infiammatoria indotta da adiuvanti (ASIA), il lavoro di guidare ricercatori di 14 paesi sul ruolo dei coadiuvanti in diversi vaccini e su come possono indurre manifestazioni cliniche autoimmuni diverse in individui geneticamente predisposti è stato pubblicato nel manuale medico, vaccini e autoimmunità appena rilasciati. "

Considera questo articolo: "I ricercatori della divisione di Asthma, Allergy & Immunology della University of Virginia Health System riferiscono che un'era di allergie alimentari iniziata con la generazione post-millenaria potrebbe essere una risposta ai vaccini contenenti l'allume adiuvante, un noto stimolo per tratti allergici. L'allume è solitamente il nome dato al solfato di alluminio di potassioquando usato nei vaccini, afferma la FDA.A volte, l'idrossido di alluminio e anche altre forme di adiuvanti di alluminio sono anche indicati come allume nella ricerca allergologica. "

Alcuni vaccini aumentano l'allergia alimentare IGE: i post-millennial suscettibili reagiscono all'adiuvante ...
I ricercatori della divisione di Asthma, Allergy & Immunology della University of Virginia Health System riferiscono che un'era ...www.inquisitr.com

Lo studio pioneristico del Dr. Shoenfeld nel 2013 ha spiegato il ruolo dell'adiuvante dell'alluminio nell'innescare l'autoimmunità in un'ampia varietà di condizioni:

Sindrome autoimmune / infiammatoria indotta da adiuvanti (ASIA) 2013: Svelare gli aspetti patogenetici, clinici e diagnostici

Lo studio recita: "Nonostante il mimetismo molecolare e l'attivazione dello spettatore in un individuo geneticamente predisposto siano stati chiamati a essere responsabili, il dito dovrebbe essere puntato verso gli adiuvanti.Uno in particolare ha sollevato diverse angoscia: l'alluminio. Infatti, questo è stato usato come adiuvante negli ultimi 90 anni ma è anche una neurotossina dimostrata sperimentalmente. La ricerca sperimentale ha dimostrato che gli adiuvanti di allume hanno un potenziale per indurre gravi disturbi immunologici nell'uomo. Pertanto, si dovrebbero compiere sforzi per chiarire la potenziale minaccia dei vaccini contenenti allume ".

Domanda: che dire del mercurio?

Quando a mio figlio è stata diagnosticata l'autismo nel 2004, l'unica cosa di cui i genitori stavano parlando era il mercurio nei vaccini. Il timerosal, un conservante a base di mercurio etilico, è stato recentemente rivelato essere contenuto nei vaccini per bambini di gran lunga superiore alle linee guida sulla sicurezza EPA. Il tasso di autismo stava esplodendo e un documento del 2001 mostrava una correlazione convincente tra i sintomi dell'autismo e i sintomi dell'avvelenamento da mercurio.

Kennedy.jpeg

 

L'uso del mercurio in un vaccino sembra folle per la maggior parte delle persone razionali, data l'estrema neurotossicità del mercurio, che è stata dimostrata in centinaia di studi pubblicati.Abbiamo appreso che il mercurio del vaccino viaggia direttamente al cervello delle scimmie, che esaurisce il glutatione , un antiossidante vitale, che blocca i percorsi critici nella metilazione e che i topi iniettati con Thimerosal mostrano comportamenti simili all'autismo.

Il thimerosal è stato rimosso dalla maggior parte dei vaccini pediatrici (a partire dal 2002), ma in uno sviluppo strano, ha iniziato ad essere iniettato in donne incinte nel 2004, quando il vaccino antinfluenzale (di cui una porzione contiene thimerosal) è stato raccomandato per la prima volta dal CDC per le donne incinte.

Quindi, questo articolo abbandona l'ipotesi dell'autismo al mercurio? La mia risposta personale è complessa:

  • Il mercurio nei vaccini è pericoloso e ingiustificabile basato sulla scienza pubblicata. Dovrebbe essere rimosso immediatamente dal 100% dei vaccini.
  • Tossicità sinergica significa che il mercurio combinato con l'alluminio può essere 100 volte più tossico di entrambi i metalli da solo, non lo sappiamo davvero:

"Come può 1 + 1 = 100? "Tossicità sinergica" si riferisce all'effetto che, se esposto a due tossine, il livello di tossicità è di gran lunga superiore ai livelli di tossicità additiva delle due tossine ".

  • Ci sono molte storie aneddotiche che i bambini con diagnosi di autismo oggi sono "meno gravi". È vero? La rimozione di mercurio è la ragione? Non ci sono dati che posso trovare per supportare questo, quindi è solo una congettura per il momento.
  • Tuttavia, SE il segno distintivo di innescare l'autismo è un evento di attivazione immunitaria, è più probabile che l'adiuvante di alluminio sia la causa centrale, e questo corrisponde alla realtà che i tassi di autismo hanno continuato a salire dopo la rimozione del maggior numero di mercurio dai vaccini. Il mercurio NON è un antagonista del sistema immunitario come il coadiuvante dell'alluminio, il mercurio era in vaccini per la sua efficacia come antibatterico e anti fungino, non un adiuvante .
  • VP ha opinioni molto forti riguardo al mercurio rispetto al dibattito adiuvante sull'alluminio, incluso questo: "Ci sono problemi molto più importanti del mercurio, come la neurotossicità adiuvante dell'alluminio e il danno all'attivazione immunitaria."

Domanda: per quanto riguarda l'MMR, non ha un adiuvante in alluminio?

Il vaccino MMR non contiene adiuvante in alluminio. Eppure, molti genitori (ma non tutti) indicano l'appuntamento in cui il loro bambino ha ricevuto il vaccino MMR come innesco per l'autismo. Abbiamo bisogno di più dati scientifici di quelli che abbiamo sul vaccino MMR per il cervello (genera IL-6 o altre citochine?), Ma perché non lo sappiamo, siamo lasciati a speculare.

Una risposta ovvia è che il vaccino MMR è il primo vaccino contro i virus vivi che i bambini ricevono (in genere viene dato tra 12-18 mesi, la maggior parte dei bambini ha ricevuto 15-20 vaccini a quel punto), ed è una tripla (morbillo, parotite, rosolia) virus in diretta. Per un sistema immunitario immerso in adiuvante in alluminio e probabilmente già in fase di ebollizione con eventi di attivazione, questa dose tripla potrebbe spingere un bambino al limite. Questo potrebbe spiegare le convulsioni (un evento di attivazione immunitaria estrema) che a volte seguono l'appuntamento MMR. Sappiamo anche che i bambini che ricevono anche il vaccino della varicella (varicella) insieme all'MMR hanno tassi più alti di eventi convulsivi . Questo avrebbe senso, quattro virus vivi in ​​una volta sarebbero probabilmente sfidare il sistema immunitario più di tre, ma non possiamo spiegare esattamente come l'MMR influisca biologicamente il sistema immunitario come possiamo per l'adiuvante dell'alluminio, e ora per il vaccino contro l'epatite B ( grazie agli scienziati cinesi). La dottoressa Yehuda Shoenfeld discute sul fatto che un vaccino vivo attiva il sistema immunitario più di un vaccino usando un adiuvante di alluminio:

"È evidente che un vaccino vivo attenuato è più incline di un vaccino ucciso per attivare la risposta immunitaria."

Ma recentemente è emersa una spiegazione più ovvia. Vale a dire, i vaccini MMR attivano qualcosa nel corpo noto come MCP-1, che funge da faro per incoraggiare i macrofagi carichi di alluminio a correre al cervello. Lascerò che VP spieghi:

"Quando MCP-1 è prodotto dalla microglia, i macrofagi di tutto il corpo viaggiano nel cervello ... 'MCP' sta per 'proteina chemoattrattante dei macrofagi', che ovviamente descrive la sua funzione primaria di evocazione dei macrofagi ... La produzione di MCP-1 è stimolata da alcuni tipi di attivazione immunitaria. Quindi, un vaccino che stimola l'MCP-1 può causare AAN (nanoparticelle adiuvanti di alluminio) (ad es. Da precedenti vaccini) per spostarsi nel cervello. Alcune infezioni o tossine inducono MCP-1. È interessante notare che Al adjuvant induce l'MCP-1, suggerendo che potrebbe stimolare il proprio trasporto ... Possiamo ipotizzare che gli AAN dei vaccini possano rimanere 'dormienti' per anni, fino a quando la produzione di MCP-1 non viene stimolata. L'MCP-1 causerà macrofagi contenenti AAN per mobilizzare e trasportare AAN nel cervello e in altri tessuti sensibili. Questo potrebbe spiegare alcuni dei danni dal vaccino MMR. L'MMR viene somministrato a 15-18 mesi di età, ovvero dopo che i vaccini contenenti Al sono stati somministrati (a 0, 2, 4 e 6 mesi). Il vaccino contro il morbillo può stimolare la produzione di MCP-1 .Pertanto, il vaccino MMR può stimolare il movimento di AAN (ricevuti da precedenti vaccini) nel cervello. Questo potrebbe spiegare come l'MMR possa causare tossicità da Al, anche se non contiene adiuvante in alluminio. "

Domanda: non hanno già dimostrato che i vaccini non causano l'autismo?

Se hai letto fino a questo punto, presumo tu sappia già che questa è una favola. Se non sei sicuro, guarda questa semplice grafica. Tutti i portavoce dell'industria del vaccino che dicono che "la scienza è risolta" non menzionano che solo un ingrediente (thimerosal) e un vaccino (MMR) sono mai stati considerati per il suo rapporto con l'autismo.

Nessun vaccino contenente adiuvante di alluminio è mai stato esplorato per la sua relazione con l'autismo, nonostante un corpo crescente e chiaro di prove che implicano l'adiuvante dell'alluminio nel causare "attivazione immunitaria", la causa centrale dell'autismo.

JB Chart.jpeg

 

Vale anche la pena ricordare che all'inizio e alla metà degli anni 2000, quando i genitori iniziarono a dare l'allarme sulla connessione tra vaccini e autismo, non avevamo prove biologiche a supporto della nostra opinione, abbiamo solo avuto l'esperienza collettiva di vedere i nostri figli scomparire dopo appuntamenti vaccinali. Oggi è un mondo completamente diverso. Considera le parole del Dr. Kimberley McAllister del UC Davis Mind Institute proprio lo scorso agosto (2016):

"Questi modelli animali di MIA (attivazione immunitaria materna) soddisfano tutti i criteri richiesti per la validità di un modello di malattia: imitano un noto fattore di rischio correlato alla malattia (validità del costrutto), presentano una vasta gamma di sintomi correlati alla malattia (validità del volto ) e possono essere utilizzati per prevedere l'efficacia dei trattamenti (validità predittiva). "

È ora che il CDC, la FDA, l'Autism Speaks e l'American Academy of Pediatrics affrontino le prove biologiche che ci guardano tutti in faccia!

Domanda: non stai semplicemente "spostando i pali" sull'ipotesi dell'autismo-vaccino?

Naturalmente i critici diranno questo. Prima era l'MMR. Quindi era mercurio. Poi erano "troppi, troppo presto". Ciò che è diverso ora è molto importante: una scienza travisata e sottoposta a peer review che stabilisce una chiara connessione tra gli eventi di attivazione immunitaria, l'adiuvante di alluminio e l'autismo. Ecco perché questo articolo è pieno di riferimenti di studio, non di congetture.

Ciò che è vero in tutta l'epidemia di autismo rimane vero oggi: un numero travolgente (decine di migliaia) di rapporti genitoriali sulla regressione dei loro figli all'autismo dopo la vaccinazione.


Implicazioni per il trattamento

Happy Boy.jpeg

Voglio sapere cosa, esattamente, è successo a mio figlio. Quando è stato diagnosticato l'autismo nel 2004, la prevalente comprensione dell'autismo nella comunità madre era che stava crescendo in modo esponenziale, molti genitori stavano vedendo cambiamenti dopo gli appuntamenti vaccinali e che il mercurio o un virus vivo (il morbillo) erano le cause più probabili. Non avevamo scienza biologica. La comprensione dell'alluminio o del coadiuvante di alluminio era comicamente semplicistica, quasi un punto da buttare. Non avevamo idea di cosa significasse un evento di attivazione immunitaria, una citochina o IL-6. (In effetti, se vuoi una bella risata, vedi come il dott. Paul Offit sta ancora descrivendo l'adiuvante in alluminio , nonostante la sua ormai provata neurotossicità estrema. Afferma: "I genitori possono essere rassicurati sul fatto che le tracce di alluminio nei vaccini non possono causare danni". Basato sulla scienza pubblicata a partire dal 2009, questa è una menzogna insopportabile).

Tutto ciò che hai letto fino ad ora si basa sulla scienza pubblicata. La grande teoria della causalità dell'autismo, secondo me, è abbastanza forte.

Ci guarderemo indietro un giorno e diremo che l'adiuvante di alluminio ha causato l'epidemia di autismo nel modo in cui diciamo che la talidomide ha provocato difetti alla nascita? Penso che lo faremo, ma questa è solo la mia opinione.

Quello che segue è la congettura e l'opinione. Non sono un dottore, e questo NON è certamente un consiglio medico, ma credo che il trattamento dei bambini affetti da autismo possa essere radicalmente alterato dalla semplice descrizione del Dr. Patterson fatta di bambini con autismo:

"C'è un'attivazione permanente e permanente del sistema immunitario nel cervello delle persone autistiche".

Se ha ragione, e se l'adiuvante di alluminio è il principale innesco dell'attivazione immunitaria, le seguenti idee potrebbero dimostrarsi utili nel ridurre i sintomi dell'autismo nei bambini. (Si prega di notare che tutti i link che includo ai prodotti reali sono solo a scopo illustrativo, non sto approvando nulla e non ho interessi commerciali in nessun prodotto o idea menzionati qui):

1 Prendi l'adiuvante di alluminio dal corpo.

So che la silice e le zeoliti sono entrambi considerati possibili modi per rimuovere l'alluminio dal corpo. Lavoreranno anche su adiuvante in alluminio? Non ne ho idea. VP ha una prospettiva sulla rimozione dell'alluminio che cita un ampio corpo di ricerca scientifica . Inoltre, il dott. Exley è sul disco che sostiene il consumo di acqua minerale ricca di silice. Ecco un articolo su varie acque:

3 acque minerali che rimuovono l'alluminio dal cervello
C'è stato un aumento drammatico delle malattie neurologiche legate alla tossicità dell'alluminio. La barriera emato-encefalica non ...realfarmacy.com

2. Considera la ketogenics

Ero incredibilmente entusiasta di vedere questo studio sull'impatto di una dieta chetogenica sulla soppressione dell'attivazione immunitaria nei topi. I chetoni potrebbero avere un ruolo nel ridurre l'infiammazione cerebrale e spegnere il sistema immunitario del cervello?

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

"Qui mostriamo che la terapia metabolica con una dieta KD [chetogenica] migliora e può persino invertire comportamenti tipo ASD nel modello murino MIA".

Vale la pena notare che la dieta chetogenica è stata utilizzata per anni per aiutare a ridurre le convulsioni. La chetogenica sta attraversando un po 'una rivoluzione, con i " chetoni esogeni " che ora vengono resi disponibili come prodotti integrativi per mettere più rapidamente un corpo nella chetosi . Questi chetoni esogeni potrebbero accelerare il recupero? Non ne ho idea, ma questo studio da solo sembra mostrare molto più valore.

Vedi un altro studio del 2014:   Potenziale uso terapeutico della dieta chetogenica nei disturbi dello spettro autistico .E, uno studio della dieta chetogenica con bambini con autismo , nel lontano 2003.

3. Guarisci il microbioma

Sappiamo che l'adiuvante di alluminio può contribuire al disagio gastrointestinale. Ma come guarisci quell'intestino (il microbioma)? Uno studio del 2013 evidenzia la relazione tra il microbiota intestinale, l'attivazione immunitaria e l'autismo:

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

Discussione  

"Le nostre scoperte forniscono un nuovo meccanismo grazie al quale un batterio commensale umano può migliorare i deficit GI e le anomalie comportamentali associate agli ASD nei topi, spiegando possibilmente il rapido aumento della prevalenza di ASD identificando il microbiome come un fattore critico ambientale per la malattia. Proponiamo il concetto di trasformazione che l'autismo è, almeno in parte, una malattia che coinvolge l'intestino che colpisce il sistema immunitario, metabolico e nervoso, e che le terapie mediate da microbiome possono essere un trattamento sicuro ed efficace per l'ASD. "

Esiste un'ampia varietà di terapie naturali per "curare l'intestino" che dovrebbero essere discusse con il vostro medico.

Uno studio più recente: Ruoli emergenti per il microbioma intestinale nel disturbo dello spettro autistico .

4. vitamina D

VP ha una sezione eccellente sul ruolo che la vitamina D può svolgere nel ridurre l'attivazione immunitaria, affermando:

La vitamina D riduce fortemente l'attivazione immunitaria e la produzione di IL-17 in particolare. La vitamina D migliora fortemente molte malattie, tra cui quasi tutte le malattie con aspetti infiammatori o autoimmuni. La vitamina D regola favorevolmente il sistema immunitario, migliorando contemporaneamente la sua efficacia nell'eliminare i patogeni e ridurre l'infiammazione. Questo è esattamente quello che vuoi per una salute ottimale: la combinazione di alta funzione immunitaria e bassa infiammazione. Quando il corpo ha un'adeguata vitamina D, il sistema immunitario può eliminare gli agenti patogeni senza diventare pericolosamente iperattivato.
La vitamina D viene consumata dal sistema immunitario quando è attivata. È un nutriente che viene metabolizzato a una velocità maggiore durante l'infezione o l'infiammazione. Di conseguenza, le persone con condizioni infiammatorie hanno bisogno di maggiori quantità di vitamina D. Devono integrare a una dose più elevata per raggiungere livelli ematici sani. Poiché l'attivazione immunitaria cronica è sempre presente nell'autismo, le autistiche richiedono un maggior apporto di vitamina D rispetto alle persone normali.

E, ecco un case report dalla Cina in cui i sintomi dell'autismo di un bambino sono migliorati drammaticamente dalla vitamina D:

Leggi lo studio QUI

Leggi lo studio QUI

5. Selenio

L'induzione selettiva di IL-6 da stress ossidativo indotto da alluminio può essere prevenuta dal Journal of Trace Elements in Medicina e Biologia , 2012, Dale Viezeliene, Piet Beekhof, Eric Gremmer, Hiliaras Rodovicius, Ilona Sadauskien, Eugene Jansen, Leonid Ivanov

Questo affascinante studio degli scienziati in Lituania e nei Paesi Bassi ha evidenziato due cose:

  • L'alluminio aumenta i livelli di IL-6 nei ratti
  • Il selenio minerale riduce alcuni degli effetti negativi dell'alluminio

"Pertanto è stato concluso che l'esposizione a breve termine ad Al [alluminio] provoca effetti avversi sui processi di stress ossidativo intracellulare nel fegato, come riflesso dall'aumento selettivo della concentrazione di IL-6. Questo processo può essere ripristinato mediante la co-somministrazione dell'elemento Trace Se [selenio] come parte del sistema redox del glutatione. "


PASSAGGI SUCCESSIVI

Credo che potremmo essere molto più vicini a una spiegazione completa di come l'autismo - e molte relative condizioni autoimmuni - siano stati causati. Scienziati di tutto il mondo hanno creato un corpo di lavoro avvincente per supportare una comprensione biologica quasi completa di come l'autismo viene attivato dall'adiuvante dell'alluminio all'interno del corpo, creando un evento di attivazione immunitaria e conducendo all'autismo - la maggior parte di questa ricerca è stata pubblicata solo negli ultimi 5 anni. E niente di tutto dagli americani.

Tutto è pubblicato e scritto qui vero? La spiegazione potrebbe essere davvero così semplice? Un numero crescente di vaccini contenenti l'adiuvante di alluminio ha innescato un'epidemia autoimmune, di cui l'autismo è la manifestazione più grave, ma non solo,? Un'epidemia di allergie alimentari, ADHD, disturbi dell'apprendimento, eczema e diabete cadono nello stesso regno della causalità?

Dr. Chris Shaw di.Canada

Dr. Chris Shaw di. Canada

E 'possibile che l'iniezione di un antagonista del sistema immunitario (adiuvante di alluminio), il tutto garantito a causare eventi di attivazione immunitaria, abbia fatto proprio questo nel cervello di molti dei nostri bambini? Anche i bambini lievemente colpiti soffrono di un'attivazione permanente e latente del sistema immunitario del cervello? Dovremmo credere che il crescente corpo di scienziati di tutto il mondo che sta dando l'allarme sull'impatto coadiuvante di alluminio iniettato sta avendo sui nostri figli?

Clicca per espandere

C'è qualche speranza di recupero per tutti questi bambini colpiti? La rimozione dell'alluminio, l'introduzione di chetoni nel cervello, la riparazione dell'intestino e l'integrazione con la vitamina D fanno qualcosa per alleviare l'autismo e altri disturbi in bambini che sono già stati danneggiati?

E, cosa importante, questi scienziati che hanno pubblicato tutto questo meraviglioso lavoro mettono insieme le loro competenze collettive e fanno sapere al mondo cosa stanno imparando? Prenderanno le loro esortazioni per cautela e ulteriore esplorazione - tutte sepolte all'interno dei loro studi pubblicati - e metteranno pubblicamente in guardia i genitori su ciò che sta diventando così chiaro? Sono rincuorato da una recente citazione del dott. Exley, qualcuno chiaramente disposto a mostrare coraggio morale:

Sono molto prudente. Mi metto il collo solo sulla ghigliottina quando è assolutamente necessario. E quella volta è adesso. "

A mio avviso, siamo molto, molto più vicini alla comprensione di come l'autismo sia stato innescato in così tanti bambini, e spero che questo articolo sia un altro passo sulla via della verità. E, poiché molti di voi là fuori fanno tutto il possibile per aiutare voi, figlio o figlia con autismo, vivete la vita migliore possibile, forse una comprensione più chiara di come il loro autismo è stato attivato migliorerà le loro possibilità di recupero.


Le tre lettere

A metà del 2017, tre dei più importanti scienziati nel campo della tossicità adiuvante dell'alluminio - Dr. Christopher Shaw del Canada, il dott. Chris Exley dell'Inghilterra e il dott. Romain Gherardi di Francia hanno compiuto il passo straordinario di scrivere lettere di prudenza alle nostre autorità sanitarie americane. Fornisco le loro lettere qui sotto.

Dr. Christopher Shaw

{0/}{1} (Clicca per ingrandire){/1}

Dr. Romain Gherardi

{0/}{1} (Clicca per ingrandire){/1}

Dott. Chris Exley

pagina 1, clicca per ingrandire


Informazioni sull'Autore:


Schermata 2018-04-01 at 2.37.41 AM.jpg

JB Handley è l'orgoglioso padre di un bambino con autismo. Lui e sua moglie hanno co-fondato la Generation Rescu e, un'organizzazione benefica nazionale per l'autismo, nel 2005. Ha trascorso la sua carriera nel settore del private equity e ha conseguito la laurea con lode presso la Stanford University nel 1991. È anche l'autore di "Uno scienziato FDA solitario potrebbe porre fine all'epidemia di autismo". Scopri di più qui .

Letto 523 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Aprile 2018 17:42
Salvatore Morelli

web designerweb mastermultimedia editorgraphic designerdigital video masterstreaming producerprogettista ed amministratore piattaforme FADelearning content editoraudio content editorDigital Video Streaming-Editor ed infine logopedista

Devi effettuare il login per inviare commenti
Claim betting bonus with GBETTING
Enable