Writers

Categorie


Metalli pesanti


Stress ossidativo


Perfusione Cerebrale


ca++ ed autismo


Neurotossicita'


Disbiosi Gastrointestinale

Primapagina

Primapagina (13)

Notizie da primapagina

Venerdì, 13 Gennaio 2017 01:28

Trump vuole la verità su vaccini ed autismo

Scritto da

Dico la verità.....credevo che il nuovo presidente Usa sarebbe stata la Clinton e mi sono sbagliato.

La Clinton ha sempre  dichiarato che era provaccini.

Ecco ciò che scriveva la Clinton e ciò che ho scritto io a febbraio 2015

Cosi Hillery Clinton scrive sul suo profilo twitter schierandosi a favore dei vaccini....senza motivare questa scelta.....ovviamente

Sono sicuro che vincerà le elezioni presidenziali in usa nel 2016

The science is clear: The earth is round, the sky is blue, and #vaccineswork. Let's protect all our kids.#GrandmothersKnowBest

fonte

https://twitter.com/hillaryclinton/status/562456798020386816






 
 
 

Trump ancor prima di diventare ha fatto pesanti dichiarazioni pubbliche sui vaccini

 Eccone i più significativi

che dire.....metterà la parola fine a questo enorme inganno mondiale?? Trump dice che sono l'enorme aumento dei vaccini ai quali vengono sottoposti i bambini a originare l'autismo....adesso che è diventato presidente.....DALLE CHIACCHIERE SI PASSI AI FATTI IN PRIMIS LE DICHIARAZIONI GIURATE DELLO SCIENZIATO WILLIAM THOMPSON A PROPOSITO DEL CDC USA E DELLO STUDIO FRAUDOLENTO DEL 2004

FONTE

https://twitter.com/realdonaldtrump/status/449525268529815552

 

 

 

 

 

 

 Se farai ciò.....se distruggerai quella "fortezza" diabolica del CDC USA....se non dimenticherai le tue parole....sarai un grande presidente....altrimenti il tempo coprirà il tuo nome con la polvere della noia....

Salvatore Morelli
19 febbraio 2015 · · 

FONTE:

https://twitter.com/realdonaldtrump/status/449331076528615424

Candidato Presidente Usa ELEZIONI 2016

" Sei io fossi il Presidente sarei favorevole per vaccinazioni appropriate e non permetterei massicce inoculazioni in una sola volta in modo che un bambino non possa avere autismo"

 Mi auguravo che Trump potesse distruggere la corazzata CDC USA perchè è in questo potentissimo istituto federale che si gioca la partita sui vaccini a livello mondiale.

 

Ora è notizia di due giorni fa che il presidente Trump abbia chiamato Robert Kennedy jr. alla Trump Tower a New York martedì 11-01-2016

Gli ha chiesto di mettersi a capo di una commissione che lavorerà sulla sicurezza dei vaccini e per fare finalmente chiarezza su di essi.

 

fonte

http://www.dailymail.co.uk/news/article-4106972/Trump-s-RFK-Jr-railed-against-vaccine-holocaust-charge-new-commission-vaccine-safety.html

 

 

Beh fin qui un lettore poco informato direbbe...vabbè nulla o quasi di nuovo

 

Invece non è così perchè R.K.J è uno delle poche persone che negli USA in pubblico attacca con veemenza il CDC USA per essere un covo di criminali che ha distrutto la vita a milioni di bambni in tutto il mondo.

Infatti in un miio articolo di ottobre 2015 dal titolo 

Nascosta la Correlazione Vaccini ed Autismo: Robert F. Kennedy, Jr accusa Frank Destefano di aver falsificato le ricerche su correlazione autismo e vaccini

che trovate qui

 

http://www.infoautismo.it/autismo.in/portale/index.php/autoimmunita/altre-categorie/cdc-usa/item/614-vaccini-ed-autismo-robert-f-kennedy-jr-accusa-frank-de-stefano-di-aver-falsificato-le-ricerche

 

scrivevo che Kennedy accusava in pubblico nientedimeno che il capo della divisione sicurezza vaccini degli usa il dr. Frank Destefano 

Ecco le accuse dette in un dibattito pubblico da Robert F. Kennedy, Jr




"E infine, voglio dire questo: Dr. Frank DeStefano, che gestisce la divisione vaccini e ha orchestrato questa corruzione [come rivelato dal dottor William Thompson, il # CDCWhistleblower= pentito], il dottor DeStefano è un criminale e ha commesso frodi ricerca scientifica e lui è colpevole di danneggiare tutte queste persone. io sto dicendo che e sto usando il suo nome. Se quello che sto dicendo non è vero, è un atto di diffamazione e voglio che lui mi faccia causa. Se lui non lo ha fatto, avrebbe dovuto farmi causa. Avrebbe dovuto presentare una causa questo pomeriggio e diffidarmi dal dire ciò ancora una volta. Se qualcuno dicesse una cosa del genere su di me io gli farei causaIMMEDIATAMENTE.

Sto dicendo a te, Frank DeStefano, se non hai avvelenato questi bambini, è necessario citare me in questo momento e devi farmi stare zitto perché quello che sto dicendo di te sta danneggiando la tua carriera. Vediamo quello che farà Lunedi. "


Robert F. Kennedy, Jr 
October 24, 2015
Atlanta Georgia
CDC Truth Transparency Freedom Rally

Attualmente il dr. Frank Destefano NON HA MAI DENUNCIATO PER DIFFAMAZIONE ROBERT kENNEDY jJR

 

FORSE PERCHE' IL DR. DESTEFANO HA PAURA DI ANDARE IN TRIBUNALE? PAURA DELLA VERITA'?

 

IL DR. DESTEFANO E IL PRIMO FIRMATARIO DEL FAMOSO STUDIO DEL 2004 SU PEDIATRICS DOVE SCIENZIATI DEL CDC USA HANNO STABILITO LA NON CORRELAZIONE FRA VACCINO TRIVALENTE MMR E AUTISMO

Ecco chi sono i firmatari dello studio e come hanno fatto carriera nel CDC

 

 

 

PECCATO CHE DOPO 10 ANNI LO SCIENZIATO THOMPSON ANCH'EGLI FIRMATARIO DI QUELLO STUDIO HA DETTO CHE E' TUTTO FALSO E CHE HANNO DISTRUTTI DOCMENTI CHE PROVANO UN AUMENTO DELLA PREVALENZA DELL'AUTISMO NEI SOGGETTI VACCINATI DEL 350%. 

 

Dunque avete ben capito della importante di questo incarico dato da Trump a Kennedy

Qui le dichiarazioni di Robert Kennedy Jr. dopo l'incontro con Trump

http://video.dailymail.co.uk/video/mol/2017/01/11/6237983043441637147/640x360_MP4_6237983043441637147.mp4

Fatti non chiacchiere....dato che Trump sembra aver mantenuto la parola sui vaccini ed abbia incaricato un acerrimo nemico del CDC USA a capo di una commissione federale sulla sicurezza vaccinale.

Spero vivamente che si possa fare giustizia e che venga fermato questo crimine contro l'umanità rovinando la vita di milioni di bambini e delle loro famiglie.

Dedico questo articolo a mio padre....perchè mi hai insegnato ad essere tenace....e a portare avanti le mie idee costi quel che costi...ciao papà

 

 

 

 

 

Nell'agosto del 2014 il dr. William Thompson scienziato del CDC USA agenzia federale USA per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso che lui ed i suoi colleghi cofirmatari di uno studio su pediatrics hanno deliberatamente omesso dei dati significativi che avrebbero qualora inseriti fatto aumentare la prevalenza dell'autismo a seconda della precocità del vaccini MMR ( morbillo, rosolia, parotite )

Potete trovare la sua dichiarazione sul sito dello studio legale che lo assiste

http://www.morganverkamp.com/august-27-2014-press-release-statement-of-william-w-thompson-ph-d-regarding-the-2004-article-examining-the-possibility-of-a-relationship-between-mmr-vaccine-and-autism/



Lo studio che verosimilmente dovrebbe essere stato manomesso nei dati lo trovate qui

http://pediatrics.aappublications.org/content/113/2/259 oppure qui


http://www.bowdiges.org/documents/files/Age_of_MMR_exposure_comparison_study.pdf



Inoltre prima della pubblicazione su Pediatrics vi fu anche la famosa "raccomandazione" di Cordero allora uno  dei capi del CDC USA all'editore di Pediatrics

vedi allegati


Già il dr. Hooker , padre di un bambino autistico, e nominato da William Thompson come suo "confessore" aveva in una sua pubblicazione dimostrato che con i dati omessi da Thompson e colleghi nello studio del 2004 la prevalenza dell'autismo nella popolazione afro della città di Atlanta aveva un aumento del 350% a seconda della maggiore precocità dell'intervento 18-36 mesi mentre nella pubblicazione ufficiale tale dato era lo stesso e che quindi i bambini che si vaccinavano con MMR prima dei 18-36 mesi avevano la stessa possibilità in percentuale di poter diventare autistici rispetto ai bambini che vaccinavano dopo i 36 mesi.

Lo studio del dr. Hooker venne retracted dopo appena 15 giorni dalla pubblicazione...stranamente....

 

Lo trovate qui

http://www.translationalneurodegeneration.com/content/3/1/22

 

mettere studio hooker

In questo modo si invogliava a vaccinare molto più precocemente ed a scagionare la correlazione MMR e Autismo.

 

Ieri 29-07-2015 il deputato democratico Bill Posey dinanzi al Congresso USA ha ufficialmente denunciato l'accaduto e la gravissima violazione della verità, con distruzione fraudolenta di documenti che proverebbero invece la correlazione Autismo ed MMR

Tale documentazione è stata consegnata dallo scienziato Thompson attraverso il suo legale al deputato Posey che ha allegato alla sua denuncia tale documentazione a disposizione di qualunque deputato del Congresso degli USA.

Inoltre Posey raccomanda di intervenire per audizioni sul CDC per stabilire la verità sull'accaduto per accertare eventuali responsabilità del CDC e degli autori di quello studio.

Posey ha affermato che in una audizione al Senato USA lo Stato ha pagato  3 miliardi di dollari in risarcimento per danni da vaccino in 27 anni.

fonte:  https://sharylattkisson.com/govt-wipes-recent-vaccine-injury-data-from-website/

 

il video del discorso sottotitolato grazie ad Autismo&Vaccini  lo trovate qui

https://www.youtube.com/watch?v=yWEuhK0T6lk

a seguire il testo in inglese del discorso di Bill Posey

fonte

http://www.ageofautism.com/2015/07/breaking-news-congressman-posey-on-house-floor-cdc-authors-of-2004-mmr-paper-destroyed-documents.html


*******************************************************************************************

THE SPEAKER PRO TEMPORE: THE GENTLELADY YIELDS BACK. THE CHAIR RECOGNIZES THE GENTLEMAN FROM FLORIDA, MR. POSEY, FOR FIVE MINUTES.

MR. POSEY: THANK YOU, MR. SPEAKER. I RISE TODAY ON MATTERS OF RESEARCH AND SCIENTIFIC INTEGRITY....

AofA's Adriana Gamondes took the time to prepare this unofficial transcript.

July 29th, 2015 House Morning Hour

Congressman Bill Posey (R-FL) at 1:02:29   http://www.c-span.org/video/?327309-1/us-house-morning-hour&live=

Thank you Mr. Speaker. I arrive today on matters of research and scientific integrity. 

To begin with, I am absolutely, resolutely pro-vaccine. Advancements in immunization have saved countless lives and have greatly benefited public health.  That being said, it’s troubling to me that in a recent senate hearing on childhood vaccination, it was never mentioned that our government has paid out over three billion dollars through a vaccine injury compensation program for children who have been injured by vaccinations. Regardless of the subject matter, parents making decisions about their children’s health deserve to have the best information available to them. They should be able to count on federal agencies to tell them the truth.

For these reasons, I bring the following matter to the floor. In August, 2014,  Dr. William Thompson, a senior scientist at the Center for Disease Control and Prevention worked with a whistleblower attorney to provide my office with documents related to a 2004 CDC study that examined the possibility of a relationship between the mumps, measles and rubella vaccines and autism.  In a statement released in August, 2014, Dr. Thompson stated “I regret that my co-authors and I omitted statistically significant information in our 2004 article published in the Journal of Pediatrics.” End quote.

Mr. Speaker, I respectfully request the following excerpts from the statement written by Dr. Thompson be entered into record. Now quoting Dr. Thompson:

“My primary job duties while working in the Immunization Safety Branch from 2000 to ’06 were lead or co-lead three major vaccine safety studies—the MADDSP MMR Autism Cases Control study  was being carried out in response to the Wakefield Lancet study that suggested an association between the MMR vaccine and an autism-like health outcome. There were several major concerns among scientists and consumer advocates outside the CDC in the fall of 2000 regarding the execution of the Verstraeten study.

One of the important goals that was determined up front in the spring of ’01 before any of these studies started, was to have all three protocols vetted outside the CDC prior to the start of the analyses so that consumer advocates could not claim that we were presenting analyses that presented our own goals and biases. We hypothesized that if we found statistically significant effects at either 18 or 36 month thresholds, we would conclude that vaccinating children early with MMR could lead to autism-like characteristics or features.  We all met and finalized the study protocol and analysis plan. The goal was to not deviate from the analysis plan to avoid the debacle that occurred with the Verstraeten thimerosal study published in Pediatrics in ’03.  At the September 5th meeting, we discussed in detail how to code race for both the sample and the birth certificate sample.

At the bottom of Table 7 it also shows that for the non-birth certificate sample, the adjusted race effect statistical significance was huge. All the authors and I met and decided sometime between August and September ’02 not to report any race effects for the paper.  Sometime soon after the meeting, we decided to exclude reporting any race effects, the co-authors scheduled a meeting to destroy documents related to the study.  The remaining four co-authors all met and brought a big garbage can into the meeting room and reviewed and went through all the hard copy documents that we had thought we should discard and put them in a huge garbage can.  However, because I assumed it was illegal and would violate both FOIA and DOJ requests, I kept hard copies of all documents in my office and I retained all associated computer files. I believe we intentionally withheld controversial findings from the final draft of the Pediatrics paper. “

End of quote of the doctor.

Mr. Speaker, I believe it’s our duty to ensure that the documents that Dr. Thompson provided are not ignored. Therefore I will provide them to members of congress and the house committees upon request. Considering the nature of the whistleblower’s documents, as well as the involvement of the CDC, a hearing and a thorough investigation is warranted. So I ask Mr. Speaker, I beg, I implore my colleagues on the appropriations committees to please, please take such action. Thank you, Mr. Speaker, I yield back.

 

*********************************************************************************************************************************

















 

 

Proprio così in questo studio pubblicato sul giornale di Psicoterapia e psicosomatica si dice a chiare lettere che un gran numero di psichiatri usa che hanno redatto il dsm-iv hanno conflitti di interesse perchè legati finanziariamente con industrie farmaceutiche


nell'abstract si recita



Background: Increasing attention has been given to the transparency of potential confl icts of interest in clinical medicine and biomedical sciences, particularly in journal publishing and science advisory panels. The authors examined the degree and type of fi nancial ties to the pharmaceutical industry of panel members responsible for revisions of the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) .

Methods: By using multimodal screening techniques the authors investigated the fi nancial ties to the pharmaceutical industry of 170 panel members who contributed to the diagnostic criteria produced for the DSM-IV and the DSM-IV-TR.

 

Results: Of the 170 DSM panel members 95 (56%) had one or more financial associations with companies in the pharmaceutical industry.

 

One hundred percent of the members of the panels on ‘Mood Disorders’ and ‘Schizophrenia and Other Psychotic Disorders’ had fi nancial ties to drug companies.

The leading categories of fi nancial interest held by panel members were research funding (42%), consultancies (22%) and speakers bureau (16%).

Conclusions: Our inquiry into the relationships between DSM panel members and the pharmaceutical industry demonstrates that there are strong fi nancial ties between the industry and those who are responsible for developing and modifying the diagnostic criteria for mental illness.

 

The connections are especially strong in those diagnostic areas where drugs are the fi rst line of treatment for mental disorders. Full disclosure by DSM panel members of their fi nancial relationships with for-profi t entities that manufacture drugs used in the treatment of mental illness is recommended.

fonte:

http://www.tufts.edu/~skrimsky/PDF/DSM%20COI.PDF

Proposta di legge

 

 


Introduzione del referto epidemiologico nel controllo sanitario della
popolazione

Stato In discussione


Commissione Sanità e Affari Sociali


Firmatario Alberto Zolezzi

https://www.facebook.com/albertozolezzim5s

videopresentazione

https://youtu.be/KdWeihHNVPE


Fine discussione 06-06-2015

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++


SINTESI

Introduzione del referto epidemiologico nel controllo sanitario della
popolazione

 

RELAZIONE

Negli ultimi decenni sono incrementati gli studi internazionali che hanno
correlato con ragionevole certezza specifiche patologie ad agenti ambientali,
professionali, comportamentali. In parte questo è stato dovuto purtroppo
all’incremento di fattori di rischio e dell’incidenza e della prevalenza di
alcune patologie come quelle neoplastiche e del conseguente allarme sociale e
scientifico, queste patologie rappresentano ad oggi circa il 30% della
mortalità e morbilità generale. I danni ambientali di specifiche attività
produttive hanno portato nel nostro Paese a studi epidemiologici di area,
come lo studio “Sentieri”, di rilevanza internazionale, che hanno confermato
il ruolo di alcune attività e sostanze nell’eziologia di gravi patologie,
nella riduzione della speranza di vita totale e in salute, di danni fetali ed
epigenetici. Gli studi epidemiologici su alcune aree apparentemente non sono
sufficienti per stabilire lo stato di salute della popolazione e soprattutto
non sono sufficienti a individuare alterazioni precoci dello stato di salute
stesso e a eseguire interventi di prevenzione primaria in aree apparentemente
non a rischio. Lo studio “Sentieri” ha interessato circa il 10% della
popolazione italiana, residente nelle aree considerate siti di interesse
nazionale per le bonifiche (SIN) e ha stimolato anche l’interesse della
politica per questi temi fondamentali per la sopravvivenza e per il futuro
della popolazione. Nella XVII legislatura si contano in 2 anni ben 7 decreti
del Governo solo sul caso “Ilva di Taranto”, dove uno studio epidemiologico
basato in particolare sui superamenti delle polveri sottili ha dimostrato
oltre 30 decessi annui aggiuntivi nella popolazione residente a Taranto e
State anche negli ultimi anni e inchiodato alle loro responsabilità i
responsabili dell’azienda, portando a un tentativo di progressiva
ambientalizzazione e facendo scuola su tutto il territorio nazionale. Nella
regione Puglia è stata emanata la prima legge regionale nazionale in merito
alle emissioni di diossine, coinvolte in gravissimi danni alla salute in
quanto interferenti endocrini.

Oltre agli studi che correlano ambiente e salute si stanno anche
moltiplicando gli studi di economia sanitaria ambientale, citiamo quello
dell’ECBA project che ha stimato in circa 48 miliardi di euro all’anno in
Italia i danni sanitari su base ambientale. Studi del genere sono stati
eseguiti per esempio in Cina dove è stata dimostrata una riduzione netta del
PIL di oltre il 5% a causa del solo inquinamento dell’aria (da morbilità,
ospedalizzazioni e mortalità precoce). Per i soli superamenti delle polveri
sottili si stimano circa 64mila decessi annuali nel nostro paese.

Appare sempre più necessario avere una valutazione dello stato di salute di
tutta la popolazione che dipenderà alla realizzazione di un referto
epidemiologico.

È necessario porre l’attenzione delle Amministrazioni e delle Aziende
Sanitarie Locali sulla necessità di conoscere tempestivamente lo stato di
salute collettivo della popolazione comunale al di là delle mere statistiche
basate sulla mortalità per sole neoplasie (che incidono come detto meno del
30% sul complesso della mortalità e morbilità generale).

Com’è noto, sul nostro territorio nazionale sono presenti numerose fonti di
rischio ambientale che causano danni alla salute pubblica agendo in modo
moltiplicativo oltre che additivo attraverso la diffusione di sostanze
tossiche oltre che cancerogene. Si tratta di industrie, impianti di
produzione energetica e trattamento rifiuti, traffico veicolare, ecc. che
emettono, non solo in atmosfera, un mix di inquinanti costituiti da polveri,
gas, radiazioni, ecc. Ci sembra quindi urgente che le conoscenze
epidemiologiche sull’intera popolazione siano tempestive, complete, rigorose,
periodiche e trasparenti.

Il referto epidemiologico (RE) consentirà ogni anno di avvalersi di un
affidabile, economico e verificabile punto d’osservazione per effettuare un
check-up standardizzato sulla salute collettiva. Basterà raffrontare il
valore realmente osservato con quello atteso (standard) nei livelli di salute
globale della popolazione comunale; senza incorrere nel grave errore di
limitarsi alle sole patologie neoplastiche che sottovalutano anche del 70% il
danno complessivo alla salute della popolazione. Il referto epidemiologico,
se correttamente e completamente applicato, può favorire concretamente la
prevenzione primaria per eliminare le principali cause di malattia.

Il RE è basato esclusivamente sui dati già raccolti in formato elettronico
(ricoveri, mortalità, diagnosi, ecc.) e potrà estendersi ad altri parametri
già monitorati (utilizzo di farmaci ecc), a specifiche categorie e territori.
L’aggravio di spesa appare non significativo, tanto più a fronte dell’esborso
corrente per il danno sanitario che potrà essere notevolmente limitato grazie
all’applicazione di questo provvedimento; l’attività di processazione e
validazione dei dati nelle varie realtà territoriali appare decisamente “low
cost” con gli attuali strumenti informatici e statistici e valorizzerebbe
l’attività già svolta dall’Istat e dall’ISS che al momento non producono
adeguate mappe dello stato di salute e hanno di conseguenza scarso
riconoscimento sociale. Naturalmente l’analisi dovrebbe successivamente
valutare le specifiche patologie emergenti, per fasce di età, negli ultimi 20
anni.

Il raffronto tra i valori degli analoghi indicatori con i comuni non
inquinati, della provincia e/o della regione, sarà indispensabile per
quantificare con ragionevole precisione le differenze nello stato di salute
della popolazione.

L’attivazione/uso del RE prevede 7 fasi:

1. Utilizzare tutti i principali dati sanitari correnti (mortalità,
ricoveri, diagnosi, ecc..) riferiti alla popolazione residente nel comune al
fine di creare uno specifico database aggiornabile ed analizzabile;
2. Individuare a priori il valore standard (baseline) nei tassi di
riferimento di incidenza e prevalenza;
3. individuare tempestivamente l’eventuale innalzamento, rispetto al
valore standard (baseline) del numero complessivo di casi dell’insieme delle
malattie;
4. calcolare il numero di casi in eccesso;
5. individuare le specifiche malattie che determinano l’innalzamento
globale della casistica;
6. identificare le possibili fonti evitabili di queste specifiche
malattie;
7. eliminare le specifiche fonti di malattia.

Il risultato condurrà al miglioramento progressivo dei livelli sociosanitari
ed economici dei comuni.

Concludendo, la conoscenza di quanto incida sulla salute umana la qualità
dell’ambiente in cui si vive e si lavora può essere valutata tramite lo
studio del “RE”. Con il RE si potrà conoscere velocemente le criticità
sanitarie sia per gruppi di residenti (donne, bambini, ecc.) che di
lavoratori in qualsiasi territorio, arrivando ad avere una mappa della salute
che potrà orientare a livello nazionale le priorità di intervento
educazionale, ambientale, professionale, sociosanitario, solo con una
semplice analisi di dati che vengono già abitualmente raccolti.

********************************************************************

TESTO

COLLEGHI! Negli ultimi decenni sono incrementati gli studi internazionali che
hanno correlato con ragionevole certezza specifiche patologie ad agenti
ambientali, professionali, comportamentali. In parte questo è stato dovuto
purtroppo all’incremento di fattori di rischio e dell’incidenza e della
prevalenza di alcune patologie come quelle neoplastiche e del conseguente
allarme sociale e scientifico, queste patologie rappresentano ad oggi circa
il 30% della mortalità e morbilità generale. I danni ambientali di specifiche
attività produttive hanno portato nel nostro Paese a studi epidemiologici di
area, come lo studio “Sentieri”, di rilevanza internazionale, che hanno
confermato il ruolo di alcune attività e sostanze nell’eziologia di gravi
patologie, nella riduzione della speranza di vita totale e in salute, di
danni fetali ed epigenetici. Gli studi epidemiologici su alcune aree
apparentemente non sono sufficienti per stabilire lo stato di salute della
popolazione e soprattutto non sono sufficienti a individuare alterazioni
precoci dello stato di salute stesso e a eseguire interventi di prevenzione
primaria in aree apparentemente non a rischio. Lo studio “Sentieri” ha
interessato circa il 10% della popolazione italiana, residente nelle aree
considerate siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN) e ha stimolato
anche l’interesse della politica per questi temi fondamentali per la
sopravvivenza e per il futuro della popolazione. Nella XVII legislatura si
contano in 2 anni ben 7 decreti del Governo solo sul caso “Ilva di Taranto”,
dove uno studio epidemiologico basato in particolare sui superamenti delle
polveri sottili ha dimostrato oltre 30 decessi annui aggiuntivi anche negli
ultimi anni e inchiodato alle loro responsabilità i responsabili
dell’azienda, portando a un tentativo di progressiva ambientalizzazione e
facendo scuola su tutto il territorio nazionale. Nella regione Puglia è stata
emanata la prima legge regionale nazionale in merito alle emissioni di
diossine, coinvolte in gravissimi danni alla salute in quanto interferenti
endocrini.

Oltre agli studi che correlano ambiente e salute si stanno anche
moltiplicando gli studi di economia sanitaria ambientale, citiamo quello
dell’ECBA project che ha stimato in circa 48 miliardi di euro all’anno in
Italia i danni sanitari su base ambientale. Studi del genere sono stati
eseguiti per esempio in Cina dove è stata dimostrata una riduzione netta del
PIL di oltre il 5% a causa del solo inquinamento dell’aria (da morbilità,
ospedalizzazioni e mortalità precoce). Per i soli superamenti delle polveri
sottili si stimano circa 64mila decessi annuali nel nostro paese.

Appare sempre più necessario avere una valutazione dello stato di salute di
tutta la popolazione che dipenderà alla realizzazione di un referto
epidemiologico.

È necessario porre l’attenzione delle Amministrazioni e delle Aziende
Sanitarie Locali sulla necessità di conoscere tempestivamente lo stato di
salute collettivo della popolazione comunale al di là delle mere statistiche
basate sulla mortalità per sole neoplasie (che incidono come detto meno del
30% sul complesso della mortalità e morbilità generale).

Com’è noto, nel nostro territorio sono presenti numerose fonti di rischio
ambientale che causano danni alla salute pubblica agendo in modo
moltiplicativo oltre che additivo attraverso la diffusione di sostanze
tossiche oltre che cancerogene. Si tratta di industrie, impianti di
produzione energetica e trattamento rifiuti, traffico veicolare, ecc. che
emettono, non solo in atmosfera, un mix di inquinanti costituiti da polveri,
gas, radiazioni, ecc. Ci sembra quindi urgente che le conoscenze
epidemiologiche sull’intera popolazione siano tempestive, complete, rigorose,
periodiche e trasparenti.

Il referto epidemiologico consentirà ogni anno di avvalersi di un affidabile,
economico e verificabile punto d’osservazione per effettuare un check-up
standardizzato sulla salute collettiva. Basterà raffrontare il valore
realmente osservato con quello atteso (standard) nei livelli di salute
globale della popolazione comunale; senza incorrere nel grave errore di
limitarsi alle sole patologie neoplastiche che sottovalutano anche del 70% il
danno complessivo alla salute della popolazione. Il referto epidemiologico,
se correttamente e completamente applicato, può favorire concretamente la
prevenzione primaria per eliminare le principali cause di malattia.

Il RE è basato esclusivamente sui dati già presenti in formato elettronico
(ricoveri, mortalità, diagnosi, ecc.) e potrà estendersi ad altri parametri
già monitorati (utilizzo di farmaci ecc), a specifiche categorie e territori.
Naturalmente l’analisi dovrebbe successivamente valutare le specifiche
patologie emergenti, per fasce di età, negli ultimi 20 anni.

Il raffronto tra i valori degli analoghi indicatori con i comuni non
inquinati, della provincia e/o della regione, sarà indispensabile per
quantificare con ragionevole precisione le differenze nello stato di salute
della popolazione.

L’attivazione/uso del RE prevede 7 fasi:

1. Utilizzare tutti i principali dati sanitari correnti (mortalità,
ricoveri, diagnosi, ecc..) riferiti alla popolazione residente nel comune al
fine di creare uno specifico database aggiornabile ed analizzabile;
2. Individuare a priori il valore standard (baseline) nei tassi di
riferimento;
3. individuare tempestivamente l’eventuale innalzamento, rispetto al
valore standard (baseline) del numero complessivo di casi dell’insieme delle
malattie;
4. calcolare il numero di casi in eccesso;
5. individuare le specifiche malattie che determinano l’innalzamento
globale della casistica;
6. identificare le possibili fonti evitabili di queste specifiche
malattie;
7. eliminare le specifiche fonti di malattia.

Il risultato condurrà al miglioramento progressivo dei livelli sociosanitari
ed economici dei comuni.

Concludendo, la conoscenza di quanto incida sulla salute umana la qualità
dell’ambiente in cui si vive e si lavora può essere valutata tramite lo
studio del “referto epidemiologico (RE)”. Con il RE si potrà conoscere
velocemente le criticità sanitarie sia per gruppi di residenti (donne,
bambini, ecc.) che di lavoratori in qualsiasi territorio, arrivando ad avere
una mappa della salute che potrà orientare a livello nazionale sulle priorità
di intervento educazionale, ambientale, professionale, sociosanitario, solo
con una semplice analisi di dati che vengono già abitualmente raccolti.

 

TESTO DELLA PROPOSTA DI LEGGE

 

Art. 1
(Definizioni)

 

Per le finalità della presente legge sono adottate le seguenti definizioni:
a) Referto epidemiologico. E’ il dato aggregato o macrodato
corrispondente alla valutazione dello stato di salute complessivo di una
comunità che si ottiene da un esame epidemiologico delle principali
informazioni relative a tutti i malati e a tutti gli eventi sanitari di una
popolazione in uno specifico ambito temporale e in un ambito territoriale
circoscritto o a livello nazionale, attraverso la valutazione dell’incidenza
delle malattie e del numero dei decessi.

b) Dati Epidemiologici Correnti. I dati epidemiologici monitorati
annualmente sono i seguenti: l’incidenza delle malattie (numero di nuovi casi
in proporzione alla popolazione) e il numero dei decessi suddivisi per cause.
I dati d’incidenza su base pluriennale sono utilizzati al fine di individuare
i valori di prevalenza delle malattie (numero di casi totali di una malattia
in proporzione alla popolazione).

c) Dato Aggregato o Macrodato. È l'aggregato che si ottiene dalla
sintesi di dati elementari o microdati utilizzati per riassumere le
informazioni in essi contenute.

Art. 2
(flusso e analisi dei dati da parte degli enti referenti)

Gli enti tenuti a fornire i dati epidemiologici sono i seguenti: assessorati
regionali alla salute, aziende sanitarie locali, ambulatori medici, ospedali,
altri ambiti sanitari; al termine di ogni anno solare vengono processati a
norma delle leggi vigenti e inviati al personale referente dell’Istituto
Superiore di Sanità e dell’Istituto Superiore di Statistica dove vengono
raccolti, verificati e raffrontati su appositi modelli standard e coordinati
con il complesso dei dati demografici e sociosanitari esistenti.
Il personale referente dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Istituto
Superiore di Statistica è tenuto al monitoraggio continuativo e al raffronto
del raffronto dei valori osservati con il valore atteso proveniente da una
popolazione standard, della determinazione di eventuali criticità e della
prescrizione e valutazione di indagini di casualità e causalità dell’evento.
Se la differenza fra questi valori risulterà superiore a 1, questo potrà
indicare un eccesso di casi osservati e comportare indagini di casualità e
causalità dell’evento. I dati del referto epidemiologico sono aggiornati
periodicamente e individuano la diffusione e l’andamento di specifiche
patologie e possono essere impiegati per identificare eventuali criticità di
origine ambientale, professionale o sociosanitaria e intervenire su di esse,
aiutando ad individuare, tempestivamente, le soluzioni, migliorando la
qualità di vita dei cittadini e riducendo l’esborso per il servizio sanitario
nazionale utilizzando le risorse anche per attivare un efficace prevenzione
primaria ed evitare analoghe epidemie.
l’Istituto Superiore di Statistica (ISTAT) e l’Istituto Superiore di Sanità
(ISS) garantiscono l’elaborazione e la pubblicazione digitale dei dati che
dovrà avvenire entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello cui i dati si
riferiscono; i dati pubblicati forniscono il referto epidemiologico
nell’ambito di applicazione individuato ai sensi dell’articolo 3. L’ISTAT e
l’ISS garantiscono altresì la pubblicazione digitale delle indagini
prescritte e dei risultati delle stesse quando terminate.
Art. 3
(Ambito di applicazione)

I settori di riferimento per l’aggregazione dei dati sono attribuiti alla
popolazione facente parte di uno specifico ambito territoriale
amministrativo, di una distinta area etnica-geografica o di uno specifico
comparto produttivo/industriale.I dati sono rilasciati unicamente in modalità
aggregata, e sottoposti alla normativa in materia di protezione dei dati e
non possono contenere notizie sulla salute dei singoli individui.



Art. 4
(Relazione ministeriale)

Il Ministro della salute, sulla base dei dati pubblicati dall’ISTAT e
dall’ISS ai sensi dell’articolo 2, elabora una relazione annuale sullo stato
della salute della popolazione, che viene trasmessa alle competenti
commissioni parlamentari entro il 31 ottobre di ogni anno.

 

 

*****************************************************************************

Mia proposta di modifica ed inclusione del disegno di legge


Negli ultimi 20 anni si è avuto un aumento del 600% dei casi di AUTISMO. LA
MEDICINA UFFICIALE ATTUALMENTE DICE CHE NON VI è CURA. Da dati del CDC USA
nel 2000 vi era un bambino autistico ogni 150 mentre nel 2010, ultimo dato,
vi è un bambino autistico ogni 68

http://www.cdc.gov/ncbddd/autism/data.html

e la dr.ssa Seneff del MIT, CHE STA CONDUCENDO UNA BATTAGLIA CONTRO LA
MULTINAZIONALE MONSANTO PRODUTTRICE DEL ROUNDAP UN ERBICIDA TROVATRO
ADDIRITTURA NEL LATTE MATERNO, ( http://people.csail.mit.edu/seneff/ ) nelle
sue conferenze afferma che tra 10 anni la metà dei nuovi nati sarà autistica

http://www.medicaldaily.com/autism-rates-increase-2025-glyphosate-
herbicide-may-be-responsible-future-half-316388


lo stesso presidente USA Obama nel 2009 in un pubblico discorso che potrete
trovare qui in testo e video all'Istituto Nazionale della Salute ( nostro
omologo ISS )

http://www.whitehouse.gov/the_press_office/Remarks-by-the-President-on-the-
American-Recovery-and-Reinvestment-Act-at-the-National-Institutes-of-Health/

che le emergenze sanitarie, ripeto al 2009, sono

1. tumori

2. malattie cardiovascolari

3. autismo

tra tante patologie al terzo posto vi è l'autismo come emergenza
sanitaria....vorrà pur dire qualcosa questo


Da padre di una bambina autistica, con molti gruppi e pagine su fb e con un
portale ad hoc www.autismo.in e una web radio www.radioautismo.org

VORREI proporre uno specifico indice di prevalenza con correlazioni fra
indici di tossicità generali ( abitazione vicino a discariche elettrodotti,
industrie chimiche, inquinamento ambientale in genere ) ed anche per quanto
riguarda la somministrazione dei vaccini.

Migliaia di famiglie riferiscono di eventi avversi alle vaccinazioni, perdita
di competenze psicomotorie e linguistiche già acquisite, che hanno portato a
diagnosi di autismo verso i 18-24 mesi.

Moltissimi bambini non svilupperanno mai il linguaggio, competenze
psicomotorie e relazionali nella norma e ciò denota l'autismo come una vera e
propria malattia sociale con enorme impatto sulle finanze dello stato fra
agenzie scolastiche, sociali, sanitarie e/o riabilitative o psicoeducative e
grande esborso di denaro a carico di queste famiglie che non possono per
esempio accedere a trattamenti specifici sull'autismo ( medicina biomedica,
iperbarica, diete con alimenti speciali, integratori , riabilitazione con
varie tecniche CAA, CLM, ABA etc.)

Costringere per legge i pediatri alla SEGNALAZIONE DI EVENTO AVVERSO CHE
AHIMè SULLA CARTA DOVREBBE ESSERE FATTA ma che gli stessi pediatri non fanno
quasi mai.

Infatti moltissime volte i genitori che ascolto riferiscono, per esempio
febbri elevate per alcuni giorni anche a 40 gradi di temperatura, dopo una
vaccinazione che i pediatri però minimizzano sempre....come anche la perdita
di competenze già acquisite.

Propongo che la segnalazione di evento avverso sia obbligatoria pena la
radiazione dall'albo, qualora la mancanza di segnalazione avversa possa
causare qualsiasi danno al bambino nell'immediato e nei primi tre anni di
vita, perchè è intollerabile che si possa minimizzare su neonati di tre mesi
o di età neonatale e dell'infanzia, dopo denuncia di un genitore, .

Vivo sulla mia pelle questa terribile condizione come altri migliaia di 

genitori in Italia e nel mondo

Dobbiamo fare qualcosa per fermare questo "massacro"

Miei studi su www.autismo.in

Sul mio profilo fb

https://www.facebook.com/salvatore.morelli.96/media_set?
set=a.910912665588799.1073741895.100000102213711&type=3

Potete ascoltare le Trasmissione in podcast su

http://www.radioautismo.org/site/category.php?cat=web-radio-autismo

Spero nell'accoglimento di questa segnalazione specialmente per quanto
riguarda L'OBBLIGO DEL PEDIATRA E/O MEDICO DI SEGNALARE UN EVENTO AVVERSO AI
VACCINI E/O ALTRO FARMACO PENA LA RADIAZIONE DALL'ALBO....CON LA SALUTE DEI
BAMBINI IN PRIMIS E DI NOI TUTTI NON SI DEVE SCHERZARE NE ESSERE SUPERFICIALI

SALVATORE MORELLI

 

30% del congresso USA Vaccina

 

Meno del 30% dei politici al congresso USA ammettono in un sondaggio della NBC di aver vaccinato i figli.....un motivo ci sarà voi che dite


fonte:


http://www.nbcnews.com/politics/politics-news/nbc-survey-finds-congress-unanimous-vaccinations-n301831

Mercoledì, 24 Dicembre 2014 17:07

Merry Christmas Autistic World

Scritto da

Il mio augurio per questo natale e che ben presta nascano gli Stati Uniti dell'Autismo....al di la di stupide divisioni fra gruppi ed ideologie

Perchè l'autismo ha bisogno di unire le forze non di dividerci

Perchè l'autismo non è un caso

Svegliate le coscienze è ora di scoprire la Verità

La Novartis USA una delle più grandi industri farmaceutiche ha nel suo libro paga la maggior parte delle società medico-scientifiche americane...e non solo

Nel loro sito istituzionale

http://www.pharma.us.novartis.com/info/corporate-responsibility/payments-to-healthcare-organizations.jsp

si possono scaricare due file relativi agli anni 2012 e 2013

ovviamente i file sono allegati a questo articolo

38 pagine nel file 2013 -----  33 pagine nel 2012 

 

A voi i commenti del caso

Si sa i numeri son numeri e la prevalenza dell'autismo da "dati ufficiali" ERA il vero problema per gli stati 

In USA il problema è centrale a livello mondiale dato che da qualche decennio hanno una vera e propria rete di monitoraggio della malattia autistica su buona parte del territorio

Si tratta dell'Autism and Developmental Disabilities Monitoring (ADDM) Network

http://www.cdc.gov/ncbddd/autism/addm.html

Passiamo alla ricerca da me pagata :-(( e che voglio condividere con tutti

Innanzitutto parliamo di studio pubblicato niente di meno che sull' American Medical Association Journal per cui DATI UFFICIALI E NON ARTICOLETTO GIORNALISTICO

In questo studio si dice una cosa molto semplice gli autori si domandano

Nel passaggio dal DSM-IV al DSM-V e quindi con nuovi criteri diagnostici per l'autismo e non solo cosa cambia?

Semplice  magicamente il numero di "casi" è diminuito di quasi il 20%

Con una semplice operazione matematica stanno cercando di far diminuire la prevalenza dell'autismo e tra qualche anno ci diranno " vedete che avevate tutti torto e che i casi stanno diminuendo"?

Ordunque sappiamo bene che già gli stessi dati ufficiali sono "adulterati" per ovvie ragioni ma che l'APA USA ( associazione degli psichiatri americani ) volgia prendere in gro il mondo intero non va

Lessi qualche anno fa la notizia pubblicata da Gabriele Milani, una grande persona vi assicuro,  sul suo sito http://autismovaccini.org/ che preannunciava li i suoi dubbi a tal proposito

Alla fine lo hanno fatto, i casi aumenteranno sempre più nella realtà ma statisticamente diminuiranno, un'operazione da veri maghi

Date enfasi a tale articolo e scaricate l'allegato, fate girare la voce

in allegato, visibile cliccando su "leggi tutto" potete trovare

  • sintesi dell'APA USA delle maggiori novità tra DSM-IV E DSM-V
  • ARTICOLO COMPLETO DELLO STUDIO DA ME REGOLARMENTE PAGATO 29 UERO

LA NOTIZIA E' DI ENORME IMPORTANZA PER CUI HO PAGATO QUESTO ARTICOLO E CHE VOLGIO CONDIVIDERE CON OGNI PERSONA DI BUON SENSO CHE HA VOGLIA DI VERITA' E GIUSTIZIA

 

 

Solite cose viste e riviste....l'autismo come mezzo per accalappiar risorse....che nulla o poco servono alle famiglie ed ai pazienti...tranne che per l'art. 1 dove finalmente si recita " c) promuovere progetti internazionali di ricerca con particolare riguardo ai settori della genomica, gastroenterologia, neuroimmunità, metabolismo e detossificazione;" siamo minimo 20 anni indietro....la ricerca...e chi la promuove...con quali mezzi.....con quali risorse? ed il conflitto di interesse? lettera morta ahimè....ma almeno un segno dei tempi.....lentissmi...che cambiano in italia...

 

 

 

Legislatura 17ª - 12ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 109 del 03/04/2014

 

 

 

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISISONE

PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 344, 359, 1009 E 1073

 

"Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone affette da autismo e di assistenza alle famiglie"

 

 

Art. 1.

(Finalità)

 

1. Gli interventi di cui alla presente legge sono diretti ai soggetti con diagnosi di disturbo dello spettro autistico secondo i criteri contenuti nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) al fine di favorire, tenuto conto delle peculiarità dei singoli disturbi dello spettro autistico, il normale inserimento nella vita sociale delle persone che ne sono affette.

2. Gli interventi di cui al comma 1 sono rivolti al conseguimento dei seguenti obiettivi:

a)    diffondere la cultura della necessità di una diagnosi precoce dei disturbi dello spettro autistico;

b)   promuovere la piena accessibilità alle informazioni relative all'autismo e ai servizi sanitari correlati;

c)    promuovere progetti internazionali di ricerca con particolare riguardo ai settori della genomica, gastroenterologia, neuroimmunità, metabolismo e detossificazione;

d)   promuovere la costituzione di banche dati coordinate dall'Istituto Superiore di Sanità che consentano di monitorare l'andamento epidemiologico dei disturbi dello spettro autistico e i risultati degli interventi preventivi terapeutici e riabilitativi erogati.

 

Art. 2

(Linee guida)

 

1. L’Istituto Superiore di Sanità aggiorna ogni tre anni, sulla base della documentazione scientifica nazionale e internazionale, le Linee guida sul trattamento dei disturbi dello spettro autistico di seguito denominate «Linee guida».

2. Le Linee guida hanno a oggetto le raccomandazioni relative agli interventi farmacologici e non farmacologici per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico basate sull'evidenza, per distinte fasce d'età, di soggetti trattati. L'Istituto Superiore di Sanità pubblica e aggiorna ogni tre anni l'elenco degli esperti esterni e dei centri scientifici e clinici che collaborano alla redazione delle Linee guida. Prima di ogni approvazione triennale delle Linee guida, l'Istituto Superiore di Sanità pubblica il relativo progetto nel proprio sito internet, invitando le istituzioni e le figure professionali coinvolte nell'assistenza a soggetti con disturbi dello spettro autistico a fornire suggerimenti e osservazioni. L'Istituto Superiore di Sanità mette a disposizione degli interessati, nel medesimo sito, procedure informatiche in grado di agevolare l'invio delle osservazioni.

 

Art. 3

(Livelli di assistenza)

 

1. Con decreto del Presidente del Consiglio del ministri, adottato ai sensi dell'articolo 54 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, sono individuate le prestazioni riconducibili ai livelli essenziali di assistenza, erogabili a carico del Servizio sanitario nazionale nei confronti dei soggetti affetti da disturbi dello spettro autistico.

2. Le prestazioni e gli interventi farmacologici e non farmacologici sono realizzati secondo le Linee guida e le raccomandazioni di cui all'articolo 2, comma 2.

3. Qualora le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano intendano, nell'ambito delle rispettive competenze, fornire a soggetti affetti da disturbi dello spettro autistico prestazioni ulteriori rispetto a quelle previste dai livelli essenziali di assistenza, di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 novembre 2001, pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 33 dell'8 febbraio 2002, come integrati ai sensi del comma 1 del presente articolo, con fondi diversi dalla quota di riparto delle disponibilità complessive del Servizio sanitario nazionale, si attengono comunque alle Linee guida ai fini dell'individuazione dei trattamenti basati sull'evidenza scientifica.

 

Art. 4

(Diritto all'informazione)

 

1. Il foglietto illustrativo dei prodotti farmaceutici deve indicare con chiarezza se il prodotto può essere assunto senza rischio dalle persone affette da disturbo dello spettro autistico.

 

Art. 5

(Politiche in materia di autismo nei piani sanitari regionali)

 

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano predispongono nell'ambito dei rispettivi piani sanitari progetti, azioni programmatiche e altre idonee iniziative dirette alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione dei soggetti affetti da disturbo dello spettro autistico. A tal fine, nell'ambito della organizzazione dei servizi di assistenza sanitaria ai soggetti con disturbi dello spettro autistico, le regioni e le province autonome di Trento istituiscono centri di riferimento con compiti di coordinamento dei presìdi della rete sanitaria regionale e delle province autonome, al fine di garantire la diagnosi tempestiva e stabiliscono percorsi diagnostici terapeutici e assistenziali per la presa in carico di minori, adolescenti e adulti con disturbi dello spettro autistico

e adottano misure idonee al conseguimento dei seguenti obiettivi:

a)    promuovere la realizzazione sul territorio di servizi gestiti da unità funzionali multidisciplinari per la cura e la riabilitazione delle persone affette da disturbi dello spettro autistico;

b)   promuovere la formazione sugli strumenti di valutazione e le metodologie validati a livello internazionale, nel rispetto delle linee guida degli operatori sanitari operanti nei servizi di neuropsichiatria infantile, di riabilitazione funzionale e di psichiatria;

c)    promuovere la formazione sulle metodologie di intervento educative, validate a livello internazionale, degli insegnanti che seguono alunni con disturbi dello spettro autistico;

d)   incentivare progetti dedicati all'educazione sanitaria delle famiglie che hanno in carico persone affette da autismo, allo scopo di ottimizzare le competenze, le risorse e la collaborazione con i servizi di cura;

e)    garantire la tempestività e l'appropriatezza degli interventi terapeutici mediante un efficace scambio di informazioni tra operatori sanitari e famiglie;

f)    prevedere idonee misure di coordinamento tra i servizi di neuropsichiatria infantile e di psichiatria per garantire la presa in carico e il corretto trasferimento di informazioni nel passaggio all'età adulta;

g)   rendere disponibili sul territorio strutture diurne e residenziali con competenze specifiche sui disturbi dello spettro autistico in grado di effettuare, insieme ai servizi territoriali, la presa in carico di soggetti minori, adolescenti e adulti;

h)   promuovere progetti finalizzati all'inserimento lavorativo di soggetti adulti con disturbi dello spettro autistico, che ne valorizzino le capacità.

 

Art. 6

(Esenzioni)

 

1. Il Ministro della salute, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, provvede, con proprio decreto da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, all'aggiornamento del regime delle esenzioni relativo all'autismo, previsto dal regolamento di cui al decreto del Ministro della sanità 28 maggio 1999 n. 329.

 

fonte: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=17&id=00758326&part=doc_dc-allegato_a&parse=no&stampa=si&toc=

Giovedì, 10 Aprile 2014 19:24

Vaccino Infanrix Tetra ritirato in Portogallo

Scritto da

L'Agenzia Nazionale dei Medicinali e dei Prodotti Sanitari del Portogallo (Infarmed) ha deciso di sospendere la somministrazione del vaccino Infanrix Tetra (Glaxosmithkline) in seguito alla segnalazione di tre casi di reazioni avverse. Tre bambini, infatti, a distanza di 48 ore dalla somministrazione del vaccino hanno accusato forti dolori e avuto gonfiore alle braccia.

Ecco quanto si legge nel comunicato diffuso da Infarmed e dal Ministero della Salute Portoghese:
"Dopo la ricezione delle segnalazioni di sospette reazioni avverse gravi, Infarmed, come misura precauzionale, determina l'immediata sospensione dell'uso del vaccino seguente:
- Infanrix Tetra - Sospensione iniettabile in siringa pre-riempita in AC20B268AB lotto, data di scadenza 31/07/2015
Dal momento che questo farmaco viene somministrato da professionisti della salute, i soggetti in possesso di questo lotto non devono procedere alla somministrazione finché non sarà completata la valutazione derivante da questa situazione.
Il Presidente del Consiglio Direttivo (Eurico Castro Alves)".

Il vaccino Infanrix Tetra viene utilizzato per indurre la formazione di anticorpi specifici contro difterite, tetano, pertosse e poliomielite nei bambini.

Il lotto ritirato è il n. AC20B268AB, in scadenza al 31-07-2015.

Infarmed ha fatto sapere di aver provveduto a ritirare la partita, che sarà oggetto di analisi, ma ha comunque invitato tutti i genitori a segnalare qualsiasi effetto secondario che si manifesti 3 giorni dopo la vaccinazione.

E' vero che la reazione al vaccino non è stata particolarmente grave, però quando la reazione a una vaccinazione si manifesta rapidamente dopo l'inoculo c'è sempre il pericolo che nel tempo il bambino manifesti altri effetti indesiderati ben più gravi o di tipo allergico o autoimmunitario.

Nell'ottobre del 2012 fu adottata una sospensione cautelativa del vaccino esavalente Infanrix Hexa in 19 paesi al mondo.

 

fonte: http://www.informasalus.it/it/articoli/portogallo-infanrix-tetra.php

allagato scaricabile dal sito ufficiale Governo del Portogallo

http://www.infarmed.pt/portal/pls/portal/docs/1/9774299.PDF

 

Claim betting bonus with GBETTING
Enable