Radioautismo.org
Benvenuto
Login

Il piccolo Mason...morto da vaccino!!!

Loading...

Grazie! Condividilo con i tuoi amici!

URL

Non hai gradito questo video. Grazie per il feedback!

Ci dispiace, solo gli utenti registrati possono creare le playlists.
URL


Aggiunto da Admin in reazioni avverse ai vaccini
1,900 Visioni

Descrizione

Mi chiamo Carey Bundy

e mio marito è Bryce.

Mason è nato normale
era felice e stava bene.

Queste sono le foto di quando

era appena nato, fatte il giorno
in cui l'abbiamo portato a casa.

Era molto sveglio.

Era prematuro?

Di 5 settimane.

Wow, 5 settimane

E non è dovuto andare in
neonatologia,

l'unico dei nostri figli che
non ci è dovuto stare.

Anche se era quello nato
prima ed era il più piccolo.

A due mesi ha ricevuto i primi
vaccini.

E lì è cambiato, subito.

Era il nostro terzo figlio, sapevamo
cosa fa un bambino 'normale'

i bambini a volte sono difficili,
ma lui ha iniziato a gridare

23 ore al giorno.

Prima di fare i vaccini a 4 mesi,
era stato ricoverato

a causa di un virus respiratorio sinciziale,

quando andammo dal dottore
dissi che non volevo farlo vaccinare

perché era appena stato malato
e volevo aspettare.

Ma il pediatra ci disse: "Non vaccinare
questo bambino nato a 35 settimane

significa firmare il suo certificato di morte
dovuta a pertosse"

Cioè il pediatra disse che non vaccinare
il bambino...

Equivaleva a firmare il suo certificato di morte,
il che è ironico.

Eravate lì entrambi?

Sì.

Io non volevo farlo, ma Bryce era
convinto che fosse necessario

per proteggerlo, e il dottore
sapeva a chi mirare tra noi...

Perché le mamme fanno sempre
domande mentre i papà

fanno quello che fanno gli altri.

Beh io ero più come te.
Mi sono fidata del dottore

Non riesco a capacitarmi
di quello che ha detto il pediatra

Se non lo vaccinate firmerete
il suo certificato di morte...

Sì.

E' terribile

E poi cos'è successo?

Gli hanno dati i vaccini il primo di marzo.

I giorni seguenti era molto calmo,
che era strano

perché era dai primi vaccini due mesi prima
che gridava senza smettere.

Non ti guardava più...

Abbiamo dei video.

Non rispondeva.

Guardava in alto e se cercavi di metterti
davanti a lui, spostava la testa.

Quindi due giorni passati così,
e poi?

Il 4 di marzo è stato il giorno
migliore per lui, sorrideva

ha incontrato un'amica di mia madre
quel mattino

e abbiamo fatto delle foto:
sedeva tranquillo mentre

sua sorella di 6 anni gli leggeva
un libro.

E' l'ultima foto che ho, perché dopo
averlo messo a dormire

sono andata a controllare, era mezzanotte
e sei minuti,

mi sono chinata per baciarlo, era buio,
gli ho baciato la guancia

ed era come un cubetto di ghiaccio,
e ho iniziato a gridare,

"E' morto, è morto!"

So come fare
la rianimazione cardiopolmonare,

l'ho studiata, eppure mi sono tirata indietro

e ho iniziato a gridare, e Bryce è
intervenuto, l'ha preso in braccio

ed è scappato.

Gli ho chiesto: "Dove lo porti?"
mentre lo rincorrevo giù per le scale

"Dal dottore" e mezzanotte.
E' andato, senza il seggiolino per auto,

niente, l'ha tenuto sulle gambe.

Mi metto in macchina, cerco di fargli
la rianimazione mentre guido,

piove, sono arrivato al pronto soccorso
e ho detto che era morto.

Hanno iniziato a fare il possibile,
ed è passata più di un'ora prima

che Carey potesse raggiungerci
perché non poteva lasciare

le nostre figlie da sole a casa.

Hanno provato di tutto, epinefrina
e gli hanno dato altre cose

tanto che era tutto gonfio.

E' la prima volta che questo
ospedale ha avuto a che fare

con un caso simile.

Noi abbiamo detto di smettere,

perché era già morto, ma loro non volevano.

Non gli era mai capitato, all'ospedale.
Carey ha dovuto dire: è andato.

Quando sono arrivata all'ospedale

non ho trovato mio marito: ho trovato
un uomo rannicchiato al suolo

piangeva e non parlava,
eravamo circondati da poliziotti,

che ci hanno separati e interrogati:
"Avete mai fatto del male a vostro figlio?"

Io avevo visto Mason e sapevo subito
che era morto, che non sarebbe tornato.

E mentre lo guardavo in ospedale
sapevo che non c'era più nessuno in quel corpo

e avevo bisogno di mio marito.

Lui è andato a casa a dormire e

io ho dovuto dire a mia figlia di 6 anni
che suo fratello non c'era più.

Abbiamo dormito sul divano
e quando si è svegliata le ho detto

che era successo qualcosa,
non sapevamo cosa

e Mason era morto, e non sarebbe
tornato.

E poi abbiamo dovuto osservare
la nostra figlia più piccola

quella di un anno, andava in giro
a cercarlo.

Lucy aveva 18 mesi. Lo cercava
sul seggiolone.

I miei genitori, mentre noi eravamo
in ospedale

hanno rimosso tutta la sua roba,
i pannolini, i giochi, e li hanno

messi nella sua stanza e hanno
chiuso la porta.

Io non volevo vedere queste cose.
Ma Lucy ha iniziato a cercarle.

Lo chiamava 'Baba', lo cercava
dapperttutto.

Spezza il cuore

Ma non potevamo spiegare
a una bambina di meno di due anni

quello che era successo.

Non lo ricorda, ma ci ha sentito
parlare di lui.

Non è stato un aborto spontaneo
e non era nato morto,

cose che sono comunque devastanti,
ma noi abbiamo foto

del Giorno del Ringraziamento, di Natale
e c'era un bambino in queste foto,

e l'anno successivo non c'era più.

Non ci sono parole

No.

Mi dispiace

Solo il giorno del suo funerale
qualcuno mi chiese

se era appena stato vaccinato,
e ho risposto

fottetevi, perché me lo devi chiedere,
vuoi dire che ho causato la sua morte?

Ma era vero.

Penso che il motivo per il quale
non si parla dei genitori

di bambini che muoiono dopo un vaccino
è perché abbiamo questo

enorme senso di colpa e uno stigma,

perché se fossimo stati più informati
questo non sarebbe successo

e nostro figlio sarebbe ancora vivo.

Cosa volete dire ad altri genitori
o a gente che sta pensando di avere figli?

Dovete informarvi perché non potete
dare per scontato

che qualcuno vi darà queste informazioni,
che è quello che abbiamo fatto noi

perché non sapevamo cosa fare,
e occorre fare una scelta consapevole.

Oliver, nostro figlio nato 2 anni dopo,
ha preso la pertosse

quando aveva un anno.

Il vaccino che ha ucciso Mason
era per prevenire la malattia

che ha avuto l'altro figlio,
e ti fanno pensare

che ne morirà, ma è passata
tranquilllamente.

E' stato difficile vedere che
la malattia della quale

avevo avuto così paura da non
ascoltare il mio intuito

non era così pericolosa
come mi avevano fatto credere.

E Oliver è ancora con noi.

Più forte di prima

Giusto. E' sanissimo.

Posta un commento

Commenti

Commenta per primo questo video.
RSS