Writers

Categorie


Metalli pesanti


Stress ossidativo


Perfusione Cerebrale


ca++ ed autismo


Neurotossicita'


Disbiosi Gastrointestinale

Articoli filtrati per data: Maggio 2016

 

“SPECIALE VACCINI” del programma radiofonico "Ouverture” del 17-05-2016 su  “ColorsRadio”, condotto da David Gramiccioli che ospita, in collegamento telefonico, il Prof.

Roberto 
Burioni , Professore Ordinario di Microbiologia e Virologia, Dottore di Ricerca in Scienze Microbiologiche e Specialista in Immunologia Clinica ed Allergologia presso presso UNISR Milano.


La trasmissione è stata condotta da David Gramiccioli con acume e con la consapevolezza di ospitare un uomo di scienza "ufficiale" pur essendo dichiaratamente contro molti "dogmi" che essa impone in campo della politica vaccinale e medicina preventiva.


La potete riascoltare in podcast al seguente link

http://www.vetrinaservizi.it/pagina2481_inserti-speciali-ouverture.html

 

prof. Burioni:

 

"Scienza è solo quello che si può controbattere, il resto non è scienza, quindi io dico “I vaccini non causano l’autismo” per quello che sappiamo adesso, ma se domani

mattina qualcuno, con il metodo scientifico, dimostra il contrario, io sono il primo a dire “Fino a ieri la scienza sbagliata, adesso è vero il contrario.”

Partiamo da questa considerazione.

Migliaia di genitori dichiarano che le competenze linguistiche, cognitive, relazionali e sociali dei loro figli perfettamente nella norma dopo una vaccinazione ( esavalente o

trivalente ) regrediscono fino a deterioramento delle stesse e diagnosi di autismo.

La riflessione è la seguente, o sono tutti pazzi o c'è qualcosa che non va che lega la vaccinazione alla perdita delle competenze precedentemente acquisite.

Altro problema è stabilire il danno da vaccino. A meno di correlazione quasi istantanea tra vaccinazione e palese e GRAVE sintomatologia clinica ( coma, epilessia, convulsioni,

ed anche morte )  non esiste una analisi clinica che ci possa dire con assoluta certezza che ci sia un danno da vaccino,.

Attenzione ma tale mezzo diagnostico inesistente non esiste non perchè i vaccini siano assolutamente sicuri ma perchè non si spende un euro per una ricerca del genere, forse

per coprire enormi pentoloni ed interessi dell'ordine di miliardi di dollari?

Inoltre come mai la scienza medica non indaga sulle dichiarazioni di milioni di genitori al mondo quando affermano che dopo le vaccinazioni vi sono stati regressioni dei loro figli

con danni neuromotori ed anche con diagnosi di autismo?

Come mai la scienza ufficiale non indaga?

E' normale che in moltissimi libretti vaccinali non sia segnato dal medico il lotto vaccinale ne la firma del medico? Forse per evitare controlli successivi e problemi di natura legale?

 


 ( raccolta libretti vaccinali di Genitori per la Vita )

 


La farmacovigilanza funziona? Quando una madre corre dal pediatra dopo una vaccinazione affermando che il figlio  ha la febbre a 40 da tre giorni ed il pediatra dice che è tutto

normale e che anzi questo significa che " il vaccino sta funzionando bene" questo medico  sta omettendo la segnalazione?

Ecco alcune slide su cosa è la farmacovigilanza in Italia...praticamente in Italia non vi è una farmacovigilanza che permetta di segnalare tutti gli eventi  avversi ai farmaci e

quindi se non vi sono eventi avversi ai vaccini, o vi sono in misura falsata, ovviamente per la SCIENZA UFFICIALE NON VI E' CORRELAZIONE FRA VACCINI AUTISMO E

DANNI
VACCINALI. 

 

 

 

 

 


 

 

 

Purtroppo siamo ben lontani da avere un sistema di farmacovigilanza efficace in Italia secondo l'OMS per cui come speriamo di capire se i vaccini ed i farmaci in genere possano

avere effetti collaterali anche gravi?

Per cui al di la dei proclami bisognerebbe entrare nel merito

I vaccini causano o no l'autismo? Secondo le dichiarazioni del prof. Burioni attualmente per la scienza medica ufficiale la risposta è NO.

Esiste oramai una nutrita letteratura scientifica che mette in discussione questa tesi e che ciòè i vaccini possono provocare l'autismo.

Tale tesi ( i vaccini non causano autismo ) viene avvalorata da studi retrospettivi, statistici, etc etc su coorti di bambini senza identità prendendo i dati che si vogliono per

dimostrare una tesi precedentemente prefissata.

Non esiste al mondo uno studi di monitoraggio diacronico fra vaccinati e non vaccinati, ma non coorti o database,  ma PERSONE VERE con nome, cognome e identità certa.

A tal punto è inutile che si dica che la commissione etica di turno lo vieterebbe perchè oramai migliaia di famiglie scelgono di non vaccinare i figli per cui si avrebbe questa

possibilità.

Fare uno studio comparativo fa 500 bambini che seguono un normale iter vaccinale ed altri 500 che non vengono vaccinati non per obbligo ma perché vi sono in Italia famiglie

che scelgono di non vaccinare....istituire due commissioni con visioni diverse del problema che mettono su un protocollo di indagine....si fa un monitoraggio di questi bambini

per tre anni....si analizzano i dati e così una buona volta....si dirà al mondo intero che i vaccini hanno salvato l'umanità.....anche perché non si capisce perché se la

medicina istituzionale dice che i vaccini sono perfettamente sicuri....perché allora non esiste al mondo uno studio del genere... m
a solo analisi statistiche che sappiamo bene che

servono solo a tirare acqua al proprio mulino?

Ma se la scienza istituzionale è convinta che i vaccini non facciano male, allora avrebbe tutto l'interesse a fare uno studio del genere e una volta e per

sempre dimostrare a tutti
che i vaccini sono supersicuri, non provocano autismo ne altre malattie autoimmuni. A pensar male....

 

Qualcuno in USA ci ha pensato ma guardate che cosa è successo

 


PROPOSTA DI LEGGE PER STUDIO NEGLI USA SULLO STATO DI SALUTE FRA BAMBINI VACCINATI E NON VACCINATI

IL DISEGNO DI LEGGE 3069 A FIRMA DELLA DEPUTATA MALONEY NON E' STATO APPROVATO PER CUI E' RIMASTO SULLA CARTA....NEPPURE DISCUSSO DAL CONGRESSO....

Ecco che fine fanno le propoSte di legge sullo stato di salute fra bambini vaccinati e non negli USA ma non solo...SI PERDONO PER STRADA

PROPOSTE PERICOLOSE QUESTE....MAI POSSIBILE CHE AL MONDO NON ESISTA UNO STUDIO "DIRETTO" DEL GENERE? sOLO STUDI SU ELABORAIONE DATI

RETROSPETTIVI ETC....CHE NON HANNO UNA VALENZA REALISTICA PERCHè I DATI SAPPIAMO BENE CHE POSSONO ESSERE ELABORATI A SECONDA " DELL'ASSUNTO

PRESTABILITO" E LE COORTI VENGONO SCELTE AD HOC

MEDITATE GENTE MEDITATE.....CERTI PENTOLONO NON POSSONO ESSERE SCOPERCHIATI

Introduced:
Jun 26, 2009 
111th Congress, 2009–2010
Status:
Died in a previous Congress
This bill was introduced on June 26, 2009, in a previous session of Congress, but was not enacted.
Sponsor:
Carolyn Maloney


Carolyn Maloney
Representative for New York's 14th congressional district
Democrat

fonte

https://www.govtrack.us/congress/bills/111/hr3069

https://www.gpo.gov/fdsys/pkg/BILLS-111hr3069ih/pdf/BILLS-111hr3069ih.pdf




Esiste poi anche un altro aspetto MAI analizzato dalla medicina istituzionale e che cioè migliaia di genitori sostengono che le competenze cognitive,

integrative, linguistiche e
relazionali GIA' ACQUISITE DAL MOMENTO DELLA VACCINAZIONI  SIANO STATE GRADUALMENTE PERSE SFOCIANDO IN

DIAGNOSI DI AUTISMO O DI DANNO ANCHE
NEUROMOTORIO E/O COGNITIVO.

Tale fenomeno è assolutamente IGNORATO da chi dovrebbe far luce su tali aspetti. Ma si sa anche questi fenomeni non entrano nella segnalazione di evento avverso dato che

una diagnosi di autismo può arrivare non prima dei 18-24 mesi ma moltissime volte verso i 36 mesi.



Le ricerche del dr. Singh


 

Il dr. Vijendra K. Singh, neuroimmunologo,  già in questa ricerca del 2001 metteva in correlazione la presenza di anticorpi specifici contro MMR

Aveva analizzato il siero di bambini autistici ( nr. 125 ) e del gruppo di controllo ( nr. 90 ).

Il prof. Singh ha osservato che il 60% dei soggetti autistici avevano una abnorme risposta immunitaria contro il virus del morbillo in assenza di malattia e segni clinici per cui la

sola risposta immunitaria possibile rispetto al virus del morbillo poteva essere sola la esposizione a virus vaccinale.

Di questo 60% il prof. Singh ha scoperto che avevano una risposta immunitaria per una particolare proteina, 73–75 kD of MMR che identifica la proteina esterna del virus del

Morbillo.

 

Questi anticorpi erano assenti nel gruppo di controllo ( nr. 92 )

 

Del 60% di bambini autistici oltre il 90% avevano anche anticorpi specifici verso la Proteina Basica della Mielina (MBP ), componente principale del sistema nervoso.

 

Esiste quindi una forte correlazione fra MMR ed Autismo?

 


Come mai non vengono stranamente effettuate ricerche del genere? Come mai non esiste al mondo un laboratorio che faccia questa analisi ( antibody anti-mbp ) anche se

online i kit per fare questo ELISA esistono?

http://www.antibodies-online.com/kit/1874414/Myelin+Basic+Protein+MBP+ELISA/



 

 

 

 

 

Abnormal Measles Serology and Autoimmunity in Autistic Children, " Journal of Allergy and Clinical Immunology , vol. 109, no. 1, S232, January 2002

 

Annals of CliniCAl PsyChiAtry 2009;21(3):148-161


Phenotypic expression of autoimmune autistic disorder (AAD): A major subset of autism

https://www.infoautismo.it/autismo.in/portale/index.php/autoimmunita/altre-categorie/autoimmunita-snc/item/276-correlazione-fra-virus-del-morbillo-e-anticorpi-anti-mbp-nell-autismo

 

La cosa curiosa è che il CDC USA nel suo sito ufficiale dice a chiare lettere che i virus "attenuati" contenuti nel trivalente ( MMR o MPR ) iniettati nel carpo di un bambino

PROLIFICANO SENZA CAUSARE UNA INFEZIONE PERICOLOSA.

MA PER VIRUS ATTENUATI COSA SI INTENDE? ED A QUESTO PUNTO CHE SIGNIFICA VACCINAZIONE?

E I GENITORI SANNO CHE QUESTI VIRUS PROLIFICANO NEL CORPO DEI LORO FIGLI? MALATTIE CRONICHE A VITA DUNQUE E REAZIONE CRONICA DEL SISTEMA

IMMUNITARIO VERSO QUESTI VIRUS

 

 

 

Inoltre il prof Katayama nelle sue biopsie ha riscontrato in persone morte per altre ragione il virus vivo del morbillo, per cui i vaccini provocano una infezione senza segni clinici della malattia


 

 

Perchè si continua a fare ricerca su una presunta causa genetica? Forse perchè è un vicolo cieco senza uscita?

 

 

 

 

 

Beh che l'ipotesi genetica era uno sviare la ricerca era risaputo che poi questo studio dimostri soltanto che il 27% abbia una ipotesi genetica mettendo insieme malattie

genetiche conclamate con sintomatologia autistica e altra presunzione di casi senza dimostrazione alcuna ma solo stimata è un qualcosa di molto ma molto arbitrario e

fuorviante...


fonti

http://www.nature.com/gim/journal/v15/n5/abs/gim201332a.html

http://www.nature.com/gim/journal/v15/n5/pdf/gim201332a.pdf



 

 


La ricerca genetica sull'autismo è un fallimento totale. 


E' la strada per sviare la ricerca sulle vere cause dell'autismo che rispondono alla seguente domanda

Quali sono le cause o concause comuni nei primi tre anni di vita ai bambini autistici in tutto il mondo?

I miei studi ne hanno trovato due: le vaccinazioni e la tossicità ambientale madri incluse

E si perchè se una madre è intossicata da metalli pesanti come il mercurio ( alimentazione lavori particolari, amalgame dentarie ) il feto è come una spugna e la

placenta non riesce a bloccare che i metalli pesanti e le tossine vadano alo feto )

 

Corsi e ricorsi scientifici ahimè sempre a proposito della vaccinazione trivalente ( MMRII o MPR ).

 

Nel 2004 un gruppo di scienziati del CDC USA hanno pubblicato sulla rivista Pediatrics uno studio dove si dimostrava la non correlazione fra vaccino trivalente ed autismo.

Lo studio potrete trovarlo qui

http://pediatrics.aappublications.org/content/113/2/259

 

 

 

Beh fino a qui nulla di strano direte. Nell'estate del 2014 uno dei coautori di quello studio, lo scienziato William Thompson ha dichiarato pubblicamente che quello studio era ed

è falso e che gli altri suoi colleghi anche hanno distrutto le prove in quello studio che provano la correlazione tra autismo ed MMR specialmente nella popolazione afro della città

di Atlanta.

Per cui la più grande organizzazione sanitaria mondiale degli USA il CDC ( agenzia federale per la protezione ed il controllo delle malattie ) ha falsificato tramite suoi scienziati

dei dati per coprire la correlazione vaccinazione trivalente ed autismo.

 

Famosa la telefonata del dr. Thompson al dr. Hooker che ha un figlio autistico dove ikl primo confessa di aver vergogna di quello che hanno fatto ed aver il rimorso di aver

cagionato sofferenze a milioni di bambini in tutto il mondo

 

La telefonata la potete trovare qui ( sottotitolata in italiano ) 

 
https://youtu.be/ePEskyFrNZg?list=UUw3h5mV5dw24MkWgb3eLAKQ&t=206

Il 27 luglio 2015 il deputato Bill Posey davanti al Congresso USA ha messo agli atti tutta la documentazione fornitagli da Thomson che proverebbe la fraudolenza di quello studio

del CDC USA su Pediatrics. Posey nel suo famoso discorso ha posto molti dubbi sulle vaccinazioni e sulla urgenza di fare chiarezza sulla pericolosità delle stesse.

 

Al seguente link potete ascoltare ( sottotitolato in italiano ) il discorso del deputato Posey


https://www.youtube.com/watch?v=yWEuhK0T6lk

 

Potete seguire tutta la storia nella inchiesta del giornalista USA Ben Swann ( sottotitolata in italiano ) al seguente link

 

http://www.radioautismo.org/site/watch.php?vid=d1172bf1f

A
ltra storia legata allo studio del 2004 e' una email inviata dallo scienziato Thompson al capo del CDC dell'epoca la dr.ssa J

 

 

Nel febbraio 2004 Thompson scriveva in una sua email , CHE TROVATE QUI

http://www.naturalnews.com/images/CDC-Gerberding-Warning-Vaccines-Autism.jpg

all'allora presidente del CDC USA ( Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie ) la dr.ssa Julie Gerberding 

“We’ve not yet met to discuss these matters…I will be presenting the summary of our results from the Metropolitan Atlanta Autism Case-Control Study and I will have to present
several problematic results relating to statistical associations between the receipt of MMR vaccine and autism,” .
















Thompson già metteva in guardia il CDC USA circa problematiche relative a forte correlazione fra MMR ed autismo Tutto fu insabbiato La allora presidente del CDC USA è ora Merck Announces Appointment of Dr. Julie Gerberding as Executive Vice President for Strategic Communications, Global Public Policy and Population Health Qui il link http://www.mercknewsroom.com/news-release/corporate-news/merck-announces-appointment-dr-julie-gerberding-executive-vice-president


 

Come vedete quasi tutti gli autori del famoso studio su Pediatrics del 2004 sbugiardato da Thompson hanno fatto molta carriera nel CDC USA

Sulla vicenda in USA un produttore di film di inchesta Del Bigtree ha supportato la realizzazione di un film VAXXED che parla proprio di questa vicenda.

La premiere sottotitolata in italiano la trovate qui


http://www.radioautismo.org/site/watch.php?vid=63ed8e443

 

 

Inoltre nel dicembre 2002 un alto funzionario del CDC USA Josè Cordero inviò una email DI RACCOMANDAZIONE all"editore  di PEDIATRICS per accelerare la data di pubblicazione dello studio

 

 

 




 

 

Le accuse di Robert F. Kennedy, Jr, attivista americano appartenente alla famosa famiglia Kennedy e commentatore radiofonico,   al dr. Frank Destefano


Frank Destefano è attualmente il direttore dell' Immunization Safety Office (ISO), che si occupa della sicurezza dei vaccini, dunque un ufficio centrale nel dibattito della sicurezza dei vaccini che sono gli unici farmaci che

1. si iniettano a soggetti sani

2. in milioni di dosi a milioni di persone

http://www.cdc.gov/vaccinesafety/iso.html

il dr. Frank Destefano è il primo firmatario dello studio del 2004 pubblicato su Pediatrics che le rivelazioni del coautore dr. Thomson definiscono cme fraudolento

Ecco le accuse dette in un dibattito pubblico da Robert F. Kennedy, Jr



"E infine, voglio dire questo: Dr. Frank DeStefano, che gestisce la divisione vaccini e ha orchestrato questa corruzione [come rivelato dal dottor William Thompson, il # CDCWhistleblower= pentito], il dottor DeStefano è un criminale e ha commesso frodi ricerca scientifica e lui è colpevole di danneggiare tutte queste persone. io sto dicendo che e sto usando il suo nome. Se quello che sto dicendo non è vero, è un atto di diffamazione e voglio che lui mi faccia causa. Se lui non lo ha fatto, avrebbe dovuto farmi causa. Avrebbe dovuto presentare una causa questo pomeriggio e diffidarmi dal dire ciò ancora una volta. Se qualcuno dicesse una cosa del genere su di me io gli farei causa IMMEDIATAMENTE.

Sto dicendo a te, Frank DeStefano, se non hai avvelenato questi bambini, è necessario citare me in questo momento e devi farmi stare zitto perché quello che sto dicendo di te sta danneggiando la tua carriera. Vediamo quello che farà Lunedi. "


Robert F. Kennedy, Jr 
October 24, 2015
Atlanta Georgia
CDC Truth Transparency Freedom Rally

discorso completo qui: 

https://www.youtube.com/watch?v=vvsXTg_8P3U

 

  

"And finally, I want to say this: Dr Frank DeStefano, who runs the vaccine division and orchestrated this corruption [as revealed by Dr William Thompson, the ‪#‎CDCWhistleblower‬], Dr DeStefano is a criminal and he committed scientific research fraud and he is guilty of injuring all these people. I'm saying that and I am using his name. If what I'm saying is untrue, it is an act of slander and I want him to sue me. If he didn't do it, he ought to sue me. He ought to file a suit this afternoon and enjoin me from ever saying that again. If someone said that about me I would sue them IMMEDIATELY.

I'm saying to you, Frank DeStefano, if you didn't poison these children, you need to sue me right now and shut me up because what I'm saying to you is damaging your career.

Let's see what he does on Monday."

Robert F. Kennedy, Jr 
October 24, 2015
Atlanta Georgia
CDC Truth Transparency Freedom Rally

 

 

 

 

Questa è una minima parte degli studi e del palese conflitto di interesse che avete potuto leggere in questo articolo e " scienza è solo quello che si può controbattere"

come afferma il prof. Burioni in questo articolo entrando nel merito stiamo contrabbattendo coi fatti e con documentazione a corredo ciò che viene imposta dalla scienza

istituzionale.

Chiediamo a studiosi come il prof. Burioni un aperto confronto dove si mettano in condizione altri studiosi che la pensano diversamente da lui di poter fare ricerca.

Per far ciò un medico dovrebbe essere libero in scienza e coscienza senza paura di ritorsioni e dovrebbe poter accedere a fondi infrastrutture e risorse umane, altrimenti è aria

fritta.

 

 


 

 

Ora mi preme informare il lettore circa un altro documento molto interessante che si chiama SIMPSONWOOD MEMO.

 

 

 

LO POTETE SCARICARE QUI ED IN ALTRI SITI ONLINE

 


http://skeptico.blogs.com/Simpsonwood_Transcript.pdf

 

 

 

E' un documento relativo alla conferenza Simpsonwood del CDC USA nell'anno 2000 sulla sicurezza dei vaccini. Fu un incontro di due giorni convocata nel giugno 2000 dal

Centers for Disease Control 
and Prevention ( CDC ) , presso il rifugio e centro conferenze metodista Simpsonwood a Norcross , Georgia.

 

L'evento chiave nel corso della conferenza è stata la presentazione dei dati che esaminano la possibilità di un collegamento tra il Thimerosal composto di mercurio ( al 50% ) nei

vaccini e problemi neurologici e dello sviluppo neuropsichiatrico nei bambini che avevano ricevuto questi vaccini.

Nel giugno 2000 il CDC USA preoccupato dal movimento antivaccinista organizzarono questo congresso. Ma all'interno dello stesso in forma privata furono invitati esperti usa in

campo tossicologico ed immunologico con un focus particolare, il cosidetto Verstraeten Study

 
Il dr. Verstraeten  asseriva che ci fosse una diretta correlazione fra vaccini con thimerosal e alterazioni dello sviluppo neutromotorio dei bambini vaccinati

( autismo, danni neuromotori, ritardo cognitivo e del linguaggio etc ) 

Verstraeten prese in esame  ben 100.000 casi circa, attingendo le informazioni direttamente dal Safety Datalink, ovvero il database medico nazionale.

Nessuno dei medici lì presenti ha espresso pubblicamente che la correlazione esistesse, ma non documento che è la trascrizione letterale dell'incontro non pochi dubbi sono

emersi.


Dopo circa tre anni lo studio venne pubblicato ma con conclusioni diametralmente opposte e che cioè non ci fosse correlazione fra vaccini ed autismo.

Qui potrete trovare lo studio "modificato".



http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14595043



Strano ma verò ma i dati furono talmente alterati da concludere che



 

Così per magia il dr. Verstraeten cambiò idea e tutto fu messo a tacere. E dopo ben 4 rielaborazioni dello studio tutto fu insabbiato.

Con un atto FOIA l'associazione Safe Minds della California , ci parla di statistiche ben diverse, con un rischio di autismo molto alto che è scaturito 

analizzando i dati originari.


 



 

 

Con il valore 1 si intende una parità fra costi e benefici rispetto alla vaccinazione. Un valore <1 una assoluta validità delle vaccinazioni. Un valore >1 un grande rischio per la

correlazione vaccini ed autismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 







Ma passiamo agli stralci più interessanti del documento


 

 +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

 

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

 

 

 ++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

 ++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

 

 +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

 

 

 

 

Prof. Burioni:

“No, io, io ritengo... in questo momento, la scienza ci dice, in maniera più che certa, in questo momento, che l’autismo e i vaccini non sono correlati. Come lo dice? Come fa a

dirlo? –(*Gramiccioli: “Ma sì...è così...”)- Cioè un bambino fa il vaccino e cinque giorni dopo diventa autistico, è ovvio che un genitore pensa “Me l’ha fatto diventare il vaccino”.

Anch’io, mi montano delle gomme nuove, me ne buco una, dico “Accidenti, il gommista m’ha dato delle gomme schifose”, però potrei avere anche trovato un chiodo per strada,

questo voi lo capite.

 

Siete ancora sicuri dopo tutto quello che avete letto che non vi sia nessun dubbio sulla NON CORRELAZIONE FRA AUTISMO E VACCINI come il dr. Burioni e

la scienza medica istituzionale affermano?

 

Ma la riflessione è che una diagnosi di autismo viene fatta se tutto va bene non prima dei 24 mesi e molte volte anche dopo i 36 mesi quindi molto tempo dopo le prime

vaccinazioni. Per cui l'autismo non è che avviene 5 giorni dopo....anche se molte volte vi sono eventi avversi anche gravi dopo la vaccinazione ed i danneggiati da vaccino

esistono anche se molti non riconosciuti dalla legge 210/92. Non riconosciuti non perché il danno non vi sia ma per LA TEMPISTICA DELL'EVENTO AVVERSO CHE È

RAPPRESENTATA DA QUESTA SIMPATICA, si fa per dire,  VIGNETTA CHE HO CREATO TEMPO FA

 

È giusto quello che afferma il prof. Burioni e che cioè attualmente non è dimostrata la correlazione autismo e vaccini ma NON PERCHÉ SIA QUESTA  UN ASSUNTO ASSOLUTO

MA PERCHÈ NON C'È LA VOLONTÀ DA PARTE DELLA SCIENZA ISTITUZIONALE DI FARE RICERCA SENZA CONFLITTO DI INTERESSE.

 

Un esempio fra tutti è lo spendere milioni di dollari per la ricerca genetica sull'autismo senza cavar un ragno dal buco mentre la ricerca sulle cause biologiche ed epigenetiche

viene quasi completamente ignorata.

 

 

  

Chiediamoci il perchè forse per paura di scoperchiare enormi pentoloni di interessi ciclopici sulla pelle dei bambini? 

 

 

Il prof. Burioni come giusto che sia nella trasmissione ha molte volte detto che lui riconosce soltanto le pubblicazioni su riviste scientifiche accredidata e da uomo di scienza non

potrebbe essere altrimenti ma le domande sorgono e cioè



  • chi controlla l'editoria scientifica?

  • chi decide quale articolo passa e quale no?

  • può un articolo contro le vaccinazioni o contro per esempio la chemioterapia "passare" su una rivista scientifica?

  • un libero professionista ha gli stessi mezzi di un professore universitario per fare libera ricerca?

  • Le pubblicazioni scientifiche sono tutte realizzate senza conflitti di interesse?


DOPO CHE RICHARD HORTON, EDITORE DEL LANCET SOSTIENE CHE LA META' DEGLI ARTICOLI SCIENTIFICI E' FALSA....CI POSSIAMO ANCORA CREDERE? SE LE

PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE SONO PIENE DI CONFLITTI DI INTERESSE MAI DICHIARATI....SONO ATTENDIBILI O PILOTATI AD HOC PER CONVINCERE I LETTORI DI

FALSE VERITA' E PER PLASMARE LE MENTI?

 


FONTE:

http://www.thelancet.com/pdfs/journals/lancet/PIIS0140-6736(15)60696-1.pdf

http://www.thelancet.com/lancet/about

 

E VOLGIAMO PARLARE DELLA PRESTIGIOSA ASSOCIAZIONE USA DEI PEDIATRI?


 

 

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

LA INCHIESTA DELLA TV SVIZZERA-TEDESCA SRF METTE IN RISALTO IL PESO DELLA INDUSTRIA FARMACEUTICA NEGLI ATENEI ELVETICI. SPONSORIZZAZIONI PRIVATE A

FAVORE DI ALCUNE CATTEDRE NEGLI ATENEI SVIZZERI. QUASI TUTTI GLI ATTORI DELLA INDUSTRIA DEL FARMACO FIGURANO IN CONTRATTI FIRMATI CON POLITECNICI

E UNIVERSITA' SVIZZERE. 12 MILIONI E MEZZO DI FRANCHI SVIZZERI AL POLITECNICO DI LOSANNA DA PARTE DELLA MERCK-SERONO CHE PER

CONTRATTO DANNO IL 
DIRITTO A QUESTA INDUSTRIA FARMACEUTICA DI OBBLIGARE I RICERCATORI A SOTTOPORRE ALL'ATTENZIONE DELLA MERCK-

SERONO LE CONCLUSIONI DELLE PROPRIE 
RICERCHE OGNI TRE MESI ED IMPORREBBE AI RICERCATORI DI APPORTARE MODIFICHE PRIMA DELLA LORO

PUBBLICAZIONE

 

 

++++++++++++ ALLA FACCIA DELLA INDIPENDENZA DELLA RICERCA +++++++++++++++++

 

 

E DOPO QUESTE NOTIZIE UFFICIALE VOI CREDETE ANCORA AL CIUCCIO CHE VOLA?

 

NON GIOCATE ALLA ROULETTE RUSSA CON LA VOSTRA SALUTE NE CON QUELLA DEI VOSTRI FIGLI

 

 

 

FONTE

 

 

http://www.rsi.ch/play/radio/radiogiornale/audio/radiogiornale?id=7115024


E SE NON ASCOLTABILE ANDATE QUI 


http://www.radioautismo.org/site/watch.php?vid=75b6cf262



 

 

Conflitti di interesse

Proprio così in questo studio pubblicato sul giornale di Psicoterapia e psicosomatica si dice a chiare lettere che un gran numero di psichiatri usa che hanno redatto il dsm-iv

hanno conflitti di interesse perchè legati finanziariamente con industrie farmaceutiche

 

nell'abstract si recita

 

Background: Increasing attention has been given to the transparency of potential confl icts of interest in clinical medicine and biomedical sciences, particularly in journal

publishing and science advisory panels. The authors examined the degree and type of fi nancial ties to the pharmaceutical industry of panel members responsible for revisions

of the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) .


Methods: By using multimodal screening techniques the authors investigated the fi nancial ties to the pharmaceutical industry of 170 panel members who contributed to the

diagnostic criteria produced for the DSM-IV and the DSM-IV-TR.

 

Results: Of the 170 DSM panel members 95 (56%) had one or more financial associations with companies in the

pharmaceutical industry.

 

One hundred percent of the members of the panels on ‘Mood Disorders’ and ‘Schizophrenia and Other Psychotic Disorders’ had fi nancial ties to drug companies.


The leading categories of fi nancial interest held by panel members were research funding (42%), consultancies (22%) and speakers bureau (16%).


Conclusions: Our inquiry into the relationships between DSM panel members and the pharmaceutical industry demonstrates that there are strong fi nancial ties between the

industry and those who are responsible for developing and modifying the diagnostic criteria for mental illness.

 

The connections are especially strong in those diagnostic areas where drugs are the fi rst line of treatment for mental disorders. Full disclosure by DSM panel members of their

financial relationships with for-profi t entities that manufacture drugs used in the treatment of mental illness is recommended.

 

 

fonte:

 

http://www.tufts.edu/~skrimsky/PDF/DSM%20COI.PDF

 

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

Per non parlare poi delle società scientifiche mediche in Italia 

 

 

 

O degli scandali relativi alla Agenzia Italiana Farmaci AIFA

 

 

 

 

 

 

 

prof Burioni durante la trasmissione mette in discussione la presenza del mercurio nei vaccini

 

Gramiccioli: “Però mi sembra che non vorresti questo confronto così!”

Prof. Burioni: “Ma io lo voglio, ma cosa gli dico, se loro mi dicono “C’è il mercurio.”  [NEI VACCINI ] e io gli dico “Portami il lavoro che lo dice.”

Gramiccioli: “E lo portano!”

Prof. Burioni: “Ma non lo possono portare, perchè non l’hanno pubblicato! Un lavoro deve essere valutato sui giornali!...”. -(*Gramiccioli: “No, ma dai, no...”)- . Non è che lo

valuto io in una sala da... da...”

 

Nel"antinfluenzale è ancora presente e considerando che lo stanno consigliando alle donne in gravidanza ed ai bambini contro le stesse indicazioni del produttore il livello di

mercurio inoculato è pari a quello dei bambini prima del 2001 quando la fida lo ha tolto dai vaccini....

 

 

 

fonte

http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/Vaccines/ApprovedProducts/ucm094044.htm

http://www.fda.gov/downloads/BiologicsBloodVaccines/Vaccines/ApprovedProducts/UCM112836.pdf


 Come conservante vaccino thimerosal è utilizzato in concentrazioni di 0,003 % a 0,01 % . Un vaccino contenente 0,01% di timerosal come conservante contiene 50 microgrammi di thimerosal in 0,5 ml o circa 25 microgrammi di mercurio per 0,5 mL dosi . L' uso di conservanti contenenti mercurio nei vaccini è diminuito notevolmente a partire dal 1999.

In molti vaccini per le produzioni industriali ritroviamo la dicitura ( in tracce ) ma che significa?


Nella pagina FDA troviamo "..tutti i vaccini di routine consigliati per bambini dai 6 anni di età o più giovani e commercializzati negli Stati Uniti non contengono thimerosal o solo tracce ( 1 microgrammo o meno mercurio per dose ) , con l'eccezione del vaccino influenzale inattivato , per la prima volta raccomandato dal comitato consultivo in materia di immunizzazione nel 2004 per uso di routine nei bambini da 6 a 23 mesi di età."

 

 

Fonte

http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/Vaccines/QuestionsaboutVaccines/UCM070430




Cioè non esistono studi di tossicità diretta per l'etilmercurio che troviamo nei vaccini ma solo per il metilmercurio alimentare?

Cioè per la scienza medica moderna il mercurio alimentare ha la stessa tossicità di quello che iniettiamo direttamente nel sangue? 



ASSURDO

 

Secondo l'analisi del NVIC ( National Vaccine Information Center, una organizzazione onlus sulla sicurezza vaccinale ) nei vaccini non vi è ancora mercurio ma in tracce e cioè 1

mcg per dose. Ma secondo  le raccomandazioni del CDC USA possono ancora ricevere 25 mcg nei primi 12 mesi di vita che possono diventare 71 mcg se la madre ha fatto

l'antinfluenzale durante la gravidanza come viene consigliato, ed aumenta ancora se vi sono amalgame dentarie o se mangia spesso pesce.



 fonte: http://www.nvic.org/faqs/mercury-thimerosal.aspx

 
LA FDA USA IN QUESTA SUA PUBBLICAZIONE SI RIFA' ALLE LINEE GUIDA EPA USA ( AGENZIA DI PROTEZIONE AMBIENTALE ) CHE POTETE VISUALIZZARE QUI





FONTE:

http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/SafetyAvailability/VaccineSafety/UCM096228#tox

 

 

 Una occasione persa per la discussione è stata quando il prof. Burioni ha iniziato a parlare delle ricerche del dr. Stefano Montanari

 

Prof. Burioni:

“Scusami tanto, però, vedi, quello che io tento di spiegare è questo: le cose che dicono...io di questo Miedico, non lo sono per mia ignoranza, ho letto qualcosa, per esempio, le

cose che ho guardato con più attenzione sono quelle di Stefano Montanari, che mi ha anche scritto in privato, che è una persona, come te, di una cortesia squisita con la

quale...


Gramiccioli:

“No, io e Montanari siamo due cose completamente diverse.” -(*Prof. Burioni: “Ecco, però, non voglio mettere in dubbio...”. Umanamente due cose completamente diverse. -

(Prof. Burioni: “Non ho... purtroppo non posso dirlo perchè...)-. Riconosco il valore assoluto della Professoressa Mariantonietta Gatti, un’eccellenza, e lui è un buon divulgatore,

ma umanamente due cose completamente diverse.”


Prof. Burioni:

“Mi dispiace di aver scelto l’esempio sbagliato, ahahahah.”


Gramiccioli:

“No, no, no, scientificamente va tutto bene, guarda, credimi, sono utili, i loro studi... i loro studi sono utilissimi alla causa, sarei un disgraziato se ne facessi un questione

personale... -(Prof. Burioni: “Però, gli ho detto, io,se non pubblichi...”)-. Anzi, fammi dire questa cosa Roberto, prima che scrivono duecentomila persone: proprio perchè sono

umanamente così lontano dal Professor Montanari, riconosco il lavoro straordinario del Nanodiagnostic di Modena, perchè questa questione va oltre anche il dolore umano... ok?

Andiamo avanti.”

 

Il dr. Stefano Montanari afferma che quasi tutti i vaccini contengono metalli e sostanze non biocompatibili ( piombo rame acciaio ferro tungsteno ) che

iniettiamo ad un infante di pochi mesi non sono poi così salutari e pone seri dubbi sulla modalità produttiva dei vaccini. E' mai possibile che i produttori di

vaccini non sappiano cosa c'è dentro gli stessi vaccini e lo sappia solo il dr. Montanari? Perchè i produttori di vaccini non rifanno le stesse analisi

confutando il dr. Montanari?


" Noi abbiamo analizzato 28 vaccini, qualcuno in un solo esemplare, qualcuno in più esemplari anche a distanza di tempo. 
 
Di questi solo il Feligen, l’unico vaccino per uso veterinario analizzato, si è dimostrato non inquinato da micro- e nanoparticelle solide, 
 
inorganiche, non biodegradabili e non biocompatibili, vale a dire patogene. 
 
Le autorità sanitarie hanno sempre evitato di entrare in argomento ma di questo molti soggetti potenzialmente vaccinabili 
 
sono informati e la mancanza di risposta o le risposte assurde giocano a sfavore dei vaccini. "

dr. Stefano Montanari mai smentito da nessuno in italia e nel mondo
 
http://www.radioautismo.org/site/watch.php?vid=dd71d5c72


Ora si può dire di tutto del dr. Montanari ma fino a quando nessun altro ricercatore dimostrerà al mondo intero, rifacendo le stesse analisi, che Montanari ha torto, allora per il

sottoscritto ha ragione ed a nulla vale il discorso " se non le pubblica su rivista scientifica non le considero" perchè il dr. Montanari ha scritto libri e fa congressi su ciò

oltre ad essere perito di parte in processi all'estero sui vaccini.







 fonte

http://www.youreporter.it/foto_FRANCIA_SCANDALO_VACCINO_MENINGITEC_SVOLTA_AL_PROCESSO?refresh_ce-cp

 

 

 

Ma come in Francia il dr. Stefano Montanari fa il consulente nella causa di 680 famiglie danneggiate dal Meningitec, ed in Italia nonostante i Nas vanno al suo laboratorio e

sequestrano tutti i documenti sui vaccini in Italia, repubblica delle banane, e nessun magistrato apre un'inchiesta? 


"Di questi residui, alcuni sono menzionati dal produttore del Meningitec®, l' americana Nuron Biotech. Esempi: cloruro di sodio e fosfato di alluminio. Molti altri, tuttavia, "non

sono segnalati" e non hanno, secondo il laboratorio italiano, "nulla a che fare con la composizione di un vaccino o di qualsiasi altra iniezione."

La Nanodiagnostics conclude quindi che vi è presenza di polvere di acciaio inox, piombo, zinco, titanio, zirconio e persino un composto "leggermente radioattivo" in questo

vaccino."

fonte

http://www.lamontagne.fr/auvergne/actualite/2016/04/05/lexpertise-qui-accuse-le-meningitec_11857138.html

 

 

 ++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 Gramiccioli: bravissima, altrettanto brava, tua omologa per valore per competenze, ha un mese più di te, quindi ha una esperienza anche maggiore della tua, avendo un mese

di attività rispetto, tu sei il mio coetaneo lei ha un mese più di noi... allora che succede che Gabriella Lesmo, autorevolissimo medico, viene qui, porta dati inconfutabili e dice:

nella svizzera centrale dove opero, c'è la copertura... dove non vi è l'obbligatorietà, non vige l'obbligatorietà dei vaccini, c'è una copertura tra il 42% e il

43% e grazie al cielo, 
parole sue, io dico grazie al cielo 2 volte, non si registrano morie infantili. L'opinione è quella del giornalista Roberto. Dario Miedico, Eugenio Serravalle, Gava, Gabriella Lesmo,

non sono più opinioni, sono scienziati medici che lavorano quotidianamente a contatto...

 

Prof. Burioni: però in questo caso la dottoressa Lesmo dice l'esatto contrario di quello che dice la scienza ufficiale, quindi al momento attuale...


Beh dati alla mano la scienza non è che dice solo quello che afferma il prof. Burioni

Infatto il famoso studio di Goldmann e Miller dimostra che l'indice di mortalità infantile aumenta nei paesi dove maggiore è il numero di vaccinazioni in primis Usa e Italia





 




 

 fonte

 

http://het.sagepub.com/content/early/2011/05/04/0960327111407644.full.pdf+html



P
er maggiori approfondimenti a tal proposito si legga un altro mio articolo



https://www.infoautismo.it/autismo.in/portale/index.php/vaccini-e-autismo/item/615-maggiori-le-vaccinazioni-maggiore-la-mortalita-infantile-lo-studio-di-miller-e-goldman/615-maggiori-le-vaccinazioni-maggiore-la-mortalita-infantile-lo-studio-di-miller-e-goldman


Al lettore attento i commenti del caso

 

 

Pubblicato in Vaccini

26 aprile 2016 25esima  Conferenza sulla Salute e l'Ambiente alle Nazioni Unite

 

La prof. Mary Holland giurista e professore in legge ( Research Scholar and Director of the Graduate Lawyering Program at NYU School of Law ) interviene su politica vaccinale degli stati e diritti umani.

 

La prossima testimonianza è di Mary Holland che è una Research Scholar alla New York University School of Law

-Grazie mille. Per iniziare vorrei porvi un paio di domande semplici. Potete rispondere alzando la mano. Avete mai, per qualsiasi motivo, criticato le Nazioni Unite? Il Consiglio di Sicurezza...? I Peacekeepers? Questioni di bilancio...?Vedo diverse mani alzate. E vi è mai capitato di criticare gli Stati Uniti per qualsiasi motivo? 

Politica estera, politica interna... Le elezioni...? 

Siamo alle Nazioni Unite, qui negli USA, e la maggior parte di noi ha criticato queste istituzioni a un certo punto nella propria vita. Per me è come chiedere: "Sei vivo? Respiri? Sei capace di pensare? "Criticare è umano e normale. 

Quasi tutti noi abbiamo criticato qualcosa perché abbiamo istituzioni complesse che compiono azioni o non le compiono...Ma se ora vi chiedo se avete mai criticato il programma di vaccinazione del vostro paese, forse mostrerete una certa riluttanza a rispondere. E avreste ragione, perché nel dibattito pubblico su questo argomento rispondere: "Sì, ho criticato alcuni aspetti della politica relativa alle vaccinazioni" Significa finire per essere definiti 'anti-vaccino', un termine fondamentalista. 

E questo non da parte di pubblicazioni di attivisti o di parte, ma verreste chiamati 'anti-vaccino' da pubblicazioni come il New York Times The New England Journal of Medicine, l'OMS, e dai rapprensentanti delle agenzie come il Center for Disease Control, e associazioni nazionali pediatriche. Le vostre opinioni sui vaccini verrebbero considerate non in linea con l'opinione corrente, ma equivalenti a quelle di coloro che negano il cambiamento climatico. Anche voi verreste considerati, come è accaduto a me, come qualcuno che pensa che la Terra sia piatta. Non fa differenza se critichi i vaccini nell'insieme, sempre e comunque o se semplicemente credi, come tante persone e come me, che il mercurio non dovrebbe mai essere usato come un conservante in nessun vaccino, da nessuna parte del mondo, visto che abbiamo alternative migliori o più sicure. Grazie. Molti tra noi oggi vengono chiamati 'anti-vaccino' ma questa è una deformazione grave. Veniamo chiamati così principalmente per marginalizzare e respingere le nostre opinioni. Ma esattamente come alcuni di voi criticate degli aspetti dell'ONU senza per questo smettere di credere che sia un'istituzione importante la maggior parte di noi ha opinioni con sfumature diverse, pro-salute, e pro-vaccini che siano accessibili, necessari, efficaci e sicuri. Quindi oggi vorrei focalizzare l'attenzione sulla legge che protegge i diritti umani per quanto riguarda i vaccini. Come possiamo bilanciare i diritti della comunità e i diritti dell'individuo? I vaccini di natura sono un intervento medico che deve essere fatto su una popolazione. Se abbastanza persone accettano questo intervento medico, quello che viene definito 'il gregge' sarà protetto da determinate malattie, idea che si basa sulla teoria "dell'immunità del gregge'. Anche se sono gli individui che ricevono i vaccini, il motivo per il quale vengono dati è per il bene dell'individuo e della società. Nello Statuto dell'ONU, l'articolo 1 dice che uno degli scopi prioritari delle Nazioni Unite è di ottenere la co-operazione internazionale e promuovere e incoraggiare il rispetto dei diritti umani, e di tutte le libertà fondamentali. Quindi l'ONU e la comunità internazionale hanno l'obbligo di rispettare il diritti umani per quanto riguarda la vaccinazione. Ma come possiamo farlo? Questa è una domanda importante che merita di essere esaminata, perché ha un effetto profondo sulla salute pubblica e dell'individuo. Fin dalla Seconda Guerra Mondiale la comunità internazionale ha riconosciuto il pericolo del consenso non volontario a esperimenti scientifici su soggetti umani. Dopo le atrocità commesse dai Nazisti, il mondo ha creato il Codice di Norimberga, che afferma: "l consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale. "Il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici conferma questa proibizione contro gli esperimenti non volontarie dice: "Nessuno deve essere sottoposto a esperimenti medici o scientifici senza il proprio consenso" Queste proibizioni sono riconosciute universalmente tanto che delle Corti e degli studiosi hanno dichiarato che il diritto al consenso informato è una questione di legge internazionale consueta. In altre parole, è valida ovunque, che un Paese l'abbia scritto nella sua costituzione o meno. E' pari alle norme che proibiscono schiavitù, genocidio, tortura e pirateria. Ma che dire del consenso informato nel campo della terapia medica, inclusa la terapia preventiva, come i vaccini? Questo è un argomento contenzioso oggigiorno in molti paesi, tra i quali gli USA. Nel 2005, l'UNESCO ha affrontato questo argomento adottando la Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani basandosi sul consenso di 193 paesi, tra i quali gli USA. I paesi che vi hanno preso parte speravano che questa dichiarazione diventasse un principio guida, come era già accaduto con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Questa dichiarazione dice che qualsiasi intervento medico preventivo può essere fatto solo con il consenso informato e libero della persona, consenso basato su informazioni adeguate. La dichiarazione afferma anche che il solo interesse della scienza e della comunità non è sufficiente. Questa dichiarazione è un'estensione del Giuramento di Ippocrate, che risale a 2500 anni fa, che afferma che i dottori devono lavorare per il bene del paziente e non nuocere. Abbreviato come Il principio 'Primum non nocere' questo credo rappresenta il principio di precauzione nella medicina. Questo mette chiaramente l'interesse individuale del paziente sopra all'interesse della comunità, ovvero del cosiddetto 'gregge'. Questo principio di precauzione porta direttamente all'idea che le vaccinazioni devono essere raccomandate e non forzate. Il rapporto tra medico e paziente si basa prima di tutto sulla fiducia ma la coercizione danneggia questa fiducia. Quando il rapporto tra medico e paziente si basa sulla coercizione, la fiducia viene compromessa e significa che i dottori servono lo Stato e quindi la società, più che il paziente individuale. Questa è una strada rischiosa che la medicina ha percorso troppo spesso in passato. Il Dott. Leo Alexander, il consulente medico primario statunitense ai processi di Norimberga ci avvertì nel 1949: con piccoli passi i valori di una società intera possono essere minati. Spiegò che molto prima che i Nazisti salissero al potere, un cambiamento culturale nella comunità medica "aveva già aperto la strada all'adozione di una visione utilitaristica "infatti già dal 1931 si trovano testimonianze riguardo all'eutanasia e allo sterminio dei disabili. Seguendo il principio di precauzione l'impostazione prestabilita riguardo alle vaccinazioni deve essere quella di raccomandarle, non di forzarle. Gli individui, per se stessi o per i propri figli, devono avere il diritto di accettare o rifiutare interventi medici di prevenzione basandosi su informazioni e senza forza, senza minacce, come quella della perdita di soldi o accesso all'istruzione. Il consenso informato deve essere l'impostazione prestabilita, perché la coercizione non solo distrugge la fiducia, ma limita il diritto fondamentale alla vita, alla libertà, all'integrità del corpo, alla privacy relativa al consenso informato e alle decisioni dei genitori. L'approccio riguardo alle vaccinazioni di molti paesi sviluppati rispettano questi principi, tra i quali alcuni paesi che hanno sponsorizzato questa conferenza, la Germania e il Giappone. Altri paesi che ottengono un alto livello di salute pubblica senza l'uso della forza sono Regno Unito, Australia, Austria Danimarca, Islanda, Olanda, Nuova Zelanda, Svezia, Finlandia, Danimarca, Norvegia, Corea del Sud e Spagna e altri ancora. Nonostante questo, la Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani permette delle limitazioni ai diritti fondamentali, ma questi limiti devono essere imposti dalla legge e devono essere 'per la protezione della salute pubblica ola protezione dei diritti e libertà altrui' Questo tipo di legge deve essere il linea con le leggi internazionali sui diritti umani. Le corti internazionali hanno sviluppato un test per vedere se le restrizioni dei diritti fondamenti sono legittime e legali. Questo test misura se queste leggi siano legali, strettamente necessarie e proporzionali al rischio. Coloro che vogliono imporre la restrizione devono provare che l'obbligatorietà dell'intervento medico sia legale, strettamente necessario e proporzionale al rischio. Generalmente le strette necessità devono essere quelle con meno restrizioni per raggiungere l'obiettivo di salute pubblica e un approccio di non coercizione dev'essere considerato prima di qualsiasi altro. Lo Stato deve dimostrare che un approccio meno restrittivo non è possibile, prima di adottare un approccio più restrittivo. Inoltre, se uno Stato impone l'obbligo della vaccinazione, ha l'obbligo di mettere a disposizione un rimedio efficace per coloro che vengono danneggiati. Come tutti gli altri farmaci, i vaccini comportano dei rischi come la morte, per alcuni individui. La garanzia di un rimedio efficace sta alla base della legge nelle nazioni democratiche, e il rimedio non può essere illusorio, deve essere efficace.

 

 

*******************************************************************

 

 

Le leggi nei confronti dei vaccini sono cambiate drasticamente dall'inizio del ventesimo secolo quando i vaccini erano principalmente interventi d'emergenza sulla popolazione durante epidemie di vaiolo. Al giorno d'oggi, i vaccini vengono dati ai bambini piccoli per prevenzione, ma in assenza di emergenze e per malattie di severità che varia. I legislatori e le corti hanno avuto a che fare con molti problemi partiti da questo tipo di legge, problemi come il piano di risarcimento per i danni da vaccino le esenzioni religiose e filosofiche, il diritto all'istruzione il diritto al consenso informato e il diritto figli. Voglio per quanto riguarda le vaccinazioni. In Giappone nel 1992 la Corte di Tokyoha sentito il caso di 159 sopravvissuti ha concluso che un dalle salute aveva aumentare la copertura vaccinale senza prestare attenzione alle reazioni avverse da vaccino. Inoltre la Corte sentenziò che il ministero della salute non aveva dato abbastanza informazioni al pubblico e ai dottori riguardo agli effetti collaterali dei vaccini. La Corte ha concluso che le vittime avevano il diritto di venire ricompensate. Nell'Ucraina, nel 2004 La Corte Costituzionale ha stabilito che la costituzione garantisce il diritto all'istruzione basandosi sul principio dell'uguaglianza e ha stabilito che ogni bambino ha diritto all'istruzione pubblica indipendentemente dal loro stato vaccinale. La Corte costituzionale della Turchia nel 2015 ha dichiarato che il consenso dei genitori era necessario perla vaccinazione dei loro figli. Nonostante il ministero della sanità fosse dell'opinione chele vaccinazioni fossero nell'interesse del bambino la Corte ha stipulato che l'integrità fisica di un bambino può essere violata solo per necessità mediche e basandosi sulla legge. E questo principio non vale va per quanto riguarda le vaccinazioni ordinarie.  Nel gennaio del 2015 un giudice della Corte costituzionale della Repubblica Ceca ha invece sostenuto una legge che proibiva ai bambini di frequentare l'asilo senza i vaccini contro 9 malattie a meno che i bambini non avessero controindicazioni permanenti. Ma questo giudizio è stato contrapposto da un forte dissenso, che sosteneva chela decisione della Corte era una mossa politica e non si basava su un'analisi rigorosa della Costituzione. I dissidenti sostenevano che la decisione non ha preso in considerazione il fatto che la legge non fosse costituzionale e che questa legge andrà a minare, e non rafforzare la legittimità del programma vaccinale. Negli USA la legittimità delle vaccinazioni scolastiche è stata al centro di un acceso dibattito lo scorso anno, quando quasi 20 Stati hanno introdotto delle legislazioni che limitassero o proibissero del tutto le esenzioni alle vaccinazioni, a parte quelle mediche concesse solo in casi limitati. Solo nello Stato della California è passata questa legge che proibisce qualunque tipo di esenzione a parte quelle mediche, anche se leggi simili già esistono in altri due Stati, Mississippi e West Virginia. E' ancora da vedere se la California sosterrà questa legge che contraddice direttamente la costituzione della California, che a sua volta garantisce il diritto all'istruzione di tutti i bambini. Vedremo se le Corti vorranno aprire le porte a un nuovo tipo di segregazione, che esclude 225.000 bambini il cui stato vaccinale non si conforma perfettamente con quello che detta la California. Con più di 270 vaccini in diversi stadi di ricerca e sviluppo, rimarrà cruciale il ruolo della Corte e della legge per quanto riguarda il rifiuto dell'obbligo vaccinale e per quanto riguarda il ricompenso dato alle vittime del danno da vaccino. Come sappiamo bene, la salute è un business e i vaccini rappresentano un mercato in crescita con margini di profitto sempre più alti. Se non aderiamo ai principi del diritto alla vita e all'integrità del corpo dell'individuo, e il diritto al consenso libero e informato, potremmo andare incontro a danni risaputi e sconosciuti.

Per concludere, voglio parafrasare il presidente Eisenhower quando nel discorso di congedo agli Stati Uniti nel 1961 parlò dei benefici e dei rischi del complesso militare-industriale ma sostituisco questo termine con il termine complesso MEDICO-industriale perché penso che oggi ponga gli stessi rischi e benefici. Eisenhower disse: "Il potenziale per l'ascesa disastrosa di poteri che scavalcano la loro sede e le loro prerogative esiste ora e persisterà in futuro.  Non dobbiamo mai permettere che il peso di questa combinazione di poteri metta in pericolo le nostre libertà o i processi democratici. Non dobbiamo presumere che nessun diritto sia dato per garantito. Soltanto un popolo di cittadini allerta e consapevole può esercitare un adeguato compromesso tra l'enorme macchina industriale medica e i nostri obiettivi in modo che sia la sicurezza che la libertà possano prosperare assieme. "Rispettando le ricerche e le scoperte scientifiche dobbiamo anche prestare attenzione al pericolo che l'ordine pubblico possa in se stesso diventare vittima di un'élite scientifica e tecnologica.  Quindi rimaniamo allerta, ben informati e integriamo l'interesse della salute pubblica globale alle libertà civili. Grazie

 

 

 

26 aprile 2016 25esima  Conferenza sulla Salute e l'Ambiente alle Nazioni Unite

 

La prof. Mary Holland giurista e professore in legge ( Research Scholar and Director of the Graduate Lawyering Program at NYU School of Law ) interviene su politica vaccinale degli stati e diritti umani.

 

La prossima testimonianza è di Mary Holland che è una Research Scholar alla New York University School of Law

-Grazie mille. Per iniziare vorrei porvi un paio di domande semplici. Potete rispondere alzando la mano. Avete mai, per qualsiasi motivo, criticato le Nazioni Unite? Il Consiglio di Sicurezza...? I Peacekeepers? Questioni di bilancio...?Vedo diverse mani alzate. E vi è mai capitato di criticare gli Stati Uniti per qualsiasi motivo?

Politica estera, politica interna... Le elezioni...?
Siamo alle Nazioni Unite, qui negli USA, e la maggior parte di noi ha criticato queste istituzioni a un certo punto nella propria vita. Per me è come chiedere: "Sei vivo? Respiri? Sei capace di pensare? "Criticare è umano e normale.
Quasi tutti noi abbiamo criticato qualcosa perché abbiamo istituzioni complesse che compiono azioni o non le compiono...Ma se ora vi chiedo se avete mai criticato il programma di vaccinazione del vostro paese, forse mostrerete una certa riluttanza a rispondere. E avreste ragione, perché nel dibattito pubblico su questo argomento rispondere: "Sì, ho criticato alcuni aspetti della politica relativa alle vaccinazioni" Significa finire per essere definiti 'anti-vaccino', un termine fondamentalista.

E questo non da parte di pubblicazioni di attivisti o di parte, ma verreste chiamati 'anti-vaccino' da pubblicazioni come il New York Times The New England Journal of Medicine, l'OMS, e dai rapprensentanti delle agenzie come il Center for Disease Control, e associazioni nazionali pediatriche. Le vostre opinioni sui vaccini verrebbero considerate non in linea con l'opinione corrente, ma equivalenti a quelle di coloro che negano il cambiamento climatico. Anche voi verreste considerati, come è accaduto a me, come qualcuno che pensa che la Terra sia piatta. Non fa differenza se critichi i vaccini nell'insieme, sempre e comunque o se semplicemente credi, come tante persone e come me, che il mercurio non dovrebbe mai essere usato come un conservante in nessun vaccino, da nessuna parte del mondo, visto che abbiamo alternative migliori o più sicure. Grazie. Molti tra noi oggi vengono chiamati 'anti-vaccino' ma questa è una deformazione grave. Veniamo chiamati così principalmente per marginalizzare e respingere le nostre opinioni. Ma esattamente come alcuni di voi criticate degli aspetti dell'ONU senza per questo smettere di credere che sia un'istituzione importante la maggior parte di noi ha opinioni con sfumature diverse, pro-salute, e pro-vaccini che siano accessibili, necessari, efficaci e sicuri. Quindi oggi vorrei focalizzare l'attenzione sulla legge che protegge i diritti umani per quanto riguarda i vaccini. Come possiamo bilanciare i diritti della comunità e i diritti dell'individuo? I vaccini di natura sono un intervento medico che deve essere fatto su una popolazione. Se abbastanza persone accettano questo intervento medico, quello che viene definito 'il gregge' sarà protetto da determinate malattie, idea che si basa sulla teoria "dell'immunità del gregge'. Anche se sono gli individui che ricevono i vaccini, il motivo per il quale vengono dati è per il bene dell'individuo e della società. Nello Statuto dell'ONU, l'articolo 1 dice che uno degli scopi prioritari delle Nazioni Unite è di ottenere la co-operazione internazionale e promuovere e incoraggiare il rispetto dei diritti umani, e di tutte le libertà fondamentali. Quindi l'ONU e la comunità internazionale hanno l'obbligo di rispettare il diritti umani per quanto riguarda la vaccinazione. Ma come possiamo farlo? Questa è una domanda importante che merita di essere esaminata, perché ha un effetto profondo sulla salute pubblica e dell'individuo. Fin dalla Seconda Guerra Mondiale la comunità internazionale ha riconosciuto il pericolo del consenso non volontario a esperimenti scientifici su soggetti umani. Dopo le atrocità commesse dai Nazisti, il mondo ha creato il Codice di Norimberga, che afferma: "l consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale. "Il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici conferma questa proibizione contro gli esperimenti non volontarie dice: "Nessuno deve essere sottoposto a esperimenti medici o scientifici senza il proprio consenso" Queste proibizioni sono riconosciute universalmente tanto che delle Corti e degli studiosi hanno dichiarato che il diritto al consenso informato è una questione di legge internazionale consueta. In altre parole, è valida ovunque, che un Paese l'abbia scritto nella sua costituzione o meno. E' pari alle norme che proibiscono schiavitù, genocidio, tortura e pirateria. Ma che dire del consenso informato nel campo della terapia medica, inclusa la terapia preventiva, come i vaccini? Questo è un argomento contenzioso oggigiorno in molti paesi, tra i quali gli USA. Nel 2005, l'UNESCO ha affrontato questo argomento adottando la Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani basandosi sul consenso di 193 paesi, tra i quali gli USA. I paesi che vi hanno preso parte speravano che questa dichiarazione diventasse un principio guida, come era già accaduto con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Questa dichiarazione dice che qualsiasi intervento medico preventivo può essere fatto solo con il consenso informato e libero della persona, consenso basato su informazioni adeguate. La dichiarazione afferma anche che il solo interesse della scienza e della comunità non è sufficiente. Questa dichiarazione è un'estensione del Giuramento di Ippocrate, che risale a 2500 anni fa, che afferma che i dottori devono lavorare per il bene del paziente e non nuocere. Abbreviato come Il principio 'Primum non nocere' questo credo rappresenta il principio di precauzione nella medicina. Questo mette chiaramente l'interesse individuale del paziente sopra all'interesse della comunità, ovvero del cosiddetto 'gregge'. Questo principio di precauzione porta direttamente all'idea che le vaccinazioni devono essere raccomandate e non forzate. Il rapporto tra medico e paziente si basa prima di tutto sulla fiducia ma la coercizione danneggia questa fiducia. Quando il rapporto tra medico e paziente si basa sulla coercizione, la fiducia viene compromessa e significa che i dottori servono lo Stato e quindi la società, più che il paziente individuale. Questa è una strada rischiosa che la medicina ha percorso troppo spesso in passato. Il Dott. Leo Alexander, il consulente medico primario statunitense ai processi di Norimberga ci avvertì nel 1949: con piccoli passi i valori di una società intera possono essere minati. Spiegò che molto prima che i Nazisti salissero al potere, un cambiamento culturale nella comunità medica "aveva già aperto la strada all'adozione di una visione utilitaristica "infatti già dal 1931 si trovano testimonianze riguardo all'eutanasia e allo sterminio dei disabili. Seguendo il principio di precauzione l'impostazione prestabilita riguardo alle vaccinazioni deve essere quella di raccomandarle, non di forzarle. Gli individui, per se stessi o per i propri figli, devono avere il diritto di accettare o rifiutare interventi medici di prevenzione basandosi su informazioni e senza forza, senza minacce, come quella della perdita di soldi o accesso all'istruzione. Il consenso informato deve essere l'impostazione prestabilita, perché la coercizione non solo distrugge la fiducia, ma limita il diritto fondamentale alla vita, alla libertà, all'integrità del corpo, alla privacy relativa al consenso informato e alle decisioni dei genitori. L'approccio riguardo alle vaccinazioni di molti paesi sviluppati rispettano questi principi, tra i quali alcuni paesi che hanno sponsorizzato questa conferenza, la Germania e il Giappone. Altri paesi che ottengono un alto livello di salute pubblica senza l'uso della forza sono Regno Unito, Australia, Austria Danimarca, Islanda, Olanda, Nuova Zelanda, Svezia, Finlandia, Danimarca, Norvegia, Corea del Sud e Spagna e altri ancora. Nonostante questo, la Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani permette delle limitazioni ai diritti fondamentali, ma questi limiti devono essere imposti dalla legge e devono essere 'per la protezione della salute pubblica ola protezione dei diritti e libertà altrui' Questo tipo di legge deve essere il linea con le leggi internazionali sui diritti umani. Le corti internazionali hanno sviluppato un test per vedere se le restrizioni dei diritti fondamenti sono legittime e legali. Questo test misura se queste leggi siano legali, strettamente necessarie e proporzionali al rischio. Coloro che vogliono imporre la restrizione devono provare che l'obbligatorietà dell'intervento medico sia legale, strettamente necessario e proporzionale al rischio. Generalmente le strette necessità devono essere quelle con meno restrizioni per raggiungere l'obiettivo di salute pubblica e un approccio di non coercizione dev'essere considerato prima di qualsiasi altro. Lo Stato deve dimostrare che un approccio meno restrittivo non è possibile, prima di adottare un approccio più restrittivo. Inoltre, se uno Stato impone l'obbligo della vaccinazione, ha l'obbligo di mettere a disposizione un rimedio efficace per coloro che vengono danneggiati. Come tutti gli altri farmaci, i vaccini comportano dei rischi come la morte, per alcuni individui. La garanzia di un rimedio efficace sta alla base della legge nelle nazioni democratiche, e il rimedio non può essere illusorio, deve essere efficace.

 

 

*******************************************************************


Le leggi nei confronti dei vaccini sono cambiate drasticamente dall'inizio del ventesimo secolo quando i vaccini erano principalmente interventi d'emergenza sulla popolazione durante epidemie di vaiolo. Al giorno d'oggi, i vaccini vengono dati ai bambini piccoli per prevenzione, ma in assenza di emergenze e per malattie di severità che varia. I legislatori e le corti hanno avuto a che fare con molti problemi partiti da questo tipo di legge, problemi come il piano di risarcimento per i danni da vaccino le esenzioni religiose e filosofiche, il diritto all'istruzione il diritto al consenso informato e il diritto figli. Voglio per quanto riguarda le vaccinazioni. In Giappone nel 1992 la Corte di Tokyoha sentito il caso di 159 sopravvissuti ha concluso che un dalle salute aveva aumentare la copertura vaccinale senza prestare attenzione alle reazioni avverse da vaccino. Inoltre la Corte sentenziò che il ministero della salute non aveva dato abbastanza informazioni al pubblico e ai dottori riguardo agli effetti collaterali dei vaccini. La Corte ha concluso che le vittime avevano il diritto di venire ricompensate. Nell'Ucraina, nel 2004 La Corte Costituzionale ha stabilito che la costituzione garantisce il diritto all'istruzione basandosi sul principio dell'uguaglianza e ha stabilito che ogni bambino ha diritto all'istruzione pubblica indipendentemente dal loro stato vaccinale. La Corte costituzionale della Turchia nel 2015 ha dichiarato che il consenso dei genitori era necessario perla vaccinazione dei loro figli. Nonostante il ministero della sanità fosse dell'opinione chele vaccinazioni fossero nell'interesse del bambino la Corte ha stipulato che l'integrità fisica di un bambino può essere violata solo per necessità mediche e basandosi sulla legge. E questo principio non vale va per quanto riguarda le vaccinazioni ordinarie.  Nel gennaio del 2015 un giudice della Corte costituzionale della Repubblica Ceca ha invece sostenuto una legge che proibiva ai bambini di frequentare l'asilo senza i vaccini contro 9 malattie a meno che i bambini non avessero controindicazioni permanenti. Ma questo giudizio è stato contrapposto da un forte dissenso, che sosteneva chela decisione della Corte era una mossa politica e non si basava su un'analisi rigorosa della Costituzione. I dissidenti sostenevano che la decisione non ha preso in considerazione il fatto che la legge non fosse costituzionale e che questa legge andrà a minare, e non rafforzare la legittimità del programma vaccinale. Negli USA la legittimità delle vaccinazioni scolastiche è stata al centro di un acceso dibattito lo scorso anno, quando quasi 20 Stati hanno introdotto delle legislazioni che limitassero o proibissero del tutto le esenzioni alle vaccinazioni, a parte quelle mediche concesse solo in casi limitati. Solo nello Stato della California è passata questa legge che proibisce qualunque tipo di esenzione a parte quelle mediche, anche se leggi simili già esistono in altri due Stati, Mississippi e West Virginia. E' ancora da vedere se la California sosterrà questa legge che contraddice direttamente la costituzione della California, che a sua volta garantisce il diritto all'istruzione di tutti i bambini. Vedremo se le Corti vorranno aprire le porte a un nuovo tipo di segregazione, che esclude 225.000 bambini il cui stato vaccinale non si conforma perfettamente con quello che detta la California. Con più di 270 vaccini in diversi stadi di ricerca e sviluppo, rimarrà cruciale il ruolo della Corte e della legge per quanto riguarda il rifiuto dell'obbligo vaccinale e per quanto riguarda il ricompenso dato alle vittime del danno da vaccino. Come sappiamo bene, la salute è un business e i vaccini rappresentano un mercato in crescita con margini di profitto sempre più alti. Se non aderiamo ai principi del diritto alla vita e all'integrità del corpo dell'individuo, e il diritto al consenso libero e informato, potremmo andare incontro a danni risaputi e sconosciuti. Per concludere, voglio parafrasare il presidente Eisenhower quando nel discorso di congedo agli Stati Uniti nel 1961parlò dei benefici e dei rischi del complesso militare-industriale ma sostituisco questo termine con il termine complesso MEDICO-industriale perché penso che oggi ponga gli stessi rischi e benefici. Eisenhower disse: "Il potenziale per l'ascesa disastrosa di poteri che scavalcano la loro sede e le loro prerogative esiste ora e persisterà in futuro.  Non dobbiamo mai permettere che il peso di questa combinazione di poteri metta in pericolo le nostre libertà o i processi democratici. Non dobbiamo presumere che nessun diritto sia dato per garantito. Soltanto un popolo di cittadini allerta e consapevole può esercitare un adeguato compromesso tra l'enorme macchina industriale medica e i nostri obiettiviin modo che sia la sicurezza che la libertà possano prosperare assieme. "Rispettando le ricerche e le scoperte scientifiche dobbiamo anche prestare attenzione al pericolo che l'ordine pubblico possa in se stesso diventare vittima di un'élite scientifica e tecnologica.  Quindi rimaniamo allerta, ben informati e integriamo l'interesse della salute pubblica globale alle libertà civili. Grazie

 

 

 

Pubblicato in Vaccini
Claim betting bonus with GBETTING
Enable